Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Come Gestire il Rischio Integrando l’IA in un Portafoglio Azionario

La rivoluzione tecnologica porta opportunità e volatilità. Tuttavia, esistono modi per catturare l’innovazione dell’intelligenza artificiale (IA) gestendo contemporaneamente il rischio. Gestire il rischio di un portafoglio che integra l’IA è fondamentale per garantire una crescita sostenibile e proteggere gli investimenti. Le aziende al centro della

Scopri

I tassi sui mutui continuano a salire. Calano i prestiti e la fiducia delle imprese

La stretta monetaria della Banca Centrale Europea per contenere gli effetti dell’inflazione continua a mostrare i suoi effetti e sembra peraltro aver iniziato a danneggiare il mercato del credito. I prestiti erogati dalle banche sono calati. Allo stesso tempo, i tassi sui mutui continuano ad avanzare, una salita che va avanti ormai praticamente senza sosta da più di un anno. Tutto ciò sta contribuendo a minare la fiducia delle imprese sulle prospettive economiche dell’Italia. E’ quel che emerge dai dati pubblicati da Bankitalia ieri mattina.

Secondo i dati della serie “Banche e moneta”, i tassi di interesse sui prestiti erogati alle famiglie per l’acquisto di case hanno raggiunto il 4,67% ad agosto, in rialzo rispetto al 4,58% di luglio. Ad agosto del 2022 i tassi sui mutui erano al 2,25%, quasi la metà del livello attuale. II tasso annuale effettivo globale (Taeg) sulle nuove erogazioni di credito al consumo si è attestato al 10,63% (10,48% nel mese precedente). Al contrario, i tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono leggermente diminuiti al 5,01% (5,09% nel mese precedente). Nel complesso, gli interessi sui depositi sono stati pari allo 0,79% (0,76% precedente).

Calano i prestiti erogati dalle banche

I prestiti al settore privato sono diminuiti del 3,4% rispetto all’anno scorso, in calo rispetto al -2,3% registrato a luglio. In particolare, i prestiti alle famiglie sono diminuiti dello 0,6%, contro il -0,3% di luglio. Nel frattempo, i prestiti alle società non finanziarie sono diminuiti del 6,2%. Ciò si confronta con il calo del 4,0% del mese precedente. I depositi del settore privato sono stati in calo del 5,4% rispetto all’anno scorso (contro il -6,5% di luglio).

Peggiorano le aspettative delle imprese italiane

In un’altra indagine di Bankitalia sulle aspettative di crescita delle imprese italiane condotta tra agosto e settembre emerge che le valutazioni delle imprese italiane sulla situazione economica del Paese e le attese sulle proprie condizioni operative sono significativamente peggiorate. La domanda complessiva si è deteriorata, risentendo del calo della componente estera per la prima volta dalla fine del 2020.

Il 20% delle imprese ritiene che le condizioni di accesso al credito siano peggiorate rispetto ai tre mesi precedenti. Si è ulteriormente deteriorato rispetto alla scorsa rilevazione il giudizio sulle condizioni per investire, proseguendo una tendenza in atto dall’inizio del 2022. La quota delle valutazioni di peggioramento è aumentata di 7 punti percentuali rispetto al trimestre precedente (al 35%).

Queste rilevazioni si aggiungono alla nota mensile dell’Istat sull’andamento dell’economia. A settembre l’indice di fiducia dei consumatori è sceso per la terza volta consecutiva, raggiungendo il valore più basso dallo scorso giugno. In particolare, l’istituto evidenzia un deciso peggioramento dei giudizi sulla situazione economica generale, un aumento delle attese sulla disoccupazione e un miglioramento delle valutazioni della situazione finanziaria delle famiglie. Anche l’indice del clima di fiducia delle imprese ha fornito indicazioni negative, registrando un calo che segue quello leggermente più marcato di agosto. La diminuzione della fiducia è stata estesa a tutti i settori di attività, con l’eccezione delle costruzioni in cui i giudizi sugli ordini/piani di costruzioni sono stati positivi mentre le aspettative sull’occupazione hanno mostrato una dinamica negativa.

La debolezza dell’economia italiana

I risultati delle inchieste di famiglie e imprese suggeriscono che la fase di debolezza dell’economia italiana potrebbe proseguire nei prossimi mesi. Dopo un primo trimestre forte, nel secondo trimestre si è registrata una contrazione a fronte di una domanda domestica relativamente debole.

L’Italia sta affrontando un indebolimento del settore manifatturiero industriale e degli investimenti dell’edilizia. Anche il settore dei servizi sta attraversando una fase di debolezza. In Italia si vede da una parte l’impulso positivo del Pnrr e dall’altra l’indebolimento di costruzioni e manifattura, in un contesto in cui i servizi si indeboliscono a livello globale.

Il Fondo monetario internazionale ha ridotto le stime per l’Italia allo 0,7% sia per il 2023 che per il 2024. La Nadef parla di un prodotto interno lordo allo 0,8% nel 2023. Per il 2024, la previsione è dell’1,2%. Per quanto riguarda l’inflazione, questa scenderà in Italia così come negli altri paesi dell’area dell’euro grazie al riallineamento del prezzi dell’energia e al restringimento delle condizioni di finanziamento.

Lo stimolo del programma finanziato dall’Europa dovrebbe vedersi in maniera più evidente nel 2024, secondo l’Istat, che immagina un prodotto lordo a rilento nei prossimi mesi, dovuto anche alla difficoltà delle famiglie a ottenere prestiti e mutui e al basso potere d’acquisto, visto che i salari – corretti per l’aumento dei prezzi – sono tornati sotto i livelli del 2009.

La crescita economica potrebbe risentire anche dell’instabilità in Medio Oriente, che potrebbe peggiorare i commerci internazionali e aumentare i prezzi dell’energia in un quadro già incerto a causa della guerra in Ucraina.

In aggiunta a tutto ciò, c’è sempre l’ombra del debito pubblico. Secondo il Fmi quello italiano arriverà al 143,7% nel 2023 e al 143,2% nel 2024 per poi scendere progressivamente al 140,1% nel 2028.

ARTICOLI CORRELATI:

BCE e FED aumentano i tassi, e i mutui a tasso variabile si alzano

L’impatto dei tassi d’interesse più alti su economia e finanza

Cosa potrebbe spingere le banche europee ad aumentare i tassi sui depositi?

I rendimenti delle obbligazioni italiane aumentano sottolineando le sfide del governo Meloni

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.