I quadranti dei rendimenti reali

I rendimenti reali rappresentano la differenza tra i rendimenti nominali e il tasso d’inflazione. Immaginiamo di tenere 1000 euro dei nostri risparmi in una cassaforte. Se il tasso d’inflazione è del 2% abbiamo perso 20 euro sui 1000 che avevamo deciso di risparmiare. Lo stesso accadrebbe se investissimo in obbligazioni. Supponiamo di acquistare delle obbligazioni con un rendimento nominale del 5% e che l’inflazione sia ancora del 2%. Il rendimento reale sarà uguale a (5-2)=3%. In questo post spiegheremo il loro comportamento introducendo i quattro quadranti dei rendimenti reali.

Perchè i rendimenti reali sono importanti?

L’andamento dei rendimenti reali impatta su molti asset. L’asset che più viene influenzato dai rendimenti reali è l’oro. Per l’oro si osserva infatti una forte correlazione inversa. I rendimenti reali ci comunicano effettivamente quali sono le aspettative d’inflazione futura, quelle sulla crescita economica e l’appetito al rischio degli investitori. Rendimenti reali negativi tendono ad incoraggiare gli investitori ad alzare l’asticella del rischio per ottenere rendimenti migliori. I capitali si spostano così da asset sicuri come le obbligazioni verso asset più rischiosi.

I tassi di pareggio

Per analizzare i quadranti dei rendimenti reali è necessario prendere in considerazione i breakeven inflation rate. Essi vengono chiamati anche tassi di pareggio o inflazione di pareggio. Rappresentano la differenza tra il rendimento nominale e il rendimento reale dell’obbligazione con la stessa maturità ma indicizzata all’inflazione. I tassi di pareggio ci danno la stima più precisa dell’inflazione che possiamo aspettarci in futuro.
I quattro quadranti riescono a identificare il comportamento del dollaro americano in relazione ai rendimenti reali e ai tassi di pareggio.

Come rappresentare i quadranti dei rendimenti reali

I rendimenti reali si muovono grazie al movimento dell’inflazione o dei rendimenti nominali. Immaginiamo di dividere il foglio in quattro quadranti. Sulle ascisse segniamo i rendimenti reali e sulle ordinate i tassi di pareggio. In questo modo i due quadranti di destra vedranno rendimenti reali in aumento e quelli di sinistra in diminuzione. Nei due quadranti superiori i tassi di pareggio sono in aumento. Viceversa, in quelli inferiori i tassi di pareggio saranno in diminuzione.

I quadranti dei rendimenti reali: aumentano i tassi di pareggio

Il primo quadrante è quello in cui aumentano i tassi di pareggio e si abbassano i rendimenti reali. In questo contesto le banche centrali abbassano i tassi d’interesse. Durante questa fase l’appetito al rischio è più alto perché i rendimenti reali sono bassi. Il dollaro americano tende a scendere e le performance delle obbligazioni rimangono neutrali. Nel secondo quadrante i tassi di pareggio continuano ad aumentare insieme ai rendimenti reali. In questo caso i tassi di pareggio non aumentano perché stanno scendendo i rendimenti reali. L’aumento è guidato dal movimento rialzista dei rendimenti nominali. In questa fase è difficile vedere le banche centrali allentare le politiche monetarie. Questo perché, probabilmente, i tassi d’interesse hanno raggiunto il loro bottom e la ripresa economica è già ben avviata. L’appetito al rischio è più moderato perché gli asset si sono gonfiati e il risk/reward comincia a stringersi.

I tassi di pareggio diminuiscono

Nel terzo quadrante diminuiscono i tassi di pareggio perché stanno aumentando i tassi reali. In questa fase, le banche centrali diminuiscono gli stimoli per prevenire surriscaldamenti dell’economia. Il dollaro tende a rafforzarsi mentre le obbligazioni sono piuttosto neutrali. Il dollaro vede flussi di capitale positivi perché gli investitori esteri sono attratti da rendimenti in rialzo. Le attività più rischiose cominciano a frenarsi e le obbligazioni difensive tendono a sovraperformare. Nel quarto quadrante il tasso di pareggio diminuisce insieme ai rendimenti reali. Anche i tassi nominali aumentano. Ciò comporta un deterioramento delle condizioni economiche che porterà le banche centrali a tagliare i tassi. In queste situazioni ci si può trovare davanti ad una recessione, un crash o un regime di deflazione. Il dollaro rimane neutrale mentre le obbligazioni tendono a salire. L’appetito al rischio diminuisce drasticamente e i capitali si spostano verso asset più sicuri.

Il contesto in cui ci troviamo oggi

Nell’ultimo anno ci siamo trovati nel primo quadrante.
Al momento però, i rendimenti reali stanno aumentando, seguiti dai rendimenti nominali.

I rendimenti reali
i quadranti dei rendimenti reali
I rendimenti reali sono iniziati ad aumentare dopo aver toccato un livello davvero basso. Tuttavia si trovano ancora in territorio negativo

Allo stesso tempo i tassi di pareggio stanno diminuendo dopo aver toccato il picco a novembre 2021.

I tassi di pareggio a 5 e 10 anni
i quadranti dei rendimenti reali: i tassi di pareggio
I tassi di pareggio, dopo aver toccato il picco a novembre 2021, hanno cominciato a scendere

Le aspettative di inasprimento della Fed e del miglioramento della catena di approvvigionamento sono servite a calmare le aspettative di inflazione. Gli asset di rischio stanno risentendo di questo aumento repentino dei tassi reali. Tuttavia essi si trovano ancora in territorio negativo. Per quanto durerà la loro salita?
Staremo a vedere…

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.