Quanto è difficile misurare l’inflazione?

Con i prezzi in rapido aumento dopo la pandemia di Covid, raramente i dati sull’inflazione sono stati così presenti nel dibattito pubblico come negli ultimi anni. Le stime dell’inflazione per un dato mese possono cambiare sostanzialmente man mano che vengono rilasciati i dati successivi. Ad

Scopri

Fino a quando rimarranno alti i tassi di interesse?

Per quanto tempo i mutuatari di tutto il mondo riusciranno a sostenere tassi di interesse più alti è forse la domanda più importante in economia in questo momento. L’analisi dei funzionari politici ha portato a previsioni errate secondo cui l’inflazione si sarebbe rivelata transitoria con

Scopri

E’ giunta la fine dell’era della globalizzazione?

La parola “geopolitica” sta emergendo sempre più spesso nelle chiamate degli utili e nei documenti di alcune delle più grandi aziende del mondo. Tutte le discussioni sulla fine dell’era della globalizzazione non sono più solo chiacchiere. Adesso iniziano ad emergere prove concrete del fatto che

Scopri

La Russia vieta temporaneamente le esportazioni di diesel e benzina

La decisione della Russia di vietare temporaneamente le esportazioni di diesel e benzina rischia di interrompere le forniture prima dell’inverno. Il carburante di tipo diesel alimenta diverse aree dell’economia globale. La perdita di offerta, e qualsiasi aumento dei prezzi, avrà quindi vaste implicazioni. Ma quanto

Scopri

La BCE aumenta i tassi di 25 pb: l’inflazione rimane la priorità

La Banca centrale europea ha aumentato i tassi di 25 punti base ed ha insistito sul fatto che la mossa non sarà l’ultima. Il tasso sui depositi si trova adesso al 3,25%, il livello più alto dal 2008. La decisione è stata quasi unanime, con alcuni membri del Consiglio direttivo che erano a favore di un aumento maggiore.

Le decisioni future rimarranno dipendenti dai dati in quanto l’obiettivo è quello di aumentare i tassi a livelli sufficientemente restrittivi per riportare l’inflazione al 2%. La BCE non ha fornito indicazioni specifiche su quanto tempo i tassi d’interesse rimarranno a quei livelli.

“Nel complesso, le informazioni in arrivo supportano ampiamente la valutazione delle prospettive di inflazione a medio termine che il Consiglio direttivo ha formato nella sua precedente riunione. L’inflazione complessiva è diminuita negli ultimi mesi, ma le pressioni sottostanti sui prezzi rimangono forti. Allo stesso tempo, i passati aumenti dei tassi vengono trasmessi con forza alle condizioni finanziarie e monetarie dell’area dell’euro, mentre i ritardi e la forza della trasmissione all’economia reale rimangono incerti”, si legge nella dichiarazione della BCE.

APP e PEPP

Il portafoglio APP sta diminuendo a un ritmo misurato di 15 miliardi di euro al mese. La BCE prevede di interrompere i reinvestimenti nell’ambito del suo programma di acquisto di attività a partire da luglio. La riduzione della sua scorta di obbligazioni di circa 5 trilioni di euro non ha causato rotture nei mercati finanziari.

Per quanto riguarda il PEPP, il Consiglio Direttivo intende reinvestire i pagamenti di capitale dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito del programma almeno fino alla fine del 2024. In ogni caso, il Consiglio direttivo continuerà ad applicare flessibilità nel reinvestimento dei rimborsi in scadenza nel portafoglio PEPP, al fine di contrastare i rischi per il meccanismo di trasmissione della politica monetaria.

Le operazioni di rifinanziamento

Poiché le banche stanno rimborsando gli importi presi in prestito nell’ambito delle operazioni mirate di rifinanziamento a lungo termine, il Consiglio direttivo valuterà regolarmente in che modo le operazioni di prestito contribuiscono al suo orientamento di politica monetaria.

Il Consiglio direttivo è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti nell’ambito del suo mandato per garantire che l’inflazione ritorni al suo obiettivo del 2% nel medio termine e per preservare il buon funzionamento della trasmissione della politica monetaria.

Inoltre, il Transmission Protection Instrument è disponibile per contrastare dinamiche di mercato ingiustificate e disordinate che rappresentano una seria minaccia per la trasmissione della politica monetaria in tutti i paesi dell’area dell’euro, consentendo così al Consiglio direttivo di adempiere più efficacemente al suo mandato di stabilità dei prezzi.

L’inflazione rimane la priorità della BCE

Con l’inflazione principale ben al di sotto del picco di ottobre e un indicatore delle pressioni sui prezzi sottostanti in calo per la prima volta in 10 mesi, anche se di poco, i politici della BCE stanno contemplando la fine del loro ciclo di inasprimento monetario senza precedenti.

inflazione eurozona aprile 2023

Il lavoro non è del tutto finito. Il mercato si aspetta altri due aumenti di 25 punti base e sta scommettendo su un picco dei tassi a settembre.

Lagarde ha sottolineato che permangono rischi al rialzo per le prospettive di inflazione. I politici hanno monitorato a lungo la crescita dei salari, ma ora stanno anche osservando più da vicino i margini di profitto delle imprese, che si sono ampliati durante lo shock inflazionistico e potrebbero sostenere le pressioni sui prezzi se un mercato del lavoro resiliente continua a sostenere la domanda. La disoccupazione nella regione dell’euro ha toccato il minimo storico del 6,5% a marzo, secondo i dati di questa settimana.

Oltre alle letture di aprile sugli aumenti dei prezzi, prima della decisione la BCE ha ricevuto i dati sul prodotto interno lordo del primo trimestre, che hanno rivelato un’espansione economica più lenta del previsto. Inoltre, dal sondaggio sulle banche europee sono emerse condizioni di credito più restrittive del previsto.

banche europee restringono credito

Tuttavia, l’inflazione rimane la principale preoccupazione, con i 375 punti base di inasprimento da luglio dello scorso anno che filtrano ancora attraverso l’economia e l’obiettivo per la crescita dei prezzi ancora lontano.

ARTICOLI CORRELATI:

E’ improbabile che la BCE segnali un altro grande aumento dei tassi dopo il crollo di SVB

La BCE dichiara un aumento di 50 pb e segnala lo stesso per marzo

BCE e FED aumentano i tassi, e i mutui a tasso variabile si alzano

La BCE aumenta i tassi di 50 pb e segnala ulteriori mosse

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.