Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

La BCE dichiara un aumento di 50 pb e segnala lo stesso per marzo

La BCE ha dichiarato un aumento di 50 pb e segnalato un’altra mossa di quell’entità il mese prossimo per poi valutare il percorso successivo. Il tasso sui depositi ha raggiunto il 2,5%, il livello più alto dal 2008.

Nonostante abbia ammesso che le prospettive di inflazione stanno migliorando, Lagarde ha avvertito che l’inasprimento monetario più aggressivo nella storia della BCE non è terminato.

L’aumento dei prezzi al consumo ha rallentato per il terzo mese consecutivo a gennaio, come hanno mostrato i dati preliminari di questa settimana. Secondo la BCE, i rischi per le prospettive di crescita e inflazione sembrano più equilibrati adesso.

inflazione euro area gennaio 2023

Anche dopo il rallentamento più marcato del previsto a gennaio, l’inflazione in Euro Area rimane più di quattro volte l’obiettivo del 2% della BCE. Inoltre, una misura delle pressioni sui prezzi sottostanti si trova a un record.

Un aumento di 50 pb alla riunione della BCE di marzo è altamente probabile

Parlando di un ulteriore aumento di 50 pb a marzo, la presidente della BCE ha dichiarato: “Non riesco a pensare a scenari, a meno che non siano piuttosto estremi, in cui ciò non accadrebbe. La nostra determinazione a raggiungere un’inflazione a medio termine del 2% non dovrebbe essere messa in dubbio. Né dovrebbe essere messo in dubbio il fatto che una volta che saremo in un territorio restrittivo vorremo rimanerci a sufficienza”.

Lagarde ha anche sottolineato che è probabile che gli aumenti persistano oltre il prossimo mese. “Sappiamo di avere terreno da coprire”, ha detto. “Sappiamo che non abbiamo finito”.

Oltre al suo impegno sui tassi, la BCE ha anche fornito maggiori dettagli su come intende ridurre il suo portafoglio obbligazionario da 5 trilioni di euro, riaffermando un limite mensile di 15 miliardi di euro tra marzo e giugno sul debito che può scadere.

La BCE vuole recuperare il ritardo

Con la Federal Reserve e la Bank of England che inviano segnali meno aggressivi, i funzionari della BCE insistono sul fatto che la loro lotta contro l’inflazione non è finita e stanno cercando di convincere che saranno gli ultimi a terminare l’inasprimento.

In contrasto con la BCE, mercoledì la Fed ha alzato i tassi di un quarto di punto. Il presidente Jerome Powell ha fatto intendere che il picco dei tassi è abbastanza vicino e che la banca centrale ha davanti ancora un paio di aumenti. Allo stesso modo, la Bank of England ha segnalato giovedì che il suo inasprimento potrebbe volgere al termine.

La scorsa settimana, la Bank of Canada ha comunicato direttamente che metterà in pausa gli aumenti per valutare la situazione. Tutte queste controparti hanno iniziato ad alzare i tassi prima della BCE e a livelli molto più alti.

ciclo inasprimento banche centrali

Mentre la loro giustificazione è che le pressioni sui prezzi sottostanti non sono meno preoccupanti e che l’inasprimento dell’Eurozona è meno avanzato rispetto ai suoi pari, i funzionari della BCE rischiano di sembrare sempre più isolati mentre gli investitori mostrano una crescente fiducia che lo shock inflazionistico globale stia svanendo. La loro posizione potrebbe iniziare a sembrare troppo ostinata se i dati non dovessero giustificare un’azione così decisa.

Falchi contro colombe

Dopo aver interrotto la forward guidance la scorsa estate, la BCE ha affermato che tutte le decisioni vengono prese “riunione per riunione” e in base ai dati in arrivo. Ciò non ha impedito alla presidente di promettere un altro aumento di 50 pb a marzo.

Prima dell’incontro di ieri, i colleghi della Lagarde si sono espressi pubblicamente, indicando probabili divisioni all’interno del Consiglio direttivo.

Da un lato, il presidente della Bundesbank Joachim Nagel e il francese Francois Villeroy de Galhau hanno segnalato il sostegno a mosse di mezzo punto, così come i politici di Austria, Slovenia, Slovacchia, Finlandia, Irlanda e Paesi baltici. I migliori falchi, come il capo della banca centrale olandese Klaas Knot, non vedono spazio per rallentare prima della metà dell’anno.

All’estremo opposto, l’italiano Ignazio Visco si chiede se sia meglio rischiare di inasprire troppo invece che troppo poco. Anche il greco Yannis Stournaras sollecita passi più graduali.

Valutare quale gruppo prevarrà è complicato da una prospettiva in rapida evoluzione. Le nuove previsioni trimestrali di marzo potrebbero aggiungere un po’ di chiarezza.

falchi colombe BCE

I mercati non prendono sul serio la BCE

Lagarde ha citato gli aumenti dei prezzi al consumo core, attualmente a un record nella storia della moneta unica, e anche il rischio di pressioni salariali come ragioni per stare all’erta. Ma la reazione del mercato suggerisce che tale retorica da falco sta iniziando a cadere nel vuoto.

Le obbligazioni dell’area dell’euro hanno esteso i guadagni sulla base della speculazione che il ritmo della stretta monetaria rallenterà. Il debito italiano ha guidato l’impennata, con il rendimento a 10 anni che è crollato di quasi 40 punti base al 3,90%, il calo maggiore da marzo 2020. Il rendimento di riferimento della Germania è sceso di 20 punti base.

I mercati monetari hanno aumentato le scommesse per un aumento di mezzo punto a marzo, sebbene abbiano ridotto le scommesse sul picco del ciclo di inasprimento al di sotto del 3,5%.

ARTICOLI CORRELATI:

BCE e FED aumentano i tassi, e i mutui a tasso variabile si alzano

La BCE aumenta i tassi di 50 pb e segnala ulteriori mosse

La BCE aumenta i tassi d’interesse al livello più alto in più di un decennio nonostante il rischio recessione

La BCE ha aumentato i tassi di 75 punti base

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.