Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

La valutazione del Bitcoin può essere difficile in quanto si tratta di una classe di attività distinta rispetto alle normali azioni. Gli approcci di valutazione tradizionali, come i multipli PE e l’analisi basata sugli utili, potrebbero non applicarsi direttamente al Bitcoin. Di conseguenza, investitori e

Scopri

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Il crollo di Adani Group, scaturito dalle accuse di frode di Hindenburg Research, è entrato nella sua quarta sessione. Nonostante la dimostrazione di sostegno da parte di un investitore chiave, le perdite hanno raggiunto i 74 miliardi di dollari. Le azioni della maggior parte delle

Scopri

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Tesla ha registrato profitti migliori del previsto nell’ultimo trimestre, anche se ha fornito segnali contrastanti sulle prospettive di crescita delle consegne di veicoli. Gli utili del quarto trimestre di Tesla battono le stime, attestandosi a $ 24,3 miliardi. I margini lordi del settore automobilistico, tuttavia,

Scopri

NYSE: interruzione del trading dopo un problema tecnico

Un’interruzione del trading per alcuni titoli quotati sul NYSE ha fatto venire i brividi a Wall Street poiché dozzine di società ad alta capitalizzazione sembravano cancellare miliardi di dollari di valore di mercato senza una ragione apparente. Il trading è stato interrotto nei primi 30

Scopri
Investire sugli Oscar 2023

Investire sui vincitori agli Oscar 2023

Negli ultimi 10 anni, un investitore che avesse investito nella società pubblica che possedeva il distributore del film vincitore il mese prima della premiazione e avesse venduto un mese dopo, avrebbe avuto un guadagno medio del 7,6%.
Tuttavia, indovinare quale film vincerà è difficile e spesso non c’è modo di investire nella distribuzione del film.
Anche se gli investitori scelgono il film giusto, non c’è garanzia di successo: il 40% delle volte la società pubblica che ha distribuito il film vincitore è rimasta indietro rispetto all’S&P 500.

Scopri

BlockFi va in bancarotta sulla scia del crollo di FTX

Il prestatore di criptovalute BlockFi Inc. è andato in bancarotta, diventando l’ultima azienda di asset digitali a crollare sulla scia della rapida caduta dell’exchange FTX.

La società ha dichiarato lunedì che utilizzerà il processo del Capitolo 11 per concentrarsi sul recupero di tutti gli obblighi dovuti a BlockFi dalle sue controparti, tra cui FTX e le entità aziendali associate. E’ probabile che i recuperi vengano ritardati dal fallimento di FTX.

Il Capitolo 11 consente a un’azienda di continuare a operare mentre elabora un piano per rimborsare i creditori.

BlockFi bancarotta fallimento capitolo 11

Le attività e le passività di BlockFi sono stimate rispettivamente a 1 e 10 miliardi di dollari. La società ha dichiarato di avere circa 257 milioni di dollari in contanti e che sta avviando un piano interno per ridurre considerevolmente le spese. Prima della dichiarazione di fallimento, BlockFi ha venduto circa 239 milioni di dollari della propria criptovaluta e ha avvertito quasi 250 lavoratori che avrebbero perso il lavoro.

Citando una mancanza di chiarezza sullo stato del fallimento di FTX e Alameda Research, la società con sede a Jersey City, nel New Jersey, ha precedentemente interrotto i prelievi e ha affermato che stava esplorando tutte le opzioni possibili con consulenti esterni.

I problemi di BlockFi

BlockFi ha collaborato con FTX US dopo aver subito un colpo di 80 milioni di dollari dal debito inesigibile dell’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital, che è imploso dopo il crollo della stablecoin TerraUSD a maggio.

La società aveva una significativa esposizione all’impero delle società fondate dall’ex amministratore delegato di FTX Sam Bankman-Fried. La società ha ricevuto una linea di credito di 400 milioni di dollari da FTX US in un accordo che ha anche dato alla società la possibilità di acquisire BlockFi attraverso un piano di salvataggio orchestrato da Bankman-Fried durante l’estate. BlockFi aveva anche prestiti garantiti ad Alameda Research, la società commerciale co-fondata da Bankman-Fried.

A seguito delle indagini su FTX da parte della US Securities Exchange Commission e della Commodity Futures Trading Commission sul potenziale uso improprio dei fondi dei clienti, è diventato poco chiaro a BlockFi da dove provenissero i finanziamenti della linea di credito da FTX e le garanzie sui prestiti ad Alameda.

FTX US è elencata nella petizione della società come uno dei suoi principali creditori non garantiti, con un prestito di 275 milioni di dollari. Il più grande creditore non garantito della società, Ankura Trust Company, ha un debito di circa 729 milioni di dollari.

Proprio come per il fallimento di FTX, i nomi di molti dei principali creditori non sono stati resi noti nella dichiarazione. Ci vorrà del tempo per determinare l’importo totale dovuto ai creditori da entrambe le società.

BlockFi prima della bancarotta

BlockFi è stata fondata nel 2017 da Zac Prince e Flori Marquez e nei suoi primi giorni ha avuto il sostegno di influenti investitori di Wall Street come Mike Novogratz e Valar Ventures, un fondo di venture capital sostenuto da Peter Thiel e Winklevoss Capital. Valar era uno dei maggiori azionisti di BlockFi con una quota del 19%, come mostrano le dichiarazioni di fallimento.

BlockFi ha fatto scalpore nel 2019 quando ha iniziato a fornire conti fruttiferi con rendimenti pagati in Bitcoin e Ethereum. Il suo programma ha attirato subito milioni di dollari in depositi.

L’azienda è cresciuta durante gli anni della pandemia e aveva uffici a New York, New Jersey, Singapore, Polonia e Argentina, secondo il suo sito web. Il co-fondatore Prince in un’intervista del marzo 2021 con Bloomberg ha affermato che BlockFi stava utilizzando i proventi di un round di finanziamento da 350 milioni di dollari per espandersi in nuovi mercati e finanziare nuovi prodotti. Bain Capital Ventures e Tiger Global erano tra gli investitori in quel round.

Originariamente valutata a $ 3 miliardi nel marzo 2021, BlockFi ha cercato di raccogliere fondi con una valutazione ridotta di circa $ 1 miliardo a giugno.

L’azienda ha anche affrontato il controllo delle autorità di regolamentazione finanziaria sui suoi conti fruttiferi e ha accettato di pagare $ 100 milioni di sanzioni alla SEC e a diversi stati. La SEC è elencata nella dichiarazione di fallimento come il quarto maggior creditore di BlockFi, con 30 milioni di dollari dovuti all’agenzia.

Il rischio di contagio

Il fallimento di BlockFi sottolinea i significativi rischi di contagio degli asset associati all’ecosistema crittografico e, potenzialmente, processi di gestione del rischio carenti.

BlockFi è l’ultima società di criptovalute ad andare in bancarotta a causa di un prolungato crollo dei prezzi degli asset digitali. Anche i finanziatori Celsius Network LLC e Voyager Digital Holdings Inc. hanno presentato istanza di protezione giudiziaria quest’anno. Il broker di criptovalute Genesis sta lottando per raccogliere almeno $ 1 miliardo di capitale e ha avvertito i potenziali investitori che potrebbe dover presentare istanza di fallimento se i suoi sforzi fallissero.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa succederà al mercato delle crypto dopo il crollo FTX?

Contagio FTX: Genesis lotta per evitare la bancarotta

L’acquisizione di FTX da parte di Binance sconvolge il mondo delle crypto

Il crollo TerraUSD rappresenta davvero la fine delle stablecoin algoritmiche?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.