Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Carry Trade: quali sono i rischi?

Il carry trade è una strategia che consiste nel prendere in prestito denaro in paesi caratterizzati da tassi di interesse bassi per poi investirlo in altri paesi con tassi più alti o in titoli con un rendimento tale da permettere non solo di ripagare il debito ma anche di generare un profitto.

In genere, le operazioni di carry trade si orientano su valute con un tasso di cambio stabile e su strumenti che hanno un rendimento sufficiente senza un rischio eccessivo, come ad esempio i titoli di Stato. L’obiettivo di queste operazioni è appunto quello di guadagnare sulla differenza tra i tassi d’interesse di due valute diverse.

A causa dei rischi connessi, le operazioni di carry trade sono appropriate solo per gli investitori con le tasche più profonde.

I rischi del carry trade

Il rischio di cambio deriva dalla variazione del prezzo di una valuta rispetto a un’altra. Gli investitori o le società che hanno beni o operazioni commerciali all’estero sono esposti al rischio valutario, che può creare profitti e perdite imprevedibili. Molti investitori istituzionali, come hedge fund e fondi comuni di investimento, e multinazionali utilizzano forex, futures, contratti di opzione o altri derivati ​​per coprire il rischio.

Il rischio valutario in un carry trade è raramente coperto poiché la copertura imporrebbe un costo aggiuntivo o annullerebbe il differenziale positivo dei tassi di interesse.

Ad esempio, nel 2007 il carry trade che coinvolgeva lo yen giapponese aveva raggiunto $ 1 trilione poiché lo yen era diventato una valuta preferita per i prestiti grazie a tassi di interesse vicini allo zero. Ma quando l’economia globale si è deteriorata durante la crisi finanziaria del 2008, il crollo dei prezzi delle attività ha portato allo scioglimento del carry trade dello yen.

yen carry trade

I carry trade sono popolari quando c’è un’ampia propensione al rischio. Tuttavia, se l’ambiente finanziario cambia bruscamente e gli speculatori sono incastrati nei carry trade, le conseguenze per l’economia globale possono essere negative.

Cos’è il carry negativo?

Il carry negativo è una condizione in cui il costo della detenzione di un investimento o di un titolo supera il reddito guadagnato durante la sua detenzione. Un carry trade negativo è spesso indesiderabile perché significa che l’investimento sta perdendo denaro fintanto che il valore principale dell’investimento rimane lo stesso o diminuisce. Tuttavia, molti investitori e professionisti entrano regolarmente in tali condizioni quando prevedono un guadagno significativo dal mantenimento dell’investimento nel tempo.

Qualsiasi investimento il cui mantenimento costa di più rispetto a quello che restituisce può comportare un carry negativo. Un investimento con carry negativo può essere una posizione in titoli (come obbligazioni, azioni, futures o posizioni forex), immobili (come una proprietà in affitto) o persino un’attività commerciale. Anche le banche possono sperimentare un carry negativo se il reddito guadagnato da un prestito è inferiore al costo dei fondi della banca.

Questa misura non include eventuali plusvalenze che potrebbero verificarsi quando l’attività viene venduta o matura. Tali guadagni previsti sono spesso la ragione principale per cui vengono avviati e detenuti investimenti con carry negativo.

Il carry negativo nel forex

Gli investitori nel mercato dei cambi possono avere un carry trade negativo quando prendono in prestito denaro in una valuta con tassi di interesse elevati e investono i proventi in attività denominate in una valuta con tassi di interesse inferiori. Tuttavia, se il valore della valuta con il rendimento più elevato diminuisce rispetto alla valuta con rendimento inferiore, lo spostamento favorevole dei tassi di cambio può creare profitti che compensano il carry negativo.

Il carry negativo nel forex cerca quindi di sfruttare le differenze nei tassi di cambio e nei tassi di interesse associati a valute diverse, ed è effettivamente l’opposto della più popolare strategia di carry trade.

Un trader avvierebbe il carry trade negativo solo se credesse che la valuta a basso interesse in cui sta investendo si apprezzerà rispetto alla valuta ad alto interesse in cui sta prendendo in prestito. In quello scenario, il trader trarrebbe profitto dall’inversione dell’operazione iniziale: vendendo la valuta che ha acquistato in cambio della valuta con cui ha preso in prestito, quindi rimborsando il debito e intascando il guadagno sulla transazione. Naturalmente, questo potenziale guadagno dovrebbe superare il costo dei pagamenti degli interessi effettuati per tutta la durata dell’investimento affinché l’intera transazione abbia successo.

In che modo un carry trade può influire negativamente su un investitore?

Supponiamo che un investitore abbia preso in prestito $ 10.000 e li abbia depositati in un’altra valuta che offre un tasso di interesse del 6%. A fine anno, se il tasso di cambio tra dollaro e la valuta a più alto rendimento è lo stesso, il rendimento di questo carry trade è del 5% (6% – 1%). Se la valuta si è apprezzata del 10%, il rendimento sarebbe del 15% (5% + 10%). Tuttavia, se la valuta ha perso il 10%, il rendimento sarebbe -5% (5% – 10%).

ARTICOLI CORRELATI:

Caos nel mercato del forex: la forza del dollaro fa parlare di una ripetizione del Plaza Accord

Il rischio per il sistema finanziario derivante dai derivati valutari

La crisi valutaria: perché la situazione attuale è diversa dalla crisi finanziaria asiatica del 1997?

Il currency peg: come funziona il tasso di cambio fisso?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.