Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

La valutazione del Bitcoin può essere difficile in quanto si tratta di una classe di attività distinta rispetto alle normali azioni. Gli approcci di valutazione tradizionali, come i multipli PE e l’analisi basata sugli utili, potrebbero non applicarsi direttamente al Bitcoin. Di conseguenza, investitori e

Scopri

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Il crollo di Adani Group, scaturito dalle accuse di frode di Hindenburg Research, è entrato nella sua quarta sessione. Nonostante la dimostrazione di sostegno da parte di un investitore chiave, le perdite hanno raggiunto i 74 miliardi di dollari. Le azioni della maggior parte delle

Scopri

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Tesla ha registrato profitti migliori del previsto nell’ultimo trimestre, anche se ha fornito segnali contrastanti sulle prospettive di crescita delle consegne di veicoli. Gli utili del quarto trimestre di Tesla battono le stime, attestandosi a $ 24,3 miliardi. I margini lordi del settore automobilistico, tuttavia,

Scopri

NYSE: interruzione del trading dopo un problema tecnico

Un’interruzione del trading per alcuni titoli quotati sul NYSE ha fatto venire i brividi a Wall Street poiché dozzine di società ad alta capitalizzazione sembravano cancellare miliardi di dollari di valore di mercato senza una ragione apparente. Il trading è stato interrotto nei primi 30

Scopri
Investire sugli Oscar 2023

Investire sui vincitori agli Oscar 2023

Negli ultimi 10 anni, un investitore che avesse investito nella società pubblica che possedeva il distributore del film vincitore il mese prima della premiazione e avesse venduto un mese dopo, avrebbe avuto un guadagno medio del 7,6%.
Tuttavia, indovinare quale film vincerà è difficile e spesso non c’è modo di investire nella distribuzione del film.
Anche se gli investitori scelgono il film giusto, non c’è garanzia di successo: il 40% delle volte la società pubblica che ha distribuito il film vincitore è rimasta indietro rispetto all’S&P 500.

Scopri

La crisi valutaria: perché la situazione attuale è diversa dalla crisi finanziaria asiatica del 1997?

Ogni volta che l’Asia è sotto pressione finanziaria, vengono fatti confronti con il crollo della fine degli anni ’90 e la crisi valutaria associata. Nonostante i paesi dell’Asia stiano passando tempi difficili, la situazione attuale è ben lontana da quella della crisi finanziaria asiatica.

La crisi del 1997 ha segnato la fine di un’era caratterizzata da tassi di crescita stratosferici e il clamore su un’Asia sempre più ricca. La crisi valutaria ha portato a drammatici sconvolgimenti politici e, nel caso dell’Indonesia, a violenze e rivoluzioni. Oggi non siamo neanche lontanamente vicini a quel punto.

Le valute asiatiche sono diminuite quest’anno, ma l’entità dei cali impallidisce con quella della crisi valutaria precedente. Quest’anno, il ringgit malese ha perso il 10% rispetto al dollaro, il baht thailandese è sceso dell’11%, il won coreano è arretrato di circa il 16% e la rupia indonesiana è scivolata del 6%. Queste percentuali sono solo frazioni dei crolli del 1997.

crisi valutaria crisi finanziaria asiatica 1997

La valuta asiatica con le peggiori performance, lo yen, non è afflitta da una crisi bancaria come nel 1997-1998. Il deprezzamento della valuta è il risultato di una scelta deliberata della Bank of Japan, che mantiene la sua politica ultra accomodante.

Cos’è successo nel 1997?

La crisi finanziaria asiatica del 1997 ha rivelato la vulnerabilità della regione ai flussi di capitali transfrontalieri. Banche e società avevano preso in prestito in modo massiccio in dollari USA, spesso a brevissimo termine.

Un improvviso deflusso di capitali esteri ha spinto le valute della regione in una spirale al ribasso, lasciando molti mutuatari insolventi. Il primo paese colpito dalla crisi valutaria è stato la Thailandia a causa della decisione del governo di eliminare il peg della valuta locale col dollaro. I ribassi valutari si sono diffusi rapidamente in tutta l’Asia orientale, provocando a loro volta cali del mercato azionario, riduzione dei ricavi delle importazioni e sconvolgimenti politici.

I governi hanno speso miliardi in vani tentativi di sostenere le loro valute. Indonesia, Corea del Sud e Thailandia si sono rivolti al Fondo monetario internazionale, che ha fornito quasi 120 miliardi di dollari in fondi di salvataggio a condizione che i beneficiari inasprissero le politiche di regolamentazione monetaria, fiscale e finanziaria, misure che si sono rivelate impopolari nella regione.

A seguito della crisi, molte nazioni hanno adottato misure protezionistiche per garantire la stabilità delle loro valute. Ciò ha spesso portato a pesanti acquisti di titoli del Tesoro statunitensi, che vengono utilizzati come investimenti globali dalla maggior parte dei governi, dalle autorità monetarie e dalle principali banche del mondo.

Cos’è cambiato dalla crisi finanziaria asiatica?

Dopo la crisi, i paesi asiatici hanno ricostruito i loro bilanci e sono diventati piuttosto conservatori in termini di gestione fiscale. Inoltre, hanno rafforzato il quadro normativo per il settore finanziario. A causa della crisi, avevano aumentato il debito per salvare le banche e le aziende. Dal punto di vista monetario, molti di loro hanno adottato il modello di targeting dell’inflazione, il che li ha aiutati a consentire una maggiore flessibilità del tasso di cambio.

Il libero flusso di capitali è stato un grosso problema per la regione. Per gestire i flussi la saggezza convenzionale è lasciare andare il tasso di cambio. All’epoca della crisi finanziaria, molte nazioni asiatiche avevano valute a cui era consentito di fluttuare solo di poco all’interno di intervalli decisi dai governi, che venivano violati quando c’era una corsa di mercato. Oggi, le valute asiatiche sono molto più libere di fluttuare. Ciò può amplificare le tendenze cicliche, ma anche rendere i sistemi più resistenti agli shock.

La crescita vertiginosa della prima metà degli anni ’90 non è più tornata. I leader che pensavano di poter opprimere i mercati non ci sono più. In poche parole, l’Asia sta affrontando una sfida economica da un posto fondamentalmente diverso e migliore rispetto al ’97.

L’esempio della Malesia

In risposta all’inflazione, gli oneri finanziari sono stati spinti verso l’alto, ma in occasione di riunioni programmate regolarmente da banche centrali in gran parte indipendenti con comitati politici e obiettivi di inflazione. Le decisioni vengono spiegate in conferenze stampa piene di linguaggio tecnocratico, previsioni e proiezioni. Non era così nel 1997-1998.

Le risposte erano opache e non venivano forniti dettagli specifici. Quelle stesse istituzioni oggi funzionano in modi non troppo dissimili dalla Federal Reserve. La banca centrale della Malesia, ad esempio, ha rilasciato una dichiarazione scritta il mese scorso quando il ringgit è sceso al minimo di 24 anni. L’autorità si è affrettata a escludere qualcosa per cui la Malesia è diventata famosa nel 1998: i controlli sui capitali e il fixing della valuta.

“La Malesia rimane un’economia aperta”, ha affermato il governatore della banca centrale. “Invece di ricorrere ai controlli sui capitali o al re-ancoraggio del ringgit, la priorità politica ora è sostenere la crescita economica in un ambiente di stabilità dei prezzi e rafforzare ulteriormente i fondamentali economici interni attraverso riforme strutturali”.

ARTICOLI CORRELATI:

Caos nel mercato del forex: la forza del dollaro fa parlare di una ripetizione del Plaza Accord

Il crollo della sterlina ai minimi storici: che opzioni ha la Bank of England?

L’intervento del Giappone per difendere lo yen

Il currency peg: come funziona il tasso di cambio fisso?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.