Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

La valutazione del Bitcoin può essere difficile in quanto si tratta di una classe di attività distinta rispetto alle normali azioni. Gli approcci di valutazione tradizionali, come i multipli PE e l’analisi basata sugli utili, potrebbero non applicarsi direttamente al Bitcoin. Di conseguenza, investitori e

Scopri

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Il crollo di Adani Group, scaturito dalle accuse di frode di Hindenburg Research, è entrato nella sua quarta sessione. Nonostante la dimostrazione di sostegno da parte di un investitore chiave, le perdite hanno raggiunto i 74 miliardi di dollari. Le azioni della maggior parte delle

Scopri

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Tesla ha registrato profitti migliori del previsto nell’ultimo trimestre, anche se ha fornito segnali contrastanti sulle prospettive di crescita delle consegne di veicoli. Gli utili del quarto trimestre di Tesla battono le stime, attestandosi a $ 24,3 miliardi. I margini lordi del settore automobilistico, tuttavia,

Scopri

NYSE: interruzione del trading dopo un problema tecnico

Un’interruzione del trading per alcuni titoli quotati sul NYSE ha fatto venire i brividi a Wall Street poiché dozzine di società ad alta capitalizzazione sembravano cancellare miliardi di dollari di valore di mercato senza una ragione apparente. Il trading è stato interrotto nei primi 30

Scopri
Investire sugli Oscar 2023

Investire sui vincitori agli Oscar 2023

Negli ultimi 10 anni, un investitore che avesse investito nella società pubblica che possedeva il distributore del film vincitore il mese prima della premiazione e avesse venduto un mese dopo, avrebbe avuto un guadagno medio del 7,6%.
Tuttavia, indovinare quale film vincerà è difficile e spesso non c’è modo di investire nella distribuzione del film.
Anche se gli investitori scelgono il film giusto, non c’è garanzia di successo: il 40% delle volte la società pubblica che ha distribuito il film vincitore è rimasta indietro rispetto all’S&P 500.

Scopri

Cosa aspettarsi dal mercato obbligazionario nel 2023?

Nel 2022 il mercato obbligazionario ha subito la sua perdita peggiore di sempre, secondo una serie di misure. In genere, le obbligazioni sono considerate sicure e storicamente sono riuscite ad ammortizzare le perdite azionarie per via della correlazione inversa tra i due asset. Lo scorso anno, però, questa relazione si è rotta. Con questa premessa, cosa dovremmo aspettarci dal mercato obbligazionario nel 2023?

Il 2022 del mercato obbligazionario

Il crollo del mercato obbligazionario dello scorso anno è stato in gran parte dovuto all’aumento dei tassi d’interesse della Federal Reserve. L’attuale ciclo di inasprimento monetario è il più aggressivo degli ultimi 40 anni ed è avvenuto in risposta all’inflazione. L’aumento dei prezzi ha raggiunto il livello più alto dall’inizio degli anni ’80 e si è aggiunto ai problemi del mercato obbligazionario nel 2022.

Basandoci su un’analisi del professor McQuarrie del Santa Clara University incentrata sui rendimenti nominali e reali dei Treasury statunitensi e delle obbligazioni societarie investment grade, il 2022 è stato l’anno peggiore di sempre per le obbligazioni.

Il Total Bond Index, che replica le obbligazioni investment grade statunitensi, ha perso oltre il 13% nel 2022. Prima di allora, l’indice aveva subito il suo peggior rendimento annuale nel marzo 1980, quando ha perso il 9,2% in termini nominali.

I Treasury a medio termine hanno perso il 10,6% nel 2022, il più grande calo mai registrato almeno dal 1926. I titoli di Stato a lunga scadenza, invece, hanno perso il 39,2%, un record storico. Per trovare un risultato del genere dovremmo ritornare al 1842, quando le obbligazioni a lunga scadenza persero il 23%. L’analisi utilizza le obbligazioni emesse dalla Gran Bretagna come barometro prima del 1918, poiché al tempo erano sicuramente più sicure di quelle emesse dagli Stati Uniti.

mercato obbligazionario peggiori ritorni 2022

Perché le obbligazioni a lungo termine sono state le più colpite nel 2022?

Le obbligazioni con scadenze più lunghe sono state particolarmente colpite l’anno scorso. Per capire perché, devi pensare alla data di scadenza come il periodo di detenzione di un’obbligazione. I fondi obbligazionari che detengono note a più lunga scadenza hanno generalmente una “duration” più lunga. La duration è una misura della sensibilità di un’obbligazione ai tassi di interesse ed è influenzata dalla scadenza e da altri fattori. Poiché i tassi di interesse sono aumentati di circa 4 punti percentuali nel 2022, le obbligazioni a lunga scadenza hanno subito perdite particolarmente elevate.

Perché le obbligazioni sono crollate nel 2022?

I tassi di interesse hanno iniziato il 2022 ai minimi storici, dove sono stati per la maggior parte del periodo dopo la Grande Recessione. La Federal Reserve ha ridotto i costi di prestito quasi a zero all’inizio della pandemia per poi invertire la rotta a partire da marzo.

aumento tassi Fed 2022
La Fed ha aumentato il suo tasso di interesse di riferimento sette volte l’anno scorso, portandolo ad un intervallo target dal 4,25% al ​​4,5%

I prezzi delle obbligazioni si muovono in modo opposto ai tassi di interesse. Questo perché il valore di un’obbligazione che detieni ora diminuirà man mano che nuove obbligazioni vengono emesse a tassi di interesse più elevati.

Inoltre, i rendimenti obbligazionari nella seconda metà del 2022 sono stati tra i più bassi in almeno 150 anni, il che significa che le obbligazioni erano ai massimi in termini storici.

I gestori di fondi obbligazionari che avevano acquistato obbligazioni costose alla fine hanno venduto quando l’inflazione ha cominciato ad aumentare.

Cosa ci aspetta nel 2023 per il mercato obbligazionario?

È impossibile sapere cosa c’è in serbo nel 2023 per il mercato obbligazionario, ma molti consulenti finanziari ed esperti ritengono improbabile che le obbligazioni andranno male come l’anno scorso.

Sebbene i rendimenti non diventino necessariamente positivi, le obbligazioni probabilmente reclameranno il loro posto come stabilizzatore di portafoglio e strumento di diversificazione.

La Federal Reserve è pronta a continuare ad aumentare i tassi di interesse, ma è improbabile che l’aumento sia così drammatico o rapido come l’anno scorso. Per avere lo stesso ritmo di inasprimento, i tassi dovrebbero arrivare all’8% nel 2023, cosa che sembra altamente improbabile.

Dato che la portata dei futuri movimenti dei tassi di interesse rimane poco chiara, alcuni consulenti raccomandano di detenere obbligazioni a breve termine, che presentano un rischio di tasso di interesse inferiore rispetto a quelle a lungo termine. Altri invece pensano che sia un buon momento per investire in portafogli obbligazionari con una durata intermedia dato che l’inflazione e gli aumenti dei tassi sembrano attenuarsi.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa guida la volatilità del mercato obbligazionario?

Mercato obbligazionario: tra inflazione e rischio recessione

Perché comprare obbligazioni?

Cosa ci si aspetta dai mercati nel 2023?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.