Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 12

cosa fa muovere i mercati
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le obbligazioni continuano a fare da protagoniste. Il sell off obbligazionario globale sembra non avere fine, con l’indice aggregato di Bloomberg delle obbligazioni globali che ha registrato il peggior drawdown di sempre.

cosa fa muovere i mercati

Allo stesso tempo, la curva dei rendimenti prosegue con il suo processo d’inversione. Ciò al mercato azionario non interessa. Gli indici americani infatti chiudono un’altra settimana in positivo.

Sell off obbligazionario e inversione della curva dei rendimenti

I rendimenti a breve scadenza, che vengono influenzati maggiormente dalla politica aggressiva della Fed, hanno guadagnato più di quelli a lunga scadenza. Il rendimento quinquennale ha guadagnato 40 punti base. A confronto, il trentennale è aumentato di “solo” 16 punti base. Di conseguenza, lo spread 30/5 si è unito all’inversione. Attualmente questo spread, ampiamente seguito dagli investitori per monitorare la curva dei rendimenti, si trova in territorio negativo per la prima volta dal 2006.

cosa fa muovere i mercati
Lo spread tra le obbligazioni a 30 anni e a 5

Il mercato azionario è tranquillo

Mentre il mercato obbligazionario sta esternando la sua preoccupazione per la crescita economica, le equities continuano a godersi il loro rimbalzo. Tra gli indici, il Nasdaq ha sovraperformato. Il Dow Jones è rimasto leggermente indietro mentre le small cap del Russell 2000 hanno chiuso in rosso.

A gennaio il Russell, dopo aver rotto un supporto importante, era scivolato in un bear market toccando un minimo il 28 gennaio. Da lì il prezzo è rimasto all’interno di un range ristretto in cui sta continuando a consolidare. L’indice si trova a più del 15% dai suoi massimi storici.

cosa fa muovere i mercati
L’indice Russell 2000

Asia e Europa

In altre regioni i mercati sono stati molto più fiacchi. Il DAX in Germania ha chiuso in negativo. Dopo il forte impulso rialzista dai minimi del 7 marzo, l’indice tedesco sembra essersi preso una pausa. Il prezzo, che si trova ancora al di sotto della media mobile a 50 periodi, sta comprimendo in attesa del prossimo movimento.

cosa fa muovere i mercati
L’indice DAX

L’outlier in Asia è stato senz’altro il Nikkei. Il governo ha annunciato l’intenzione di passare un nuovo pacchetto di stimoli fiscali al fine di supportare i consumatori e le imprese in Giappone che stanno vedendo aumentare i loro costi. Il prezzo è arrivato su una trendline dinamica che ha agito da supporto per 3 volte negli ultimi 6 mesi. Sembra che l’indice abbia reagito sulla media a 200 periodi. Vedremo se adesso il prezzo inizierà a ritracciare per poi continuare al rialzo.

cosa fa muovere i mercati
L’indice Nikkei

Il rimbalzo delle crypto e il rally delle materie prime

Ho già parlato dei segnali rialzisti delle crypto in un blog post e nel Crypto Briefing sul canale YouTube. Ci soffermeremo quindi sulle materie prime.

Dopo la recente correzione, l’indice DJP di Bloomberg sta procedendo al rialzo. Il ritracciamento non è riuscito ad arrivare nemmeno al livello 50 di Fibonacci che il prezzo è subito rimbalzato usando una trendline dinamica come supporto. La distanza dalla media a 200 periodi è molto ampia e il trend rimane fortemente rialzista.

cosa fa muovere i mercati
L’indice Commodity Total Return di Bloomberg

Il mais, dopo l’impulso parabolico alimentato dalle preoccupazioni riguardo alle interruzioni della catena d’approvvigionamento per via della guerra in Ucraina, sta consolidando e ha formato un piccolo wedge, un pattern di continuazione del trend.

cosa fa muovere i mercati
Il future del mais

Come recentemente ho fatto notare sul mio canale Telegram, i prezzi dei fertilizzanti hanno fatto il 110% in un anno. Essi fungono da leading indicator per i prezzi del cibo, che a loro volta hanno un impatto sull’inflazione. Il cibo rappresenta infatti il 15% del CPI.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.