Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 27

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Quasi 400.000 posti di lavoro sono stati aggiunti a giugno e il tasso di disoccupazione si trova vicino al minimo di 50 anni. I dati di venerdì sono la prova dell’estrema rigidità del mercato del lavoro statunitense. In aggiunta, si prevede che i prezzi al consumo a giugno stabiliranno un nuovo massimo di quattro decenni. Tutto ciò giustifica il percorso hawkish della Fed. Infatti, a seguito dell’uscita dei non farm payroll, le aspettative del mercato sugli aumenti dei tassi sono aumentate. Per luglio, il mercato si aspetta un aumento di 75 punti base mentre attribuisce una probabilità del 31% di un ulteriore aumento di quell’entità a settembre.

Le azioni tornano a rimbalzare, non curandosi della narrativa della recessione. L’S&P 500 ha messo insieme la serie di guadagni più lunga da marzo. L’indice quest’anno ha visto evaporare 12 trilioni di dollari.

I rialzisti stanno prendendo il controllo alla vigilia di un periodo in cui le aziende forniranno dettagli sull’argomento che gli investitori hanno più a cuore: lo stato degli utili. Probabilmente, parte della compressione degli utili è già stata prezzata.

Il Nasdaq è stato il migliore tra gli indici e ha chiuso in rialzo per il quinto giorno consecutivo, la serie di vittorie più lunga da novembre 2021. Un’indice di Goldman Sachs che traccia le azioni più shortate è aumentato del 15%.

Le tech e i consumer discretionary sono stati i migliori settori mentre i materials e gli energetici hanno avuto le performance peggiori.

Rimani sempre aggiornato sulle performance degli asset, scopri i portafogli dei grandi investitori, nuove idee di investimento e molto di più sulla mia app Quantaste

Le growth stock hanno continuato a battere le value. Ciò fa pensare che il mercato non è più preoccupato per l’aumento dei tassi e il suo effetto sulle valutazioni delle aziende ad alta crescita. La settimana è stata buona anche per le aziende ad alto beta. Il rapporto di forza relativa tra queste aziende e le low beta è aumentato. Che tutto ciò faccia parte di una fase “risk on” del mercato che non è destinata a perdurare?

La curva dei rendimenti si è invertita di nuovo

Nelle settimane precedenti i rendimenti obbligazionari sono scesi, prezzando l’aumento delle probabilità di recessione e alcuni dati macroeconomici che hanno puntato a un economia in rallentamento. Nella settimana appena conclusa però, gli investitori hanno scaricato obbligazioni.

Il decennale si è portato nuovamente al di sopra del 3%. I rendimenti a breve termine sono saliti più velocemente di quelli a lungo termine. In particolare, il rendimento a due anni ha chiuso al 3,1%, portando lo spread 10/2 in territorio negativo.

Sappiamo che il segnale dell’inversione della curva è affidabile quando questo spread rimane al di sotto dello zero per un periodo di tempo prolungato. Tuttavia, il continuo “flirting” con quella soglia non fa presagire niente di buono per l’economia.

L’euro verso la parità

La valuta comune ha perso il 2,3% nei confronti del dollaro nella settimana appena conclusa. L’euro è considerato particolarmente vulnerabile data la forte dipendenza dell’Euro Area dal gas russo. La campagna di inasprimento della BCE che inizierà questo mese potrebbe creare problemi soprattutto ai paesi con il debito più alto. Il tasso di cambio EUR/USD è sempre più vicino alla parità, un livello psicologico che ha visto l’ultima volta a metà del 2002.

Una valuta debole normalmente preoccuperebbe la BCE ma, vista l’inflazione record, la Lagarde è piuttosto a suo agio. Inoltre, su una misura ponderata per il commercio, quella a cui i politici tendono a dare maggior peso, l’euro ha retto molto meglio.

Le commodities hanno visto il loro picco?

Secondo i libri di testo sui cicli di mercato, le prime a raggiungere il picco sono le obbligazioni e a seguire le azioni. Le materie prime in genere sono le ultime. Le obbligazioni lo hanno raggiunto a marzo 2020. E’ probabile che quello di gennaio sia stato il “top” del mercato azionario. E quello delle materie prime?

Il Bloomberg Commodity Index Total Return ha stabilito un massimo l’8 giugno e da lì è crollato più del 20%, oltrepassando la media a 200 periodi. Il prezzo adesso sembra aver reagito. Tuttavia, la reazione potrebbe costituire un ritracciamento dell’impulso ribassista.


Le preoccupazioni per la domanda sono supportate dai dati sull’attività economica mondiale. La Cina, il principale importatore di materie prime, sta valutando nuovi stimoli fiscali. Sebbene il governo di Pechino abbia fissato un target del 5,5% per il GDP quest’anno, il paese rimane soggetto alla politica “zero Covid”. I continui lockdown minacciano la domanda cinese e i prezzi delle materie prime potrebbero aggiustarsi a questo scenario.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 26

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 25

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 24

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.