Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Come costruire un portafoglio azionario difensivo

In genere, quando un investitore avverso al rischio vuole costruire un portafoglio azionario difensivo, si concentra solo su aziende a bassa volatilità e basso beta. Tuttavia, le strategie difensive possono andare oltre la riduzione della volatilità, includendo la conservazione del capitale a lungo termine, la diversificazione dell’esposizione economica e la riduzione del drawdown.

Ross French e Niklas Gärtner hanno contribuito alla letteratura con il loro studio “In Search of a Defensive Equity Factor“. In questa ricerca gli autori hanno stabilito quali fattori sono appropriati per costruire un portafoglio azionario difensivo.

French e Gärtner hanno definito il termine “difensivo” lungo tre dimensioni:

  • basso rischio di perdita permanente del capitale;
  • basso rischio di ciclo economico;
  • basso rischio di mercato.

Identificare le azioni di qualità

Gli autori sono arrivati a sei caratteristiche delle azioni di qualità:

  • Bassa volatilità: volatilità dei prezzi, misurata utilizzando i rendimenti settimanali dei cinque anni precedenti; volatilità degli utili, misurata utilizzando la volatilità degli utili nei cinque anni precedenti normalizzata per il livello medio nello stesso periodo; volatilità della redditività, misurata utilizzando la volatilità del rendimento delle attività (ROA) nei cinque anni precedenti normalizzata per il suo livello medio nello stesso periodo.
  • Turnover degli asset: vendite rispetto alle attività.
  • Qualità degli earnings: misurata dal livello dei ratei.
  • Crescita: tassi di crescita prospettici basati sulla mediana degli utili per azione prospettici a due anni previsti dall’Institutional Brokers’ Estimate System.
  • Investimenti, misurati in sei modi: investimento di capitale anomalo, tasso di crescita delle spese in conto capitale, crescita totale delle attività e del patrimonio netto contabile, crescita del finanziamento esterno e crescita dell’emissione di azioni.
  • Leva, misurata con cinque rapporti: totale attivo/patrimonio contabile, debito totale/attivo totale, debito totale/patrimonio contabile, debito netto/patrimonio contabile e flusso di cassa dalle operazioni/debito totale.
  • Redditività: misurata come return on equity (ROE), return on assets (ROA), return on invested capital (ROIC), redditività lorda rispetto alle attività, guadagni in contanti rispetto alle attività, flusso di cassa da operazioni rispetto alle attività e margine di profitto netto.

Identificare le fasi del ciclo economico

Il campione di dati dello studio includeva componenti degli indici FTSE dei mercati sviluppati ed emergenti e copriva il periodo settembre 2000-dicembre 2021. Gli autori hanno definito le quattro fasi del ciclo economico:

  • Rallentamento (27% del periodo): crescita non recessiva al di sotto del trend.
  • Recessione (13% del periodo): due trimestri consecutivi di crescita negativa.
  • Ripresa (25% del periodo): crescita post-recessione sopra il trend.
  • Crescita (35% del periodo): crescita superiore al trend.

I risultati dello studio

Gli autori dello studio hanno concluso che la bassa leva finanziaria, la volatilità degli utili e la volatilità dei rendimenti sono le misure più importanti da tenere in considerazione per costruire un portafoglio difensivo. La redditività è la successiva caratteristica più potente, ma deve tenere conto della leva finanziaria per essere definita difensiva.

Le misure di redditività che hanno le attività al denominatore, in particolare la metrica della redditività lorda, sono più difensive. Viceversa, quelle che utilizzavano il valore contabile sono meno difensive perché rischiano di catturare titoli con leva finanziaria elevata.

Il turnover degli asset e la qualità degli utili, misurata dal livello degli accantonamenti, si comportano come caratteristiche difensive, anche se in misura minore e meno consistente.

Il basso investimento ha avuto risultati poco brillanti in tutti i test mentre la crescita elevata è sembrata essere del tutto inappropriata per gli investitori difensivi.

Durante le recessioni ed i rallentamenti dell’economia, le metriche relative a leva finanziaria, volatilità, volatilità degli utili e redditività lorda hanno dato i migliori risultati, producendo rendimenti positivi. Poiché le prestazioni delle altre caratteristiche variavano per definizione, hanno messo in guardia dal trarre conclusioni.

French e Gärtner hanno anche scoperto che nonostante la riduzione del rischio associata, le caratteristiche difensive generano in realtà rendimenti positivi extra.

In conclusione

Riassumendo i loro risultati, French e Gärtner hanno dichiarato che la qualità degli utili, la leva finanziaria e la bassa volatilità sono le caratteristiche principali di un portafoglio azionario difensivo. Anche il turnover degli asset, gli investimenti e la redditività possono avere attributi difensivi, sebbene ciò dipenda da come sono definiti e/o da come incidono sulla struttura del capitale. Teoricamente, la crescita è un fattore non difensivo.

Gli investitori avversi al rischio che cercano di costruire un portafoglio azionario difensivo dovrebbero ampliare la loro ricerca oltre la bassa volatilità per includere l’esposizione a società con bassa leva finanziaria, bassa volatilità degli utili e alta redditività lorda.

ARTICOLI CORRELATI:

Proteggere il Portafoglio Azionario durante i Crash del mercato: 5 Domande da farsi

Creare un portafoglio diversificato con ChatGPT

Ridurre il rischio di un portafoglio

De-risking del portafoglio: considera gli high yield bond!

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.