Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

CPI USA luglio: accelera la misura complessiva, rallenta quella core

Una misura chiave dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentata solo modestamente per il secondo mese consecutivo. L’indice core CPI che esclude cibo ed energia è aumentato dello 0,2% a luglio, secondo i dati del Bureau of Labor Statistics. Ciò ha segnato i guadagni consecutivi più piccoli in ​​due anni. Su base annuale, l’inflazione core è aumentata del 4,7% dal 4,8% del mese precedente.

Gli economisti considerano la misura core come un indicatore migliore dell’inflazione sottostante rispetto al CPI complessivo, anch’esso aumentato dello 0,2%. Tuttavia, la misura annuale è leggermente aumentata a causa di un confronto meno favorevole con un anno fa.

CPI USA luglio 2023

I progressi sull’inflazione, combinati con una solida crescita economica e un mercato del lavoro sano ma in graduale raffreddamento, rappresentano un altro passo nella giusta direzione per la Fed.

Mentre il rapporto sul CPI di luglio probabilmente aumenta le possibilità che la Fed lasci i tassi invariati alla riunione del mese prossimo, l’inflazione rimane ancora al di sopra del suo obiettivo. I funzionari avranno una serie di altri punti dati chiave da considerare prima di allora.

Guardando avanti, il CPI non rifletterà l’intera portata dell’ultimo aumento dei prezzi della benzina fino al prossimo rapporto. Nel frattempo, l’assicurazione sanitaria, che ha agito come un freno al CPI nell’ultimo anno a causa del modo in cui il BLS calcola la cifra, inizierà presto ad aumentare la crescita dei prezzi al consumo.

I dettagli del rapporto sul CPI di luglio

I dettagli del rapporto di luglio hanno mostrato che oltre il 90% dell’aumento del CPI complessivo è dovuto ai costi delle abitazioni. I costi degli alloggi, che rappresentano la maggiore componente dei servizi e costituiscono circa un terzo dell’indice CPI complessivo, sono aumentati dello 0,4% per il secondo mese consecutivo. Nel frattempo, i prezzi delle auto usate sono diminuiti mentre le tariffe aeree hanno registrato i maggiori cali consecutivi dall’inizio della pandemia.

Il mese scorso le famiglie americane hanno dovuto affrontare un aumento dei costi per le necessità. I generi alimentari hanno registrato l’aumento più grande dall’inizio dell’anno. I servizi pubblici sono più alti e i prezzi della benzina stanno aumentando. L’assicurazione auto è la più alta dal 1976 su base annua.

Escludendo abitazioni ed energia, i prezzi dei servizi sono aumentati dello 0,2% rispetto al mese precedente, in ripresa rispetto a giugno. Su base annuale la metrica è salita al 4,1%, la prima accelerazione di quest’anno. Powell e i suoi colleghi hanno sottolineato più volte l’importanza di guardare a tale metrica quando si valuta la traiettoria dell’inflazione degli Stati Uniti.

L’accelerazione dei prezzi dei servizi il mese scorso è stata parzialmente compensata dalla deflazione delle merci. I cosiddetti prezzi dei beni di base, che escludono le materie prime alimentari ed energetiche, hanno registrato il calo più grande da marzo dello scorso anno.

La reazione dei mercati al CPI di luglio

Le azioni statunitensi hanno faticato a prendere direzionalità. L’S&P 500 ha chiuso poco cambiato dopo un guadagno superava l’1%.

I Treasuries sono crollati. I rendimenti a lungo termine sono aumentati dopo che una debole asta di obbligazioni trentennali ha pesato sul sentiment. L’asta da 23 miliardi di dollari si è aggiudicata il tasso più alto dal 2011.

I rendimenti a due anni, che sono più sensibili alle imminenti mosse della Fed, hanno invertito il calo giornaliero. I rendimenti di riferimento a 10 anni sono aumentati di circa 10 punti base al 4,1%. Il dollaro ha guadagnato.

I funzionari della Fed sono divisi

È sempre più probabile che la Fed lasci invariati i tassi di interesse alla prossima riunione dopo nuove prove di allentamento dell’inflazione. Ma i funzionari sono in disaccordo su come procedere con l’inasprimento monetario.

Il FOMC è diviso in tre gruppi principali. I falchi sono pronti a inasprire la politica. Le colombe propendono per una politica accomodante che favorisca la creazione di posti di lavoro. E infine, i centristi cercano una via di mezzo.

A giugno, la Fed ha mantenuto stabile i tassi d’interesse per la prima volta da quando ha iniziato il suo ciclo di aumenti a marzo 2022, ma ha stimato altri due aumenti quest’anno. Uno di questi è stato realizzato il mese scorso.

All’inizio di questa settimana, il governatore della Fed Michelle Bowman ha ribadito la sua opinione secondo cui la banca centrale potrebbe dover aumentare ulteriormente i tassi per riportare l’inflazione al target, mentre il presidente della Fed di Filadelfia Patrick Harker ha affermato che i funzionari potrebbero essere in grado di raggiungere la stabilità dei prezzi.

“I dati sono arrivati ​​in gran parte come previsto, e questa è una buona notizia”, ​​ha detto il presidente della Fed di San Francisco Mary Daly. “Non è un punto dati che ci dà la vittoria. C’è ancora molto lavoro da fare. E la Fed è pienamente impegnata a riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2%”, ha aggiunto.

Probabilmente Powell, quando parlerà alla riunione di settembre e alla conferenza di Jackson Hole alla fine di questo mese, non si spingerà ancora così lontano da dichiarare vittoria contro l’inflazione. Sebbene abbia affermato che la Fed stia rallentando il ritmo dei rialzi man mano che si avvicina al picco, non ha escluso la possibilità di aumenti in riunioni consecutive.

ARTICOLI CORRELATI:

Perché l’inflazione è così persistente?

Powell: altri rialzi dei tassi, inflazione lontana dal 2%

La crescita dei salari guida davvero l’inflazione? Ecco cosa dice uno studio della Fed

La Fed non può domare l’inflazione senza causare una recessione, afferma uno studio

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.