Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

La Fed non può domare l’inflazione senza causare una recessione, afferma uno studio

È improbabile che la Federal Reserve sia in grado di domare l’inflazione senza dover aumentare notevolmente i tassi di interesse, causando una recessione, secondo un documento di ricerca pubblicato la scorsa settimana.

I ricercatori includevano il professore della Brandeis International Business School Stephen Cecchetti, che è un ex economista di alto livello presso la Bank for International Settlements; Michael Feroli, capo economista di J.P. Morgan; e il professore della Columbia Business School Frederic Mishkin, che è un ex governatore della Fed e collaboratore di ricerca di lunga data con l’ex presidente della Fed Ben Bernanke.

Nonostante le opinioni di molti degli attuali funzionari della Fed di poter gestire un “atterraggio morbido” mentre affrontano i prezzi elevati, il documento afferma che è improbabile che ciò accada.

In oltre 16 episodi negli Stati Uniti, Germania, Canada e Regno Unito, i ricercatori non hanno trovato alcun caso in cui una significativa disinflazione indotta dalla banca centrale si sia verificata senza una recessione.

La white paper è stata presentata la scorsa settimana durante un forum di politica monetaria presentato dalla Booth School of Business dell’Università di Chicago.

Una lieve recessione

Le simulazioni del modello di base degli economisti suggeriscono che la Fed dovrà inasprire ulteriormente la politica per raggiungere il suo obiettivo di inflazione entro la fine del 2025. Anche ipotizzando aspettative di inflazione stabili, l’analisi dei ricercatori mette in dubbio la capacità della Fed di progettare un atterraggio morbido in cui l’inflazione ritorna all’obiettivo del 2% senza una lieve recessione.

I ricercatori hanno definito le proiezioni economiche più recenti della Fed, che dovrebbero essere aggiornate tra circa quattro settimane, come “benigne”. Tali proiezioni prevedono che l’inflazione scenderà al 2,1% entro la fine del 2025, con l’economia in continua crescita e il tasso di disoccupazione in aumento solo fino a circa il 4,6%.

Lo studio non è il primo a sostenere che le prospettive della Fed per l’economia non sono realistiche e che i responsabili politici a un certo punto saranno costretti a scelte difficili su quanto in alto dovranno portare i tassi al fine di abbassare l’inflazione.

Forse troppo dipendente dall’inflazione bassa degli ultimi decenni, la Fed ha commesso un errore significativo non aumentando i tassi di interesse preventivamente quando l’inflazione ha iniziato ad accelerare nel 2021, ha concluso il gruppo.

Sebbene abbiano anche attribuito ai funzionari della banca centrale il merito di aver affrontato il problema nell’ultimo anno attraverso aumenti dei tassi più rapidi, prevedono anche una strada difficile da percorrere in cui diventa progressivamente più difficile abbassare l’inflazione dopo un primo ciclo di progressi.

Il loro modello stima un picco dei tassi intorno al 5,6% – già superiore al 5,1% previsto dai funzionari della Fed a dicembre – e un’inflazione al 3,7% entro la fine del 2025.

I funzionari della Fed respingono i risultati dello studio

Il governatore della Fed Philip Jefferson ha rilasciato una risposta al documento di ricerca, affermando che la situazione attuale differisce dai precedenti episodi di inflazione. Ha notato che questa Fed ha più credibilità come combattente dell’inflazione rispetto alle precedenti.

“A differenza della fine degli anni ’60 e ’70, la Federal Reserve sta affrontando lo scoppio dell’inflazione prontamente e con forza per mantenere la sua credibilità e preservare l’ancoraggio delle aspettative di inflazione a lungo termine”, ha affermato Jefferson.

“Non credo che ci sia un compromesso tra lavoro e stabilità dei prezzi”, ha detto il presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester in un discorso alla CNBC. In un documento pubblicato in risposta alla ricerca, ha sostenuto che le recessioni associate alla passata disinflazione potrebbero essere state il risultato di politiche di inasprimento delle banche centrali più aggressive del dovuto. “L’implicazione è che i responsabili politici devono essere attenti agli effetti ritardati delle azioni politiche mentre riducono l’inflazione”, ha affermato Mester.

ARTICOLI CORRELATI:

Verbali Federal Reserve: tassi più alti più a lungo

Bostic: pausa degli aumenti dei tassi verso la fine dell’estate

L’inflazione USA rimane elevata, aggiungendo pressione per ulteriori aumenti della Fed

La Fed alza i tassi di 25 pb e prevede un “paio” di aumenti in più

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.