Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

La crescita dei salari guida davvero l’inflazione? Ecco cosa dice uno studio della Fed

La rapida crescita dei salari non è stata un motore importante dell’inflazione, secondo una nuova analisi pubblicata dalla Federal Reserve Bank di San Francisco. Il recente aumento dell’indice del costo del lavoro (Employment Cost Index), la misura dei salari preferita da economisti e responsabili politici, ha contribuito solo 0,1 punti percentuali all’aumento di tre punti percentuali dell’inflazione dei prezzi al consumo esclusi cibo ed energia, secondo l’economista della Fed di San Francisco Adam Shapiro.

Prove recenti mostrano che la crescita dei salari tende a seguire l’inflazione, così come le aspettative di inflazione futura. Nel complesso, i risultati dello studio evidenziano che la recente crescita dei salari è probabilmente un indicatore poco affidabile dei rischi per le prospettive di inflazione.

Shapiro ha analizzato la relazione tra i cambiamenti nell’indice del costo del lavoro e i prezzi dei servizi non abitativi, una categoria che la Fed considera strettamente legata ai salari. L’analisi mostra che i costi del lavoro più elevati vengono trasferiti ai clienti sotto forma di prezzi dei servizi non abitativi più elevati. Tuttavia, l’effetto sull’inflazione complessiva è molto limitato.

L’importanza dei servizi non abitativi

La rigidità del mercato del lavoro ha sollevato preoccupazioni circa il ruolo della crescita dei salari nelle letture di inflazione persistentemente elevate. L’inflazione è rimasta al di sopra dell’obiettivo del 2% dalla metà del 2021.

In un discorso del novembre 2022, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che è utile spiegare i livelli elevati di inflazione esaminando tre categorie sottostanti: beni, servizi abitativi e servizi non abitativi. Ha prestato particolare attenzione all’ultima categoria, affermando che potrebbe essere la categoria più importante per comprendere l’evoluzione futura dell’inflazione core. Poiché i salari costituiscono il costo maggiore nella fornitura di questi servizi, il mercato del lavoro è la chiave per comprendere l’inflazione in questa categoria, secondo quanto dichiarato da Powell l’anno scorso.

I servizi non abitativi sono una componente importante dell’inflazione complessiva, rappresentando oltre la metà dell’indice PCE. I salari e i benefici dei lavoratori costituiscono la maggior parte dei costi per le imprese di questa categoria, ma le variazioni del costo del lavoro non influenzano necessariamente i prezzi dei servizi. Le aziende possono invece assorbire tali costi nei propri margini di profitto o, in alcuni casi, sostituirli con l’automazione o una maggiore efficienza. Numerosi studi hanno dimostrato che il costo del lavoro ha un impatto minimo sull’inflazione dei servizi o sull’inflazione in generale.

La relazione tra crescita dei salari e inflazione

Tra la moltitudine di misure del costo del lavoro, Shapiro ha utilizzato l’Employment Cost Index (ECI) poiché presenta alcuni vantaggi rispetto ad altre misure come la retribuzione oraria media. In primo luogo, trattandosi di un indice a peso fisso, tiene conto dei cambiamenti nella composizione industriale-occupazionale della forza lavoro. Ciò significa che si adegua alle variazioni del costo del lavoro associate ai cambiamenti nella distribuzione dei lavoratori per occupazione e industria. In secondo luogo, rappresenta i costi totali del lavoro per le imprese, che includono i benefici dei lavoratori oltre ai loro salari e stipendi. Uno svantaggio dell’ECI è che viene prodotto su base trimestrale.

Il grafico seguente mostra l’evoluzione della crescita anno su anno dell’ECI rispetto all’inflazione core PCE anno su anno negli ultimi 20 anni. La crescita del costo del lavoro e l’inflazione core PCE tendono a muoversi insieme nel tempo, con una correlazione di circa 0,8 negli ultimi due decenni.

relazione crescita salari inflazione

Entrambe le serie sono diminuite precipitosamente durante la Grande Recessione e poi sono rimaste relativamente basse fino alla pandemia. Dal 2021, entrambe le serie sono aumentate notevolmente. Gli ultimi dati per il primo trimestre del 2023 mostrano che l’ECI è cresciuto del 4,9% negli ultimi quattro trimestri, mentre il core PCE è aumentato del 4,7% nello stesso periodo di tempo.

La crescita dei salari guida davvero l’inflazione?

Gli aumenti del costo del lavoro agiscono come shock dell’offerta, per cui le imprese trasferiscono costi più elevati ai consumatori sotto forma di prezzi più elevati. Al contrario, la crescita dei salari non sembra alimentare l’inflazione attraverso l’aumento della domanda.

Come previsto, i prezzi dei servizi non abitativi rispondono più dei prezzi dei beni o dei servizi abitativi alle variazioni del costo del lavoro. Tuttavia, l’effetto è piccolo e si verifica lentamente nel lungo periodo. Un aumento di 1 punto percentuale del costo del lavoro provoca solo un aumento di 0,15 punti percentuali nel contributo dei prezzi dei servizi non abitativi all’inflazione core PCE su un orizzonte di quattro anni, che è inferiore a 0,04 punti percentuali all’anno. Ciò implica che il recente aumento dell’Employment Cost Index sta contribuendo solo per circa 0,1 punti percentuali all’attuale inflazione PCE di base.

I risultati gettano qualche dubbio sulla narrativa secondo cui la crescita dei salari è di per sé un importante motore dell’inflazione. Ciò lascia aperte altre spiegazioni per l’elevata correlazione tra crescita dei salari e inflazione. Ad esempio, prove recenti mostrano che la crescita dei salari tende a seguire l’inflazione, così come le aspettative di inflazione futura. Nel complesso, i risultati evidenziano che la recente crescita del costo del lavoro è probabilmente un indicatore scadente dei rischi per le prospettive di inflazione.

ARTICOLI CORRELATI:

Gli aumenti della crescita dei salari legati alla pandemia

Perché il mercato del lavoro è così importante per la Fed?

Cosa comportano gli aumenti salariali?

Tassi più alti aumentano la disuguaglianza, secondo un documento della Fed

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.