Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Ecco la startup che ha riportato gli Stati Uniti sulla Luna

Missione compiuta: gli Stati Uniti sono tornati sulla Luna. Ieri il lander Odysseus di una startup con sede a Houston è atterrato sulla superficie dell’affascinante corpo celeste. La navicella della Intuitive Machines è il primo veicolo spaziale privato ad atterrare intatto sulla superficie lunare. Odysseus

Scopri

La Fed aumenta i tassi ai massimi da 22 anni

La Fed ha ripreso ad aumentare i tassi di interesse, lasciando aperta la possibilità di ulteriori aumenti. Le decisioni continueranno ad essere dipendenti dai dati in arrivo. Dopo la pausa di giugno, il FOMC ha alzato gli oneri finanziari per l’undicesima volta da marzo 2022. L’aumento di un quarto di punto percentuale, deciso all’unanimità e ampiamente previsto, ha portato l’intervallo obiettivo per il tasso di riferimento della Fed tra il 5,25% e il ​​5,5%, il livello più alto in 22 anni.

Powell ha ribadito che i funzionari hanno ancora molta strada da fare per riportare l’inflazione al target del 2%. Tuttavia, ha indicato che l’inasprimento sta funzionando.

“Quello che i nostri occhi ci dicono è che la politica non è stata abbastanza restrittiva abbastanza a lungo da avere tutti gli effetti desiderati”, ha detto. “Intendiamo ancora una volta mantenere la politica restrittiva fino a quando non saremo sicuri che l’inflazione stia scendendo in modo sostenibile al nostro obiettivo del 2% e siamo pronti a inasprire ulteriormente se ciò è appropriato. Pensiamo che il processo abbia probabilmente ancora molta strada da fare”.

Il capo della Fed ha affermato che i funzionari hanno accolto con favore il rapporto sui prezzi al consumo di giugno. Tuttavia, i funzionari stanno cercando di non leggere troppo nei singoli dati mensili. Ciò dimostra che la Fed vuole evitare di interrompere troppo presto la sua campagna di inasprimento.

Nessuna modifica sostanziale alla dichiarazione

Nella dichiarazione rilasciata al termine della riunione – che era quasi identica a quella di giugno – il FOMC ha affermato che “continuerà a valutare ulteriori informazioni“. La mancanza di modifiche sostanziali alla dichiarazione politica suggerisce che la maggior parte dei funzionari è aperta ad un altro rialzo dei tassi.

Il FOMC ha ripetuto la sua descrizione dell’inflazione come “elevata” e ha aggiornato la sua descrizione della crescita economica da “modesta” a “moderata”. Ha ribadito che il settore bancario è “sano e resiliente”, pur avvertendo che la stretta creditizia dovrebbe pesare sull’economia a seguito dei fallimenti di tre banche regionali statunitensi all’inizio di quest’anno.

I politici hanno espresso preoccupazione per la cosiddetta inflazione “core”, che è stata più lenta a scendere rispetto all’inflazione complessiva. Hanno individuato l’inflazione del settore dei servizi, in particolare, come una categoria che rimane elevata a causa delle tensioni nel mercato del lavoro.

Foward guidance

Il FOMC si riunirà il 19-20 settembre e successivamente il 31 ottobre-1 novembre. Powell avrà anche l’opportunità di chiarire il punto di vista della Fed al simposio annuale della Fed di Kansas City a Jackson Hole alla fine di agosto.

Il presidente ha rifiutato di definire quando i funzionari potrebbero aumentare di nuovo, citando una serie di rapporti economici previsti prima della prossima riunione, tra cui due rapporti sull’occupazione, due rapporti sull’inflazione dei prezzi al consumo e i dati sui costi del lavoro.

“Tutte queste informazioni informeranno la nostra decisione”, ha detto. “È certamente possibile che alzeremo nuovamente i tassi alla riunione di settembre, se i dati lo giustificassero. E direi anche che è possibile che vorremmo scegliere di rimanere fermi a quell’incontro”.

I funzionari cercheranno una crescita moderata, un raffreddamento dell’inflazione e un migliore equilibrio tra domanda e offerta, in particolare nel mercato del lavoro, mentre valutano se e quando alzare nuovamente i tassi.

Lo staff della Fed non prevede più una recessione

Powell ha dichiarato che gli economisti della Fed non prevedono più una recessione nel 2023 data la recente resilienza dei dati economici. Tuttavia, prevedono ancora un notevole rallentamento della crescita a partire dalla fine di quest’anno.

A marzo, dopo il fallimento di una serie di banche regionali statunitensi, lo staff della Fed ha iniziato a prevedere che l’economia sarebbe entrata in recessione alla fine del 2023. Ha mantenuto quella previsione fino alla riunione di giugno.

Gli economisti sono stati sorpresi dalla resilienza della crescita economica. Si prevede che il rapporto sul prodotto interno lordo, che verrà rilasciato oggi, mostri che l’economia statunitense è cresciuta dell’1,8% annualizzato nel periodo aprile-giugno.

La reazione dei mercati

I rendimenti obbligazionari sono scesi, con il benchmark a due anni sensibile alle mosse della Fed che è sceso al 4,84%. Le azioni statunitensi hanno registrato un rialzo durante la conferenza stampa prima di invertire i guadagni.

La probabilità di un altro aumento dei tassi di 25 punti base prima della fine dell’anno è di circa il 50%. Prima della decisione di mercoledì, il mercato vedeva un secondo aumento come meno certo, in parte a causa dei dati sui prezzi al consumo che hanno mostrato che l’inflazione è diminuita bruscamente il mese scorso.

Gli swap per la fine del 2024 prevedono ancora che i funzionari ridurranno i tassi più profondamente di quanto si aspettino, con un tasso di riferimento implicito compreso tra il 4% e il 4,25%.

tagli tassi fed 2024
ARTICOLI CORRELATI:

Decisione tassi Fed di luglio: ecco cosa aspettarsi

Fed minutes giugno: la pausa dei tassi non è stata unanime

La Fed mette in pausa i tassi ma segnala ulteriori aumenti

Riunione Fed: aumento dei tassi di 25 punti base, priorità all’inflazione

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.