4 Suggerimenti per Proteggerti da un Crollo del Mercato

In un panorama finanziario alimentato da forti utili e inflazione contenuta, l’indice S&P 500 è salito a nuovi record, attirando gli investitori in preda alla FOMO. Eppure, dietro la facciata si nasconde un avvertimento. L’incredibile aumento del 30% dell’indice nelle ultime 52 settimane deriva da

Scopri

Chi sono gli uomini più ricchi del mondo nel 2024?

Il 2024 sta continuando a vedere l’ascesa dei titani tecnologici, della vendita al dettaglio e del lusso, con un gruppo ristretto di individui che accumula fortune oltre ogni comprensione. La ricchezza complessiva dei 10 individui più ricchi del mondo ammonta a 1,44 bilioni di dollari.

Scopri

Il Glossario dell’Intelligenza Artificiale

Chatbot E’ un software finalizzato alla comunicazione in linguaggio naturale con esseri umani e con il fine di automatizzare particolari compiti o reperire informazioni da banche dati. Questi prodotti possono sostenere conversazioni con le persone su argomenti che vanno dalle curiosità storiche alle ricette alimentari.

Scopri

Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

La crisi del diesel si aggrava con le scorte che scendono a livelli allarmanti

Mentre l’accordo OPEC+ per tagliare la produzione di greggio e la reazione degli Stati Uniti ad esso dominano i titoli dei giornali, la crisi del diesel sta peggiorando di giorno in giorno. Le scorte globali di diesel e altri distillati sono in calo da un po’ di tempo e non è in vista alcuna inversione di tendenza. La domanda, d’altra parte, è cresciuta, portando a una carenza sempre più grande.

Attualmente, gli Stati Uniti hanno appena 106 milioni di barili di diesel e olio combustibile in scorte commerciali. L’ultima volta che le scorte sono state così basse a metà ottobre è stata nel 1951, quando Truman era alla Casa Bianca. In genere, le scorte dovrebbero aumentare del 30% in questo periodo dell’anno.

Livelli così bassi sono allarmanti perché il diesel è il motore dell’economia globale. Alimenta camion e furgoni, escavatori, treni merci e navi. Una carenza significherebbe costi più elevati per tutto, dall’autotrasporto all’agricoltura e all’edilizia.

La crisi del diesel negli Stati Uniti lascia l’amministrazione Biden di fronte a scelte molto difficili. Se lascia il mercato da solo, è probabile che i prezzi aumenteranno ulteriormente prima di scendere; se interviene, fissando livelli minimi di inventario o limitando le esportazioni, è probabile che gli aumenti dei prezzi si faranno sentire in altre parti del mondo. Entrambe le rotte avranno grandi implicazioni per l’inflazione interna e per la sicurezza energetica in America Latina e in Europa.

I prezzi del diesel negli Stati Uniti

I prezzi all’ingrosso del diesel nel mercato spot del porto di New York sono aumentati a oltre $ 200 al barile. Escludendo un periodo di tre settimane da fine aprile a metà maggio, questo sarebbe un record.

Le raffinerie americane stanno godendo dei migliori margini in assoluto, con il profitto ottenuto dalla trasformazione di un barile di greggio in uno di diesel che ha raggiunto il record di $ 86,5 al barile, in aumento di circa il 450% dalla media 2000-2020 di $ 15,7 al barile.

margini record raffinerie diesel

Perché le scorte di diesel sono così basse?

La domanda di diesel negli Stati Uniti si è ripresa più rapidamente della benzina e del carburante per aerei dall’impatto della pandemia, prosciugando le scorte. Anche la domanda estera è forte, con le esportazioni di diesel americane a livelli insolitamente elevati. Gli Stati Uniti però hanno una capacità di raffinazione inferiore rispetto a prima.

Anche l’invasione russa dell’Ucraina fa parte dei motivi per cui le scorte di diesel hanno raggiunto livelli così bassi. Prima della guerra gli Stati Uniti stavano importando una quantità significativa di olio combustibile russo, che le sue raffinerie con sede nel Golfo del Messico trasformavano in diesel. Il commercio è terminato dopo che la Casa Bianca ha sanzionato le esportazioni di petrolio russo.

La crisi del diesel sta peggiorando

La scorsa primavera, i prezzi del diesel all’ingrosso sono saliti ai massimi storici poiché le scorte sono crollate ad aprile e maggio, spingendo i prezzi al dettaglio a un livello record. Ora è in arrivo una nuova crisi del diesel.

L’America in genere utilizza le stagioni a bassa domanda della primavera e dell’estate per ricostruire le sue scorte di combustibili distillati prima dell’inverno. Ma quest’anno non è riuscita a farlo e le scorte sono ora quasi ai livelli di aprile.

crisi diesel livelli scorte minimi

I funzionari statunitensi sono particolarmente preoccupati per la parte settentrionale della costa orientale degli Stati Uniti, dove le scorte sono basse sia stagionalmente che in termini assoluti. La regione, nota nel gergo del settore come PADD1A, è il luogo in cui si registra la maggiore domanda: dei circa 5,3 milioni di famiglie che utilizzano olio da riscaldamento in America, oltre l’80% si trova nel nord-est.

Cosa possono fare gli Stati Uniti?

Come già detto, la Casa Bianca può lasciare che il mercato continui a fare il suo lavoro, con l’aumento dei prezzi che potrebbe intaccare i consumi. Con le raffinerie che godono di margini altissimi, l’offerta di diesel dovrebbe aumentare. Tuttavia, questo approccio potrebbe portare ad una maggiore inflazione poiché il diesel aumenta i costi di trasporto e di tutto ciò che deve essere trasportato.

Se la Casa Bianca decidesse di intervenire, la misura meno dannosa sarebbe il rilascio di una piccola riserva di gasolio che il governo trattiene per le emergenze. La Northeast Home Heating Oil Reserve ha solo un milione di barili in riserva, quindi la mossa non costituisce una soluzione. Rilasciare più greggio dalla Strategic Petroleum Reserve farebbe ben poco per risolvere il problema, dal momento che il collo di bottiglia si sta affinando.

Altri interventi avrebbero conseguenze significative, danneggiando potenzialmente gli alleati americani. A Washington, i funzionari stanno rimuginando sulla limitazione, o addirittura sul divieto, delle esportazioni di diesel. Se la misura fosse approvata, lascerebbe i vicini, tra cui Messico, Brasile e Cile, a corto di diesel. A luglio, l’ultimo mese con dati completi disponibili, le esportazioni di diesel statunitensi in America Latina hanno raggiunto il record di 1,2 milioni di barili, il doppio rispetto a dieci anni fa.

Un’altra opzione sarebbe quella di costringere le compagnie petrolifere a accumulare scorte rapidamente prima dell’inverno fissando un livello minimo di scorte, simile a quello che ha fatto l’Unione Europea per le scorte di gas naturale.

Il problema con un livello minimo di scorte obbligatorio è che costringerebbe le raffinerie americane a importare di più o ridurre le loro esportazioni, o entrambi. L’impatto in America Latina sarebbe notevole. I prezzi negli Stati Uniti potrebbero diminuire, ma aumenterebbero alle stelle altrove.

La crisi del diesel in Europa

Anche l’Europa sta affrontando una crescente crisi del diesel mentre gli scioperi tagliano le forniture e le scorte si stanno esaurendo. L’UE, che fa ancora affidamento sulle esportazioni di diesel russe, vieterà le importazioni da febbraio in poi. L’Europa sarà quindi a corto di diesel e Biden deve considerare anche questo.

La crescente concorrenza ha ampliato il premio dei prezzi del diesel in Europa, spingendo le raffinerie asiatiche a spedire più carburante per beneficiare della discrepanza.

ARTICOLI CORRELATI:

Caro carburante: la crisi del Diesel

La crisi energetica in Europa: le interruzioni del Nord Stream

Il tetto al prezzo del petrolio russo del G7

I prezzi della benzina: da che cosa vengono influenzati?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.