Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Crisi energetica in Europa: il peggio è passato?

I costi energetici sono diminuiti molto negli ultimi tre mesi. I prezzi del gas naturale europeo sono scesi a circa 140 euro per megawattora da un picco di 350 fissato ad agosto. Allo stesso tempo, i prezzi dell’elettricità si sono più che dimezzati. Inoltre, l’Europa è riuscita ad accumulare scorte di gas riempiendo quasi fino all’orlo i siti di stoccaggio e uno degli autunni più caldi mai registrati ha ridotto significativamente i consumi. Tutto ciò ha fatto emergere la narrativa che sostiene che il peggio della crisi energetica in Europa è passato.

Tuttavia, sia i prezzi del gas naturale che quelli dell’elettricità rimangono rispettivamente circa sette e dieci volte superiori alle loro medie storiche. Anche l’impatto cumulativo è da valutare: non si tratta solo dei prezzi alti ma anche del tempo che passano a determinati livelli.

gas naturale europa scende clima mite scorte piene

Il peggio della crisi energetica in Europa è davvero passato?

Il problema più grande con questa narrativa è che la stagione fredda è appena iniziata. L’inverno meteorologico è iniziato il 1° dicembre. Davanti a noi abbiamo i 100 giorni più freddi dell’anno e non sappiamo se la stagione sarà normale, mite o fredda.

I rialzisti sono preoccupati per le alte pressioni sulla Groenlandia, che possono bloccare le tempeste atlantiche spingendo aria gelida dalle alte latitudini verso l’Europa. Ciò porterebbe a giornate fredde e senza vento che sono terribili per i mercati dell’elettricità. I ribassisti vedono invece il potenziale per diverse tempeste atlantiche che aumentano la generazione del vento e mantengono le temperature più vicine alla media.

Lo scenario peggiore

I mercati dell’energia sono così stretti che solo pochi gradi Celsius, o pochi giorni senza vento, sono ciò che potrebbe portare l’Europa a non avere energia sufficiente per superare l’inverno.

In tutta Europa il vento si è quasi fermato, costringendo le reti a puntare maggiormente sulle centrali elettriche a gas e sul carbone. In passato, l’industria nucleare della Francia si sarebbe fatta avanti. Oggi, però, molti dei suoi reattori sono fuori servizio per riparazioni, restringendo ulteriormente il mercato.

Lo scenario temuto è quello caratterizzato da un periodo con poca elettricità solare ed eolica e un’elevata domanda a causa delle basse temperature. Se questo dovesse accadere, la regione si troverebbe nei guai.

Finora le famiglie e le piccole imprese hanno ampiamente resistito alla crisi perché i governi le hanno protette dall’onere dei costi. L’Europa ha speso 700 miliardi di euro in sovvenzioni per mantenere i prezzi al dettaglio dell’elettricità e del gas al di sotto dei prezzi di mercato. Ma i sussidi non possono durare per sempre poiché diventano comunque un debito che dovrà essere sostenuto.

La Francia può far fronte all’ondata di freddo?

Il sistema elettrico della Francia sembrava essere in grado di far fronte all’ondata di freddo di questa settimana, nonostante le difficoltà del generatore principale del paese.

Mentre il più ampio mercato elettrico francese non mostrava molti disagi, lo stesso non si poteva dire per Electricite de France SA. Di una serie di riavvii nucleari programmati durante il fine settimana, solo uno è andato a buon fine.

La società ha anche esteso di diverse settimane le interruzioni per manutenzione dei suoi impianti di Chooz-2 e St Alban-2. Lunedì EDF aveva operativo solo il 61% della capacità del suo reattore, invariato rispetto a venerdì.

produzione nucleare Francia crisi energetica Europa

Separatamente, l’unità di trading di EDF ha dichiarato domenica di aver venduto troppa energia per lunedì a causa di un incidente operativo e potrebbe dover riequilibrare la propria posizione riacquistando energia sul mercato.

L’errore potrebbe creare ulteriori tensioni nel sistema elettrico europeo proprio mentre il clima è più freddo della media. Quando a settembre è successa una cosa simile, è scattato un allarme di emergenza nei paesi vicini.

Le prospettive della crisi energetica in Europa

Il destino della crisi energetica in Europa dipenderà dalle condizioni meteorologiche, dalla capacità di continuare ad attirare carichi di gas naturale liquefatto e dal risparmio energetico. Le temperature stanno precipitando in tutta la regione e le scorte potrebbero prosciugarsi, mettendo alla prova la capacità dei consumatori di limitare i consumi.

Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, il prossimo inverno sarà più impegnativo perché il forte calo dell’offerta russa renderà più difficile il rifornimento dei siti di stoccaggio. Allo stesso tempo, la domanda di GNL in Cina potrebbe rimbalzare se la sua economia si riprendesse dopo i lockdown legati a Covid, aumentando la competizione per accaparrarsi il combustibile.

L’Europa bilancerà nuovamente il suo mercato del gas quando sarà in grado di firmare nuovi contatti a medio e lungo termine con i fornitori, con Stati Uniti e Qatar che inizieranno le strutture di esportazione dalla metà di questo decennio. Nel frattempo, il continente dovrà affrontare probabilmente costi energetici elevati mentre fatica a concordare limiti di prezzo e a implementare acquisti efficienti di GNL.

ARTICOLI CORRELATI:

La crisi energetica in Europa: le interruzioni del Nord Stream

Perché i prezzi dell’elettricità in Europa stanno aumentando?

Le alternative dell’Europa al gas russo

Il price cap del gas russo

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.