Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Crollo banche regionali: tra perdite mark-to-market e fuga di depositi

Per capire il crollo delle banche regionali si deve prima chiarire qual è l’attività di base del settore bancario. Fondamentalmente, le banche prendono in prestito a breve termine per prestare a lungo termine. Usano depositi, che possono essere prelevati in qualsiasi momento, per finanziare prestiti e acquistare obbligazioni, che non vengono rimborsate per molto tempo.

Nonostante i depositi siano a breve termine, la loro natura dovrebbe essere di lungo termine. La maggior parte dei clienti delle banche conserva i propri soldi in banca per molto tempo, senza controllare ossessivamente i tassi di interesse sui propri conti bancari né le condizioni finanziarie della propria banca. In questo senso, le banche concedono prestiti e acquistano obbligazioni che corrispondono alla durata dei loro depositi a lungo termine.

Il rischio di tasso di interesse

Il modello di business delle banche è esposto al rischio di tasso di interesse. Più specificamente, se i tassi di interesse salgono, le cose possono mettersi male. Quando i tassi aumentano, le attività a lungo termine delle banche perdono valore. Inoltre, le banche devono pagare più interessi sui depositi a breve termine.

Supponiamo che tutti i depositi siano bloccati a tempo indeterminato ad un interesse dello 0%. In quel caso il rischio di tasso di interesse si inverte. La banca non paga nessun interesse sui depositi e nessuno si preoccupa di spostare i propri soldi. Le attività a lungo termine della banca perdono valore di mercato, ma alla banca non importa perché non ha motivo di venderle.

In pratica, le attività sono state acquistate utilizzando finanziamenti a lungo termine e sono tenute fino alla scadenza, quando pagheranno tutto il valore principale. Nel frattempo, continueranno a pagare un interesse che, sebbene inferiore al tasso di mercato, è comunque più alto del tasso che la banca paga sui depositi.

Alcune delle attività a tasso fisso maturano nel breve termine. I proventi possono essere utilizzati per fare nuovi prestiti e acquistare nuove obbligazioni con tassi di interesse più alti. Altre attività hanno tassi variabili, quindi quando i tassi salgono pagano di più.

In pratica, le cose non funzionano proprio così. L’approccio alla finanza moderna è di tipo mark-to-market. Se hai finanziamenti che possono essere ritirati in qualsiasi momento, si tratta di finanziamenti a breve termine. Se acquisti attività a tasso fisso a lungo termine e i tassi di interesse salgono, hai una perdita mark-to-market reale, anche se non realizzata.

Le banche non si aspettano che tutti i loro depositanti prelevino denaro in un attimo, perché di solito non lo fanno. Quindi non si preoccupano troppo di contrassegnare tutti i loro asset sul mercato, perché pianificano di detenere tali asset fino alla loro scadenza. Le banche generalmente ritengono che il loro reddito netto da interessi sia più alto quando i tassi di interesse sono più alti e più basso quando i tassi sono più bassi.

Il contesto attuale

Prima di analizzare il crollo delle banche regionali, andiamo ad esaminare il contesto in cui la mini-crisi bancaria sta avendo luogo. Lo sfondo è caratterizzato dai seguenti punti:

  • La Fed ha promosso la campagna di inasprimento più aggressiva dagli anni ’80.
  • Oggi è molto più facile rispetto a 30 anni fa trasferire i soldi da un conto bancario con un interesse dello 0% a un conto del mercato monetario con un interesse del 5% o un conto di risparmio online ad alto rendimento.
  • Le informazioni sono facilmente disponibili online. Quindi, se una banca ha enormi perdite mark-to-market, è più probabile che le persone ne vengano a conoscenza. Le preoccupazioni possono diffondersi più velocemente.
  • Il mondo è diventato più “finanziarizzato”, e in particolare più mark-to-market. Trent’anni fa alle banche non importava se il valore di mercato dei loro titoli scendeva, purché non dovessero venderli.
  • La crisi finanziaria del 2008 ha coinvolto molte aziende che hanno preso in prestito a breve per prestare a lungo e in un certo senso hanno pensato che il loro finanziamento a breve termine fosse in realtà piuttosto stabile e a lungo termine. Ciò ha funzionato male e le persone sono scettiche su affermazioni simili.
  • Le attività di relazione in generale sono in declino. In un mondo di comunicazioni elettroniche, catene di approvvigionamento globali, lavoro da casa e gig economy, i rapporti commerciali sono meno solidi e il “vado nella filiale della mia banca, stringo la mano al manager e gli affido i risparmi di una vita” non funziona più.

Perché le banche regionali stanno crollando?

SVB aveva molti depositi a breve termine da venture capitalist e aziende tecnologiche e ha investito il denaro principalmente in titoli di Stato statunitensi a lungo termine. Quando la Federal Reserve ha aumentato rapidamente i tassi di interesse, il valore di mercato di quelle obbligazioni è diminuito.

Le perdite di SVB su quelle obbligazioni si avvicinavano, e in alcuni punti superavano, il valore del suo capitale: se SVB avesse venduto tutte le sue obbligazioni e rimborsato tutti i suoi depositanti, non sarebbe rimasto abbastanza denaro. Su base mark-to-market, era insolvente. La gente se ne è accorta e tutti i depositanti ben informati di SVB hanno rapidamente chiesto indietro i loro soldi. Non c’erano abbastanza soldi, la banca è fallita ed è stata sequestrata dal governo.

La situazione delle banche regionali è la stessa di SVB. I loro asset hanno perso valore e su base mark-to-market appaiono in difficoltà. L’approccio tradizionale è quello di aumentare il capitale. Ma gli investitori non sono disposti a comprare le azioni di una banca in difficoltà. Allo stesso tempo, anche i depositanti si stanno facendo prendere dal panico e stanno ritirando i loro depositi.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa accadrà alle banche dopo il crollo della Silicon Valley Bank

Cosa sta succedendo esattamente alle banche statunitensi?

Fuga di depositi dalle banche: gli investitori preferiscono i fondi monetari

Banche europee: esistono rischi di contagio?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.