Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Come Gestire il Rischio Integrando l’IA in un Portafoglio Azionario

La rivoluzione tecnologica porta opportunità e volatilità. Tuttavia, esistono modi per catturare l’innovazione dell’intelligenza artificiale (IA) gestendo contemporaneamente il rischio. Gestire il rischio di un portafoglio che integra l’IA è fondamentale per garantire una crescita sostenibile e proteggere gli investimenti. Le aziende al centro della

Scopri

I depositi bancari potrebbero presto aumentare

Solo una minima parte dell’aumento dei tassi è stato trasferito ai risparmiatori. Più competizione e minore liquidità potrebbero presto spingere le banche ad aumentare i tassi sui depositi.

Mentre i tassi di interesse sono aumentati vertiginosamente, la remunerazione dei depositi bancari è cresciuta in modo molto più contenuto. Ma adesso che i clienti delle banche hanno valide alternative – come i titoli di Stato, i fondi del mercato monetario e i pronti contro termine – le banche potrebbero essere costrette ad aumentare i tassi sui depositi fruttiferi per evitare deflussi significativi.

La politica restrittiva avviata delle banche centrali per contrastare l’’inflazione ha avuto effetti positivi sui margini di interesse delle banche, che negli ultimi trimestri hanno registrato solidi risultati finanziari. Questo perché i rendimenti delle attività degli istituti di credito (mutui, prestiti, ecc.) sono saliti maggiormente rispetto ai costi delle passività (remunerazione di depositi, obbligazioni, pronti contro termine, ecc.). Ma la situazione potrebbe cambiare.

La capacità delle banche di mantenere una struttura di bilancio equilibrata tra attività e passività dipende in larga misura dalla capacità di attrarre e mantenere depositi da parte dei clienti. Inoltre, più il peso dei depositi è elevato, maggiore è la loro rilevanza nell’evoluzione della redditività delle banche.

Gli interessi passivi corrisposti ai clienti, infatti, sono una delle voci principali del margine di interesse, che rappresenta uno degli indicatori economici fondamentali di una banca. Un aumento degli interessi passivi determina una contrazione del margine di interesse e incide negativamente sulla redditività dell’istituto di credito.

Il beta dei depositi

Nelle chiamate sugli utili bancari del secondo trimestre si è sentito molto parlare di “beta dei depositi“. Il termine è emerso 29 volte nelle presentazioni successive agli utili di quattro delle più grandi banche statunitensi la scorsa settimana.

Ma che cos’è il beta dei depositi? Tecnicamente, è una misura della trasmissione della politica monetaria ai risparmiatori, ovvero la porzione della variazione dei tassi della banca centrale che un istituto finanziario trasferisce ai clienti tramite tassi di deposito più elevati.

In genere, il beta dei depositi sale con l’aumentare dei tassi. I tassi sui depositi tendono a non essere così sensibili ai primi 50 punti base di aumenti e le banche possono tenere per sé la maggior parte del vantaggio. Man mano che le tariffe continuano a salire, una parte maggiore dell’aumento viene condivisa con i clienti.

Nel ciclo di inasprimento tra il 2016 e il 2019, le banche statunitensi hanno finito per trasferire quasi il 40% degli aumenti dei tassi della Fed, secondo i dati della Federal Reserve Bank di New York. Entrando nel ciclo attuale, gli analisti hanno anticipato un risultato leggermente inferiore.

L’attuale beta dei depositi delle grandi banche

Per ora, le grandi banche statunitensi non sono in una posizione in cui devono aumentare i tassi sui depositi per mantenere i clienti. Il beta cumulativo presso Wells Fargo è del 33% e presso JPMorgan è del 45%.

Le grandi banche USA stanno attualmente assistendo a un riprezzamento dei depositi più lento rispetto a quanto ipotizzato in precedenza, il che consente loro di aumentare la guidance per il reddito da interessi netto per l’anno finanziario in corso. Ma i bei tempi potrebbero presto finire. Il beta dei depositi potrebbe aumentare. Di conseguenza, il reddito netto da interessi dovrebbe normalizzarsi.

Da fine 2021, il beta dei depositi delle banche dell’Eurozona è stato in media di appena il 13% rispetto all’Euribor a 12 mesi. Questo dato, però, nasconde forti differenze tra i Paesi dell’Eurozona.

beta depositi banche europee

Queste differenze dipendono dalle tipologie di depositi e dalla struttura di finanziamento delle banche. In particolare, i sistemi bancari con più depositi stabili e detenuti come riserva di liquidità o per il capitale circolante tendono a subire meno pressioni per alzare i tassi sui depositi.

Perché i tassi sui depositi potrebbero presto aumentare?

Ci sono importanti fattori che potrebbero determinare un incremento dei tassi sui depositi in Eurozona e negli Stati Uniti. Innanzitutto, la competizione per i depositi sta crescendo, con i clienti che trasferiscono i loro soldi in altri strumenti a un ritmo sempre più rapido.

A questo proposito è bene ricordare che i depositi sono un elemento fondamentale della liquidità delle banche, soprattutto quelle europee. In particolare, le grandi banche in Italia, Spagna e Portogallo hanno una forte dipendenza dai depositi dei piccoli risparmiatori e operano su mercati dove i rialzi dei tassi della BCE sono stati trasferiti in maniera limitata ai depositi. Per questi istituti di credito, controllare i costi ed evitare deflussi sarà fondamentale per mantenere la profittabilità.

Un altro fattore fondamentale in Eurozona è la riduzione della liquidità in circolazione nel sistema finanziario in seguito al rimborso dei finanziamenti TLTRO, le operazioni mirate di rifinanziamento a lungo termine della BCE messe in campo durante la pandemia.

ARTICOLI CORRELATI:

Utili secondo trimestre 2023 grandi banche USA: segnali di vita nell’investment banking

Fuga di depositi dalle banche: gli investitori preferiscono i fondi monetari

Banche europee: esistono rischi di contagio?

Crollo banche regionali: tra perdite mark-to-market e fuga di depositi

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.