Le performance del mercato azionario in base ai rendimenti delle obbligazioni

Decenni di ricerche hanno documentato la sovraperformance del mercato azionario rispetto alle obbligazioni nel lungo termine. Tuttavia, ci sono meno studi sulla performance del mercato azionario in base a diversi ambienti di rendimento delle obbligazioni. Secondo l’analisi di David Blanchett, amministratore delegato e capo della

Scopri

Abbiamo già visto il bottom del mercato?

Il mese di luglio ha visto un bel rally dei mercati azionari. L’S&P 500 ha avuto il mese migliore da novembre 2020 e il Nasdaq da aprile dello stesso anno. I mercati non si muovono mai in linea retta e le vendite prolungate comportano rialzi

Scopri

Tutto quello che devi sapere sui mercati ribassisti

Tutti i mercati rialzisti sono simili, ma i mercati ribassisti sono diversi tra loro. Come ormai sappiamo bene, l’S&P 500 è entrato ufficialmente in un bear market dopo aver chiuso oltre il 20% al di sotto del suo massimo storico. Questo particolare mercato ribassista è

Scopri

Quanto dura un mercato ribassista?

Il mercato azionario statunitense sta vivendo il peggior inizio di anno degli ultimi cinque decenni. Molti investitori si chiedono se la debolezza è destinata a continuare e se ci troviamo effettivamente in un mercato ribassista. Ma quanto dura effettivamente un mercato ribassista? I titoli tecnologici,

Scopri

I mesi migliori per il mercato azionario

Molti investitori ritengono che il mercato azionario abbia prestazioni migliori in determinati periodi dell’anno. C’è del vero in questa credenza? Schroders, una società di gestione patrimoniale britannica, ha condotto un’indagine basata sulle performance dal 1987 al 2018 di quattro principali indici azionari: – FTSE 100:

Scopri

Dovesti credere al Rally di Natale?

Il rally di Natale, o Santa Claus rally, descrive un aumento sostenuto del mercato azionario che si verifica nella settimana che precede il 25 dicembre. Tuttavia, c’è qualche disaccordo tra gli investitori sul fatto che questi rally avvengano nella settimana prima o quella dopo il Natale.

I media si riferiscono al rally di Natale come il periodo che inizia con il Black Friday (il giorno dopo il Ringraziamento) e continua per tutto il mese di dicembre. Questa definizione è molto meno scientifica e non dovrebbe essere considerata con lo stesso livello di confidenza statistica di quella originale definita da Yale Hirsch.

Prima del periodo natalizio, quando c’è ancora molta liquidità, molti partecipanti al mercato aggiustano i portafogli. Inoltre, la maggior parte degli investitori si prende una pausa approfittando delle festività.

Il Santa Claus Rally crea interessanti notizie quando si verifica, ma contare su di esso non può essere una strategia di investimento.

Cosa provoca il rally di Natale?

Alcuni ritengono che il rally sia causato dal temporaneo ottimismo rialzista dovuto alle festività e dagli investitori che investono i loro bonus. Ci sono anche tendenze di calendario più generali chiamate “effetto vacanze” o “effetto weekend lungo”, in cui si teorizza che il mercato azionario abbia prestazioni migliori rispetto alla media prima dei periodi di vacanza. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che volumi di scambio più leggeri durante questi periodi rendono più facile per gli investitori rialzisti spostare il mercato.

Altri insistono sul fatto che il Santa Claus Rally sia legato all’aumento delle spese per le vacanze. In effetti, una forte spesa al dettaglio è vista come un importante indicatore economico della crescita e di conseguenza promuove un comportamento rialzista.

Ci sono anche teorie secondo cui i rally di Natale si verificano perché gli investitori istituzionali si prendono una pausa nel periodo natalizio e gli investitori al dettaglio, che tendono ad essere più rialzisti, sono in grado di esercitare un impatto maggiore sul mercato.

Un’altra teoria è che gli investitori si stiano posizionando per il “January Effect“, un fenomeno che si ritiene che sia il risultato della vendita delle perdite fiscali a dicembre per bloccare le perdite, seguite da riacquisti a gennaio, in conformità con le regole di “wash-sale” di 30 giorni stabilite dall’IRS per l’assunzione di minusvalenze.

I dati relativi al rally di Natale

Negli ultimi 20 anni il rendimento medio dell’S&P 500 nella settimana precedente al 25 dicembre è stato dello +0,385%, o effettivamente piatto. Di queste 20 settimane, 13 hanno avuto un rendimento positivo, 5 un rendimento negativo e 2 sono state piatte. L’intervallo andava dal +5,4% nel 2021 al -10,7% nel 2018. Tra i giorni vincenti, il ritorno medio è stato dell’1,58%, mentre la perdita media è stata del -3,28%.

rally di Natale ritorni S&P 500 2002-2021

Analizzando le performance dell’S&P 500 tra il 1950 e il 2020 negli ultimi cinque giorni di negoziazione di dicembre e i primi due di gennaio si ottengono risultati un po’ diversi.

Il rally di Natale si è materializzato circa il 79% delle volte dal 1950, con un aumento medio dell’S&P 500 dell’1,33%. La percentuale è significativamente più alta della probabilità di un aumento di tale importo in un qualsiasi periodo di negoziazione di sette giorni, che è pari al 31%. In altre parole, i rally di Natale avvengono più del doppio di quanto ci si aspetterebbe.

I rendimenti dell’S&P 500 durante gli ultimi cinque giorni di negoziazione di dicembre e i primi due del nuovo anno successivo sono stati positivi in 55 dei 70 anni tra il 1950 e il 2020 e negativi solo in 15.

rally Natale ritorni S&P 500 1950-2020

Il rally più grande si è verificato tra il 2008 e il 2009 mentre quello del 1974-1975 è al secondo posto. Durante gli ultimi cinque giorni di negoziazione del 2008 e i primi due giorni di negoziazione del 2009, l’S&P 500 è aumentato di circa 63 punti, ovvero del 7,36%. La tabella seguente mostra i cinque rally di Natale più grandi tra il 1950 e il 2020.

rally di Natale più grandi

I rally di Natale e le recessioni

È interessante notare che i due rally di Natale più grandi si sono verificati verso la fine di due significative recessioni.

Tra l’inizio del 1950 e l’inizio del 2020, ci sono stati in totale 10 recessioni. Il rally si è verificato sette volte su 10. Data la piccola dimensione del campione, il Santa Claus rally durante le recessioni è avvenuto con una frequenza paragonabile al tasso tipico del 79%.

La tabella seguente mostra le recessioni che si sono sovrapposte alla fine dell’anno, nonché i rendimenti dell’S&P 500 durante il periodo preso in esame.

ARTICOLI CORRELATI:

Le performance del mercato azionario in base ai rendimenti delle obbligazioni

La scadenza delle opzioni (OpEx): in che modo influenza il mercato azionario?

I mesi migliori per il mercato azionario

L’impatto dell’aumento dei tassi sul mercato azionario

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy