Come Investire in Arte: Strategie Innovative e Consigli Pratici

Investire in arte non è solo un modo per arricchire il proprio spazio con bellezza e cultura, ma può anche rappresentare una strategia di investimento interessante e potenzialmente redditizia. Tuttavia, come ogni investimento, comporta rischi e richiede conoscenza e preparazione. Nel 2023, il valore complessivo

Scopri

Come Eseguire il Carry Trade e Massimizzare i Profitti

Il carry trade è un argomento di grande rilevanza nel mondo della finanza. Questo strumento di investimento, se ben compreso e gestito, può offrire opportunità significative. Tuttavia, è essenziale essere consapevoli dei rischi che comporta. In questo post, esamineremo il funzionamento del carry trade, le

Scopri

Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

L’era del denaro facile è finita: perché il costo del denaro aumenta?

Il prezzo più importante in economia è il prezzo del denaro. Per più di tre decenni, il costo del denaro ha registrato una tendenza al ribasso. Ma adesso l’era del denaro facile è finita.

Il prezzo del denaro viene fissato dalle banche centrali attraverso i tassi di interesse e, come il prezzo di qualsiasi altra cosa, riflette l’equilibrio tra domanda e offerta. Una maggiore offerta di risparmio spinge i tassi verso il basso. Una maggiore domanda di investimenti li spinge verso l’alto.

Il prezzo del denaro che bilancia risparmi e investimenti mantenendo stabile l’inflazione è conosciuto come tasso di interesse neutrale. Anche se si tratta di una variabile che si può solo stimare, il tasso di interesse neutrale è molto importante per il processo decisionale delle banche centrali. Se i tassi di interesse venissero fissati ben al di sotto del tasso neutrale, ci sarebbero troppi investimenti, non abbastanza risparmi e l’economia si surriscalderebbe, con conseguente aumento dell’inflazione. Se invece la banca centrale fissasse i costi di finanziamento al di sopra del tasso neutrale, ci sarebbero troppi risparmi, non abbastanza investimenti e l’economia si raffredderebbe, con conseguente aumento della disoccupazione.

Perché il tasso neutrale è sceso negli ultimi 30 anni?

Negli ultimi 30 anni, il tasso di interesse neutrale per i titoli di Stato statunitensi a 10 anni è sceso da poco più del 5% nel 1980 a poco meno del 2% negli ultimi dieci anni. Per scoprire cosa ha spinto i tassi di interesse al ribasso e prevedere dove potrebbero andare in futuro, gli economisti di Bloomberg hanno creato un modello dei fattori che guidano l’offerta di risparmio e la domanda di investimenti.

I risultati mostrano che una delle ragioni più importanti del calo del tasso neutrale è stata la crescita più debole. Negli anni ’60 e ’70, l’aumento della forza lavoro e i rapidi aumenti di produttività hanno fatto sì che la crescita media annua del PIL fosse vicina al 4%. Negli anni 2000 quei driver hanno esaurito la loro forza. Dopo la crisi finanziaria globale del 2007-2008, la crescita media annua del PIL è crollata intorno al 2%. Un’economia più stagnante si è tradotta in minori investimenti per il futuro, trascinando il prezzo del denaro più in basso.

Il cambiamento demografico ha contribuito in un altro modo. Dagli anni ’80 in poi, quando la generazione dei baby boomer ha iniziato a mettere da parte più soldi per la pensione, l’offerta di risparmio è aumentata, aggiungendo ulteriore pressione al ribasso sul tasso neutrale.

Sul lato del risparmio, l’economia cinese stava crescendo rapidamente, risparmiando molto e incanalando tali risparmi verso i titoli di Stato statunitensi. Dal lato degli investimenti, i computer sono diventati più economici e più potenti, il che significa che le aziende non hanno dovuto spendere così tanto per aggiornare la loro tecnologia, riducendo la domanda di investimenti.

era denaro facile finita

L’era del denaro facile è finita

Alcune delle forze che hanno spinto al ribasso il prezzo del denaro si stanno invertendo. I dati demografici stanno cambiando. La generazione dei baby boomer sta abbandonando la forza lavoro. Ciò comporta una minore offerta di risparmi. La rottura delle relazioni tra Washington e Pechino e il riequilibrio dell’economia cinese potrebbero diminuire il flusso di risparmi cinesi verso i titoli del Tesoro statunitensi.

Il debito degli Stati Uniti ha registrato un’impennata quando la crisi finanziaria globale ha devastato l’economia e ancora una volta quando ha colpito la pandemia. Se il governo non metterà in ordine le proprie finanze, i deficit fiscali rimarranno ampi.

La lotta contro il cambiamento climatico richiederà massicci investimenti. Bloomberg stima che per raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero ci vorranno 30 trilioni di dollari. E i progressi nell’intelligenza artificiale e in altre tecnologie potrebbero ancora aumentare la produttività, con conseguente crescita tendenziale più rapida.

Un elevato indebitamento pubblico, una maggiore spesa per combattere il cambiamento climatico e una crescita più rapida potrebbero spingere il costo del denaro più in alto. Il modello di Bloomberg mostra un aumento di circa un punto percentuale da un minimo dell’1,7% a metà degli anni 2010 al 2,7% entro il 2050. In termini nominali, ciò significa che i rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 anni potrebbero attestarsi tra il 4,5% e il 5%. E i rischi sono sbilanciati verso costi di finanziamento ancora più elevati rispetto a quanto suggerito dallo scenario di base.

L’impatto sull’economia

La fine dell’era del denaro facile avrà profonde conseguenze per l’economia e la finanza. Dall’inizio degli anni ’80, i prezzi delle case negli Stati Uniti sono aumentati vertiginosamente. Il calo dei tassi di interesse ha contribuito in modo determinante al calo dei prezzi. Con i costi di finanziamento ora destinati a salire, questo processo potrebbe giungere al termine.

Si può fare un discorso simile per il mercato azionario. Dall’inizio degli anni ’80, l’S&P 500 ha registrato un’impennata, in parte alimentata da tassi più bassi. Con gli oneri finanziari in aumento, lo slancio per valutazioni azionarie sempre crescenti verrà meno.

Forse il perdente più grande sarà il Dipartimento del Tesoro americano. Anche se il debito non aumentasse ulteriormente rispetto alle dimensioni dell’economia, si prevede che l’aumento dei costi di finanziamento aggiungerà il 2% del PIL ogni anno ai pagamenti del debito entro il 2030. Se così fosse stato l’anno scorso, il Tesoro avrebbe pagato 550 miliardi di dollari extra agli obbligazionisti.

ARTICOLI CORRELATI:

Meglio le azioni o le obbligazioni con i rendimenti al 5%?

Premio a termine: che cos’è e perché adesso è positivo?

Fed: i rendimenti più alti riducono la necessita di ulteriori aumenti dei tassi

Tassi più alti più a lungo: gli effetti sui mutuatari

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.