FOMC minutes di giugno

Dai FOMC minutes di giugno è emersa la determinazione della Fed a fare di tutto per evitare che l’inflazione diventi radicata, anche se ciò potrebbe rallentare l’economia. Lo scorso mese i funzionari della Fed hanno votato per un aumento dei tassi d’interesse di 75 punti base, anticipando un aumento di 50 o 75 punti base alla riunione di luglio. Un aumento di quell’entità non si vedeva dal 1994.

Molti partecipanti ritengono che una posizione ancora più restrittiva possa essere appropriata nel caso in cui le pressioni inflazionistiche dovessero rimanere elevate. Per la Fed adesso è importante mantenere intatta la propria credibilità nel riuscire a controllare l’inflazione. Nonostante i funzionari politici abbiano riconosciuto la possibilità che la crescita economica rallenti, il ritorno dell’inflazione al target del 2% è il loro obiettivo principale.

I punti chiave dei FOMC minutes di giugno

  • I responsabili politici sono pronti ad aumentare i tassi d’interesse a livelli ritenuti restrittivi per l’economia, se necessario;
  • Non è presente alcuna indicazione che i membri del FOMC aumenteranno i tassi di 75 punti base alla riunione di luglio: il verbale afferma che i partecipanti hanno ritenuto che un aumento di 50 o 75 punti base sarebbe probabilmente appropriato alla prossima riunione;
  • I funzionari sono molto più preoccupati che l’inflazione diventi radicata e che si stabilizzi a livelli elevati piuttosto che per il rallentamento della crescita e per il mercato del lavoro;
  • I funzionari hanno esplicitamente riconosciuto di essere disposti ad accettare il prezzo di un’economia più debole per tenere a bada l’inflazione;
  • La presidente della Fed di Kansas City Esther George è stata l’unica a dissentire dall’aumento di 75 punti base ma era favorevole a un aumento di mezzo punto percentuale.

La recessione è sulla bocca di tutti ma non della Fed

I FOMC minutes di giugno erano pieni di riferimenti alle pressioni inflazionistiche e di spiegazioni sul perché possano richiedere tempo per allentarsi. La parola “inflazione” è stata citata per ben 90 volte mentre non c’è stato alcun riferimento alla recessione.

Powell continua a sostenere che l’economia è forte e che esistono percorsi per ridurre l’inflazione senza danneggiare il mercato del lavoro. Tuttavia ha riconosciuto che tale impresa potrebbe non essere così facile.

Gli economisti hanno declassato le previsioni di crescita sulla scia dei dati deboli della spesa dei consumatori, un inasprimento delle condizioni finanziarie e un calo dell’attività manifatturiera.

La spesa dei consumatori statunitensi è scesa a maggio per la prima volta quest’anno e i mesi precedenti sono stati rivisti al ribasso. I tassi sui mutui sono raddoppiati dall’inizio dell’anno e stanno raffreddando il mercato immobiliare. Secondo Bloomberg, le probabilità di una recessione negli Stati Uniti nei prossimi 12 mesi si aggirano al 38%.

probabilità recessione USA

Anche i mercati monetari sembrano preoccupati per l’economia. I trader che cercano di anticipare i movimenti della Fed stanno scommettono su un’inversione della rotta entro la prima metà del 2023.

I commenti di Powell

Powell sembra concentrato sulle aspettative di inflazione dei consumatori, che sono per lo più influenzate dai prezzi del cibo e dell’energia. Nella sua conferenza stampa successiva all’ultimo incontro della Fed, Powell ha citato l’indagine preliminare dell’Università del Michigan sulle aspettative di inflazione tra i fattori che hanno spinto la Fed ad aumentare i tassi di 75 punti base. La lettura preliminare mostrava che gli americani si aspettavano un’inflazione del 3,3% nei prossimi 5-10 anni, ma è stata rivista al 3,1% nel rapporto finale pubblicato il 24 giugno.

Le aspettative di inflazione del mercato invece sono diminuite. I breakeven inflation a 5 e 10 anni hanno toccato il picco ad aprile e da lì sono scesi. Nei prossimi 10 anni il mercato si aspetta un’inflazione intorno al 2,3%, abbastanza vicina al target della Fed. Le aspettative per i prossimi 5 anni sono scese al 2,5%.

Come si sono mossi i mercati dopo i FOMC minutes di giugno?

I rendimenti dei Treasury a due anni, tra i più sensibili alla politica della Fed, sono aumentati a seguito della pubblicazione del verbale. Dopo aver raggiunto il 3,4% a metà del mese di giugno, i rendimenti hanno cominciato a scendere portandosi sotto il 3%. Nella sessione di ieri sono tornati di nuovo al di sopra di quella soglia.

FOMC minutes di giugno: il rendimento delle obbligazioni a 2 anni

Anche il decennale è salito ma è rimasto al di sotto del 3%. Lo spread tra questi due rendimenti, ampiamente seguito come segnale di recessione, è sceso ulteriormente ed è rimasto in territorio negativo per il secondo giorno consecutivo. Questo spread deve rimanere negativo per un periodo di tempo sufficientemente lungo per fornire un segnale affidabile di recessione.

la curva dei rendimenti dopo l'uscita dei FOMC minutes di giugno

Le aspettative sui tassi d’interesse per la riunione di luglio sono rimaste pressoché invariate a seguito dell’uscita dei FOMC minutes di giugno. Il mercato sta pienamente scontando un aumento di 75 punti base.

Le aspettative sui tassi per la riunione della Fed di luglio

L’indice del dollaro americano ha continuato ad apprezzarsi, guadagnando lo 0,52%. Di conseguenza, l’euro ha continuato a sprofondare. Il tasso di cambio EUR/USD sembra ormai determinato a raggiungere la parità.

tasso di cambio EUR/USD dopo l'uscita dei FOMC minutes

Gli indici azionari invece hanno chiuso in leggero guadagno.


ARTICOLI CORRELATI:

Banche centrali: come stanno influenzando i mercati finanziari?

Riunione della BCE: termine degli acquisti e nuove proiezioni

I verbali del FOMC di maggio e le aspettative dei mercati

Cosa potrebbe fermare l’inasprimento della Fed

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.