Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

Frenata dell’economia della Germania: crollano gli ordini alle fabbriche

L’economia della Germania è stata definita ancora una volta il “malato d’Europa”. I problemi della più grande economia europea sono continuati nel terzo trimestre. Gli ordini alle fabbriche tedesche sono crollati a luglio, segnando il calo più grande dal lockdown del 2020. La domanda è diminuita dell’11,7% da giugno. Gli economisti prevedevano un calo del 4,3%.

La Germania è sulla buona strada per mostrare la peggiore performance tra i paesi del G7 quest’anno. La debole domanda cinese e la crisi energetica stanno paralizzando il settore manifatturiero tedesco, che è stato a lungo un motore della crescita europea. Anche l’aumento dei tassi di interesse della Banca Centrale Europea rappresenta un ulteriore freno alla crescita.

Dopo aver sopportato una recessione invernale, la produzione tedesca non è riuscita ad espandersi nel secondo trimestre e probabilmente si fermerà anche nel terzo. Il PMI manifatturiero della Germania è stato confermato a 39,1 in agosto, il secondo valore più basso da maggio 2020 e ancora saldamente all’interno del territorio di contrazione.

PMI manifatturiero Germania agosto 2023

La produzione manifatturiera è diminuita al ritmo più rapido dall’inizio della pandemia. Anche i nuovi ordini di esportazione sono diminuiti notevolmente a causa della riduzione delle vendite in Cina e in tutta Europa. L’occupazione nelle fabbriche è diminuita modestamente poiché le aziende sono state riluttanti ad effettuare riduzioni del personale su larga scala. Sul fronte dei prezzi, sono diminuiti sia i costi di produzione che i prezzi alla produzione. Infine, i produttori sono rimasti pessimisti riguardo alle prospettive di produzione per il prossimo anno.

L’etichetta di “malato d’Europa”

Sia la Bundesbank che il Fondo monetario internazionale prevedono una contrazione annuale dello 0,3% per l’economia della Germania quest’anno. Con le scarse prospettive economiche, l’etichetta di “malato d’Europa”, assegnata al paese all’indomani della sua riunificazione nel 1990, ha fatto ritorno. Alla domanda su questo soprannome, il presidente della Bundesbank Joachim Nagel ha riconosciuto che la situazione attuale non è eccezionale. “È vero che nel semestre invernale siamo scivolati in una recessione tecnica e che da allora lo sviluppo economico non è stato soddisfacente”, ha dichiarato martedì sera in un’intervista. “Ma ci aspettiamo che il quadro si illumini di nuovo”. “La Germania non è il malato d’Europa”, ha detto. “Penso che sia una diagnosi errata”. Il mercato del lavoro è in condizioni molto migliori rispetto agli anni ’90. Ciò rende errati i confronti con quel periodo, secondo Nagel.

Eppure le aziende tedesche stanno lanciando l’allarme. Hamburger Hafen ha notato un forte calo dei volumi di spedizione e si aspetta una diminuzione significativa delle entrate nel suo sottogruppo Port Logistics. La guerra della Russia in Ucraina, le tensioni geopolitiche, l’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse mettono pressione sulla domanda dei consumatori e dell’industria.

Gli utili di Siemens AG sono stati inferiori alle stime degli analisti poiché la società ha dovuto far fronte a un calo della domanda per la sua unità di industrie digitali in Cina. Anche Salzgitter, uno dei maggiori produttori di acciaio europei, ha riportato risultati inferiori alle attese e ha suggerito che la produzione sarà più debole nella seconda metà rispetto alla prima.

Le sfide dell’economia della Germania

La crisi energetica della Germania sta paralizzando i produttori in un’economia già alle prese con una carenza di competenze e una scarsa produttività indotte demograficamente. Nel frattempo, l’intensificarsi della concorrenza globale nel settore dei veicoli elettrici minaccia la sua abilità nel settore automobilistico. Tali sfide a lungo termine si stanno combinando con il rallentamento dell’economia cinese e una politica monetaria restrittiva.

A differenza di vent’anni fa, la Germania oggi ha una delle finanze pubbliche più solide dell’Eurozona. Ciò lascia al paese sufficiente spazio fiscale per reagire. Ma la lunga lista di problematiche renderà difficile concordare una risposta politica.

Le riforme economiche dopo la riunificazione hanno coinciso con un contesto macroeconomico favorevole. L’allargamento dell’Unione Europea ha consentito a molte aziende tedesche di esternalizzare la produzione verso paesi dell’Europa orientale con salari molto più bassi. L’ascesa della Cina sulla scena globale ha portato anche un partner commerciale importante. La Germania ha anche beneficiato dall’era dei tassi di interesse bassi. Oggi questi venti favorevoli non esistono più poiché la Cina è diventata un competitor e la BCE dovrà probabilmente mantenere i tassi a livelli restrittivi per un lungo periodo di tempo.

ARTICOLI CORRELATI:

La Germania è il “malato d’Europa”?

La BCE alza di nuovo i tassi e lascia aperte le opzioni per settembre

Crisi energetica in Europa: il peggio è passato?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.