Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Come Gestire il Rischio Integrando l’IA in un Portafoglio Azionario

La rivoluzione tecnologica porta opportunità e volatilità. Tuttavia, esistono modi per catturare l’innovazione dell’intelligenza artificiale (IA) gestendo contemporaneamente il rischio. Gestire il rischio di un portafoglio che integra l’IA è fondamentale per garantire una crescita sostenibile e proteggere gli investimenti. Le aziende al centro della

Scopri

La Germania è il “malato d’Europa”?

La Germania sta gareggiando per il titolo di “malato d’Europa“. Gli ultimi dati evidenziano quanto il malessere economico sia radicato in un anno in cui il Fondo monetario internazionale prevede che l’economia tedesca sarà l’unica tra le nazioni del G7 ad affrontare una contrazione.

La fiducia delle imprese ha subito un altro duro colpo, ma c’è ancora ottimismo sul fatto che la Germania possa evitare una grave recessione. Un indicatore chiave del sentiment dell’Ifo Insitute è sceso più del previsto ad agosto.

I numeri attuali indicano che potrebbe esserci una leggera crescita negativa nel terzo e nel quarto trimestre, ha dichiarato Klaus Wohlrabe dell’Ifo Institute. Tuttavia, non si aspetta l’arrivo di una profonda recessione. Il presidente della Bundesbank Joachim Nagel si è detto abbastanza ottimista riguardo ad un atterraggio morbido.

Dopo aver attraversato una recessione tecnica tra il 4° trimestre del 2022 e il primo trimestre del 2023, il PIL del secondo trimestre è risultato in stagnazione. E le attese per tutto il 2023 non sono migliori. La Bundesbank ha detto che l’economia probabilmente ristagnerà anche in questo trimestre, poiché gli alti tassi di interesse e la debolezza della domanda globale peseranno sul settore manifatturiero. Allo stesso tempo, un mercato del lavoro robusto, forti aumenti salariali e un’inflazione moderata sosterranno una ripresa della spesa dei consumatori.

stime PIL 2023 FMI Germania malato d'Europa

Le difficoltà dell’industria tedesca

L’industria tedesca ha registrato il suo mese peggiore in sei mesi a giugno. Gli ordini alle fabbriche sono aumentati appena nel secondo trimestre.

L’indice PMI di S&P Global della Germania è sceso a 44,7 ad agosto, il livello più basso in più di tre anni. L’attività dei servizi si è contratta per la prima volta in otto mesi.

Anche la contrazione dell’attività nell’area dell’euro si è intensificata. L’indice flash PMI per la regione è sceso a 47, ancora al di sotto della soglia di 50 che indica una crescita. L’attività dei servizi si è ridotta per la prima volta dalla fine del 2022, mentre l’aspettativa era una continua espansione in un settore che fino a poco tempo fa aveva visto una domanda robusta.

I sondaggi PMI hanno aumentato i timori di una protratta debolezza nella più grande economia europea. Il contesto restrittivo dei tassi di interesse e il rallentamento dell’economia globale – in particolare della Cina – aumentano le difficoltà per la nazione esportatrice. Ciò ha spinto gli investitori a scommettere che la Banca Centrale Europea metterà in pausa la sua campagna di rialzi dei tassi a settembre. Ma il presidente della Bundesbank ha dichiarato che, con l’inflazione ancora al di sopra del 5%, è troppo presto per pensare a una pausa.

aspettative tassi BCE settembre 2023

Diversi funzionari hanno affermato che anche se la BCE non aumentasse i costi di finanziamento il 14 settembre, potrebbe comunque farlo nei mesi a venire.

Eppure le aziende tedesche hanno lanciato l’allarme. Hamburger Hafen ha notato un forte calo dei volumi di spedizione e ha avvertito di aspettarsi un diminuzione significativa delle entrate nel suo sottogruppo Port Logistics.

Nel frattempo, gli utili di Siemens AG sono stati inferiori alle stime degli analisti poiché la società ha dovuto far fronte a un calo della domanda per la sua unità di industrie digitali in Cina. Anche Salzgitter, uno dei maggiori produttori di acciaio europei, ha riportato risultati inferiori alle attese e ha suggerito che la produzione sarà più debole nella seconda metà dell’anno rispetto alla prima.

La crisi energetica

Le imprese tedesche stanno frenando sempre più gli investimenti e guardando alla produzione all’estero in un contesto di prezzi elevati dell’energia in patria.

Secondo un rapporto della Camera di commercio e dell’industria tedesca, oltre la metà delle aziende intervistate afferma che la transizione energetica ha effetti negativi o molto negativi sulla loro competitività. Tra i produttori, quasi un terzo sta valutando o sta già effettuando uno spostamento della produzione all’estero, il doppio rispetto a quanto avvenuto durante la crisi energetica dello scorso anno.

Mentre i produttori godevano di costi energetici relativamente bassi quando la Germania riceveva ancora gas dalla Russia, la crisi dello scorso anno ha costretto il Paese a rinnovare il suo piano per le forniture future. I suoi prezzi energetici sono attualmente tra i più alti in Europa.

Anche se si prevede che l’espansione delle fonti energetiche rinnovabili alla fine ridurrà i costi, secondo il governo è probabile che rimarranno elevati almeno fino al 2027. Tra le grandi imprese industriali – che spesso hanno già collegamenti con la produzione all’estero – una su quattro ha già avviato o completato ulteriori spostamenti di capacità.

La Germania potrebbe tornare ad essere il “malato d’Europa”?

L’etichetta “malato d’Europa” è stata affibbiata alla Germania negli anni successivi alla riunificazione del 1990 per indicare il ruolo di peso morto sul potenziale di crescita del continente. Al tempo, il processo di unire due nazioni indebolì l’economia e generò una disoccupazione ostinatamente elevata.

Oggi, la persistente crisi energetica della Germania sta paralizzando i produttori in un’economia già alle prese con una carenza di competenze e una scarsa produttività. Nel frattempo, l’intensificarsi della concorrenza globale nel settore dei veicoli elettrici minaccia la sua abilità nel settore automobilistico. Tali sfide a lungo termine si stanno combinando con la debole domanda cinese e una politica monetaria più restrittiva.

ARTICOLI CORRELATI:

La BCE alza di nuovo i tassi e lascia aperte le opzioni per settembre

Le alternative dell’Europa al gas russo

Le rinnovabili superano il gas come principale fonte di elettricità in Europa

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.