La relazione tra disoccupazione e recessione

Il mercato del lavoro statunitense sta avendo un buon inizio nel 2023. L’economia ha creato inaspettatamente 311.000 posti di lavoro a febbraio del 2023, ben al di sopra delle previsioni di mercato di 205.000. Il dato ha seguito una revisione al ribasso di 504.000 a

Scopri

Le rinnovabili superano il gas come principale fonte di elettricità in Europa

L’approvvigionamento energetico ed elettrico è diventato vitale per l’Europa nell’ultimo anno, man mano che la regione si allontana dalla dipendenza dai combustibili russi. Tra le rilevazioni fornite da Eurostat che analizzano la transizione energetica nell’Unione Europea, una delle più significative è quella che misura l’incidenza dell’energia prodotta da fonti rinnovabili sui consumi elettrici complessivi nel continente.

La produzione di elettricità da fonti energetiche rinnovabili è aumentata del 5% nel 2021. Assai minore, invece, è stato l’incremento percentuale della quota di fonti di energia rinnovabile sui consumi elettrici complessivi. Nel 2021, il consumo lordo di elettricità è aumentato principalmente a causa della ripresa economica dopo la revoca delle restrizioni pandemiche. Di conseguenza, la quota di fonti energetiche rinnovabili nel consumo lordo di elettricità nell’Unione europea è aumentata soltanto di 0,1 punti percentuali, passando dal 37,4% del 2020 al 37,5%.

L’Eurostat ha sottolineato la particolarità di questa rilevazione annuale in quanto il suo termine di paragone, ovvero il 2020, è stato un periodo nel quale tutti i principali indicatori economici e sociali sono stati in qualche modo falsati dall’impatto del Covid.

Sarà interessante vedere che cosa mostreranno le rivelazioni relative al 2022, altro anno particolare per via della guerra in Ucraina e della crisi energetica. A causa del minor utilizzo europeo di combustibili fossili come il gas e il petrolio, l’incidenza sui consumi elettrici delle fonti di energia rinnovabile dovrebbe segnare un incremento più elevato rispetto al 2021.

L’evoluzione delle varie fonti rinnovabili

Eurostat misura anche l’incidenza percentuale delle varie fonti rinnovabili sulla produzione energetica green complessiva.

L’eolico e l’idroelettrico rappresentano oltre due terzi dell’energia totale prodotta da fonti rinnovabili (rispettivamente 37% e 32%). Il restante terzo dell’elettricità proviene dall’energia solare (15%), dai biocarburanti solidi (7%) e da altre fonti rinnovabili (8%). L’energia solare è la fonte che sta registrando la più rapida crescita; nel 2008 rappresentava solo l’1% dell’elettricità consumata nell’UE.

rinnovabili fonti energia in Europa

Nel 2021, più di tre quarti del consumo lordo di elettricità in Austria (76,2%, basato principalmente sull’idroelettrico) e in Svezia (75,7%, principalmente idroelettrico ed eolico) è stato generato da fonti rinnovabili. Questi Stati membri dell’UE sono stati seguiti da Danimarca (62,6%, principalmente energia eolica), Portogallo (58,4%, energia eolica e idroelettrica) e Croazia (53,5%, principalmente energia idroelettrica).

All’estremo opposto, le quote più basse di elettricità da fonti rinnovabili sono state segnalate a Malta (9,7%), Ungheria (13,7%), Lussemburgo (14,2%), Repubblica Ceca (14,5%) e Cipro (14,8%).

I progressi dell’Europa sul fronte delle energie rinnovabili

Sebbene molti paesi abbiano compiuto progressi nella transizione energetica dai combustibili fossili, quasi la metà dei paesi europei ne dipende ancora come fonte primaria di generazione di elettricità.

Il grafico seguente di Visual Capitalist mappa i paesi europei in base alla loro principale fonte di generazione di elettricità utilizzando i dati di Electricity Maps e dell’AIE, insieme a una ripartizione della produzione complessiva di elettricità dell’UE per fonte nel 2021.

Nell’ultimo decennio, l’Europa ha compiuto notevoli progressi sul fronte delle energie rinnovabili. Nel 2011, i combustibili fossili (petrolio, gas naturale e carbone) costituivano il 49% della produzione di elettricità dell’UE, mentre le fonti energetiche rinnovabili costituivano solo il 18%. Oggi, le fonti energetiche rinnovabili rappresentano il 32% della produzione di elettricità dell’UE, contro il 36% dei combustibili fossili.

L’espansione della produzione di energia eolica e solare è stata il motore principale dei progressi dell’Europa sul fronte delle energie rinnovabili, passando da una quota dell’8% nel 2011 al 19% nel 2021.

Sebbene l’energia idroelettrica non costituisca una quota così grande come altre fonti, è la fonte più comune di generazione di elettricità in Europa.

Negli ultimi 20 anni, abbiamo assistito al declino dell’energia nucleare come fonte di generazione di elettricità in tutta Europa. La quota è scesa al 25% nel 2021, dal 33% del 2001.

Le fonti primarie di energia elettrica nei principali paesi europei

La Germania continua a dipendere fortemente dal carbone, che dal 2017 al 2021 ha generato il 31% dell’elettricità del Paese. Allo stesso tempo, la generazione di energia eolica e solare ha rappresentato il 33% della produzione di elettricità della Germania (rispettivamente il 23% e il 10%).

La Francia è la più grande economia europea che si affida principalmente all’energia nucleare, che rappresenta più della metà della produzione elettrica del Paese.

L’Italia, il Regno Unito e i Paesi Bassi sono tutti principalmente alimentati a gas naturale. L’Italia è la più dipendente dei tre, con il 42% dell’elettricità generata dal gas naturale. I Paesi Bassi (40%) e il Regno Unito (38%) sono molto vicini.

La Spagna è un outlier in Europa. Nel 2022, il contributo del gas naturale alla produzione di energia elettrica è sceso al 14%, dal 29% nel periodo 2017-2021. Nel frattempo, l’eolico è diventato il principale generatore di elettricità con una quota del 32%.

La transizione energetica è accelerata nel 2022

Dall’invasione dell’Ucraina, i paesi europei hanno colto l’opportunità per accelerare la transizione verso le fonti energetiche rinnovabili.

Un nuovo rapporto di Ember evidenzia come la transizione abbia compiuto notevoli progressi nel 2022, con l’energia solare ed eolica (22%) che ha superato per la prima volta il gas naturale (20%) nella generazione di elettricità.

Mentre l’UE ha visto un aumento della produzione di elettricità da combustibili fossili nel 2022, Ember si aspetta che diminuisca nel 2023 fino al 20%. Se l’UE può sostenere questo passaggio accelerato dai combustibili fossili, questa mappa delle fonti energetiche primarie per la generazione di elettricità potrebbe includere molte più fonti energetiche rinnovabili e a basse emissioni di carbonio nel prossimo futuro.

ARTICOLI CORRELATI:

I prezzi dell’energia nel 2022: quali sono i paesi con i costi energetici più alti?

Crisi energetica in Europa: il peggio è passato?

La crisi energetica in Europa: le interruzioni del Nord Stream

Il prezzo del Gas scende ma le bollette rimagono alte

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.