L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

E’ giusto parlare di “Giapponesizzazione” della Cina?

Il mondo si sta finalmente risvegliando di fronte alle sfide che la seconda economia del mondo ha accumulato per anni. La ripresa della Cina sta rapidamente perdendo slancio a causa dei consumi e delle esportazioni poco brillanti. Nel secondo trimestre, gli investimenti diretti esteri in Cina hanno toccato il livello più basso da quando Pechino ha iniziato a raccogliere i dati nel 1998. Mentre la Cina scivola in deflazione, una parola emerge sempre più spesso per descrivere l’atmosfera economica: “Giapponesizzazione“.

In effetti, esistono delle somiglianze tra la Cina di oggi e il Giappone dei primi anni ’90. Il settore immobiliare è in crisi, la popolazione è in rapido invecchiamento e le tensioni commerciali con gli Stati Uniti si stanno facendo sempre più intense. Ma è troppo facile affermare che la Cina stia ora seguendo lo stesso percorso di calo dei prezzi e della domanda affrontato dal Giappone.

La situazione della Cina è molto diversa da quella della bolla economica del Giappone degli anni ’90. Se l’economia cinese fosse davvero a un punto di svolta, diventare come il Giappone potrebbe essere il miglior risultato possibile che la Cina possa sperare. Vediamo perché!

La “Giapponesizzazione” è stata davvero così negativa?

Il termine “Giapponesizzazione” viene usato per indicare l’insieme di sfide emerse per la prima volta in Giappone vent’anni fa, tra cui tassi di crescita deboli e tassi di inflazione persistentemente bassi nonostante l’enorme sostegno politico.

Dopo lo scoppio della bolla immobiliare e azionaria, l’economia giapponese raggiunse il picco nel 1990 e sprofondò in una stagnazione decennale (il famoso “decennio perduto”). Il Giappone sta finalmente uscendo dal ciclo deflazionistico, ma non è chiaro se la ripresa sarà sostenibile.

In retrospettiva, ci sono stati cambiamenti demografici che il Giappone non avrebbe mai potuto affrontare. L’aumento della popolazione in età lavorativa visto nel dopoguerra semplicemente non poteva continuare.

Ma la Giapponesizzazione non è mai stata lo scenario infernale che gli osservatori pensavano che fosse. Almeno secondo alcuni parametri, la performance economica del Giappone non è stata poi così negativa.

Fino ad oggi, il paese è riuscito a uscire dalla bolla finanziaria con pochi sconvolgimenti sociali. Anche nei momenti peggiori, la disoccupazione non è mai salita oltre il 6%. Attualmente, si trova abbastanza vicino ai minimi storici e il tasso di partecipazione è in aumento.

tasso disoccupazione Giappone

Le previsioni di una catastrofe fiscale imminente causata da un debito pubblico ampio e crescente si sono rivelate finora infondate.

Il tasso di suicidio è sceso del 40% negli ultimi due decenni mentre il numero dei senzatetto è stato ridotto dell’80%. La criminalità è bassa e l’assistenza sanitaria universale.

Mentre il Giappone post-bolla è stato rimproverato per non aver affrontato in modo abbastanza schietto i problemi nei settori finanziario e immobiliare, la politica pubblica si è evoluta ed è stata, a volte, rivoluzionaria. La Bank of Japan è stata la pioniera dei tassi di interesse zero e del quantitative easing. Anche dopo il 2008, il QE era una parolaccia per alcune economie, principalmente Australia e Nuova Zelanda. Ma quando il Covid ha colpito, erano tutti pronti ad attuare il programma.

Le sfide demografiche

Una delle principali sfide che sia il Giappone che la Cina devono affrontare è quella demografica. Il basso tasso di natalità e l’invecchiamento della popolazione giapponese sono da tempo nella mente dei politici.

Un tempo, la fertilità scadente era qualcosa da usare contro il paese, un segno che una sorta di crepuscolo stava tramontando su quella che è ancora oggi una delle più grandi economie del mondo. Ma il Giappone non se la passa poi tanto male rispetto ai paesi vicini e alle economie avanzate. Il tasso di fertilità totale, il numero di figli che una donna può aspettarsi di avere nel corso della sua vita, è sceso a 1,26 lo scorso anno. La Corea del Sud se la passa molto peggio, a 0,78, così come Singapore, dove è sceso a 1,05. Il Giappone è più vicino alla Spagna e all’Italia che ai suoi vicini. In Cina il tasso è crollato a 1,09 l’anno scorso da 1,30 nel 2020.

Per quanto sia difficile da credere ora, fino alla metà degli anni ’90 il Giappone era il grande spauracchio economico degli Stati Uniti. I commentatori parlavano di come Tokyo fosse destinata a prendere il controllo della sfera di influenza occidentale.

Il Giappone, con la sua sicurezza dipendente dagli Stati Uniti, non avrebbe mai governato il mondo. Tuttavia, le storie sulla sua scomparsa erano esagerate. Proprio come il Giappone, la Cina probabilmente non è né diretta verso il dominio globale né destinata al collasso.

ARTICOLI CORRELATI:

La crisi immobiliare porterà a una crisi finanziaria più ampia in Cina?

Deflazione in Cina: perché i prezzi stanno diminuendo?

Il rallentamento dell’economia cinese è un problema per tutto il mondo

La Cina non salverà il Mondo

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.