Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Il crollo della New York Community Bancorp ha a che fare con la crisi degli immobili commerciali

Il mercato immobiliare commerciale statunitense è in subbuglio dall’inizio della pandemia di Covid-19. Il crollo della New York Community Bancorp e della giapponese Aozora Bank Ltd. hanno ricordato che alcuni istituti di credito stanno appena iniziando a sentire il dolore.

Mercoledì la NYCB ha deciso di tagliare il suo dividendo trimestrale e ha riportato delle perdite a seguito di centinaia di milioni accantonati come riserva per far fronte a potenziali crediti inesigibili. Le sue azioni sono crollate del 38% dopo gli utili. Le ricadute dei giorni seguenti le hanno trascinate al minimo di 23 anni. Moody’s ha dichiarato che sta valutando se abbassare il rating creditizio della banca a spazzatura dopo gli sviluppi di mercoledì.

Sulla scia della delusione degli utili della NYCB, gli investitori hanno venduto azioni in tutto il settore a causa della preoccupazione per l’esposizione agli immobili commerciali. Mercoledì l’indice bancario regionale KBW è crollato del 6%, la peggiore performance dal crollo della Silicon Valley Bank dello scorso marzo. Giovedì l’indicatore è sceso di un ulteriore 3,2%.

Le vendite si sono propagate anche all’Europa e all’Asia. Aozora, con sede a Tokyo, è crollata di oltre il 20% dopo aver avvertito delle perdite di proprietà commerciali negli Stati Uniti. In Europa, Deutsche Bank ha più che quadruplicato i suoi accantonamenti per le perdite immobiliari statunitensi. Cerchiamo di capire perché la crisi degli immobili commerciali potrebbe danneggiare gli istituti di credito.

Il crollo della New York Community Bank

La New York Community Bancorp ha affermato che l’aumento degli accantonamenti era correlato a un edificio cooperativo e ad un immobile adibito a uffici. Sebbene gli uffici siano un’area di particolare preoccupazione per gli investitori immobiliari, la maggiore esposizione immobiliare della società proviene da edifici multifamiliari. La banca detiene circa 37 miliardi di dollari in mutui per appartamenti. Quasi la metà di questi prestiti sono garantiti da edifici ad affitto regolamentato, rendendoli vulnerabili alle normative dello stato di New York approvate nel 2019 che limitano rigorosamente la capacità dei proprietari di aumentare gli affitti.

Alla fine dello scorso anno, la Federal Deposit Insurance Corp. ha applicato uno sconto del 39% quando ha venduto circa 15 miliardi di dollari in prestiti garantiti da edifici ad affitto regolamentato. A ulteriore testimonianza delle sfide che questi edifici devono affrontare, a dicembre circa il 4,9% degli edifici a canone stabilizzato di New York con prestiti cartolarizzati erano in insolvenza, il triplo del tasso di altri condomini, secondo un’analisi del fornitore di dati sugli immobili commerciali Trepp.

La New York Community Bancorp, che lo scorso anno ha acquisito parte della Signature Bank, ha dichiarato mercoledì che l‘8,3% dei suoi mutui per appartamenti sono ad alto rischio di default.

Il calo degli immobili commerciali

I rinnovati timori di turbolenze bancarie riflettono il continuo calo dei valori degli immobili commerciali. A definire questa fase è stato il passaggio al lavoro a distanza indotto dalla pandemia e un rapido rialzo dei tassi di interesse, che hanno reso più costoso il rifinanziamento per i mutuatari in difficoltà. Per le banche, ciò significa la prospettiva di ulteriori default poiché alcuni proprietari faticano a pagare i prestiti o semplicemente abbandonano gli edifici.

Secondo Trepp, le banche dovranno affrontare circa 560 miliardi di dollari in scadenze per immobili commerciali entro la fine del 2025, che rappresentano più della metà del debito immobiliare totale in scadenza in quel periodo.

Sebbene i problemi, in particolare per gli uffici, siano stati evidenti nei quasi quattro anni trascorsi dalla pandemia, il mercato immobiliare è stato in qualche modo in un limbo. Le transazioni sono crollate a causa dell’incertezza sia tra gli acquirenti che tra i venditori sul valore degli edifici. Ora, si prevede che la necessità di affrontare le scadenze del debito incombenti e la prospettiva di tagli dei tassi di interesse stimolerà ulteriori accordi che faranno chiarezza su quanto i valori siano diminuiti.

Tali cali potrebbero essere netti. L’Aon Center, il terzo grattacielo per uffici più alto di Los Angeles, è stato recentemente venduto per 147,8 milioni di dollari, circa il 45% in meno rispetto al prezzo di acquisto precedente nel 2014.

Chi è maggiormente esposto?

Gli istituti di credito regionali, in particolare, sono più esposti al settore e rischiano di essere colpiti più duramente dei loro concorrenti più grandi perché non dispongono di ampi portafogli di carte di credito o di attività di investment banking che possano attutire eventuali colpi.

Secondo un rapporto di JPMorgan Chase & Co. pubblicato ad aprile, i prestiti immobiliari commerciali rappresentano il 28,7% degli asset delle piccole banche, rispetto a solo il 6,5% degli asset degli istituti di credito più grandi. Tale esposizione ha indotto un ulteriore controllo da parte delle autorità di regolamentazione, già in massima allerta dopo le turbolenze dello scorso anno. È chiaro che il legame tra proprietà commerciale e banche regionali rappresenta un rischio chiave per il 2024.

ARTICOLI CORRELATI:

L’imminente crisi del settore immobiliare commerciale

Bolla immobiliare: ecco quali sono le città in cui il mercato immobiliare è più a rischio

Il rallentamento del mercato immobiliare

Mercato immobiliare USA: riuscirà a sopravvivere alla Fed?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.