In che modo la Cina controlla lo Yuan

La Cina ha vari strumenti a disposizione per il controllo dello yuan. Alcuni sono più trasparenti, come il tasso di riferimento giornaliero. Altri invece sono più oscuri. Esiste infatti la possibilità che le autorità cinesi esortino segretamente le banche a non scommettere contro lo yuan nel trading proprietario. Andiamo a vedere in che modo la Cina controlla lo yuan e come gestisce il suo “managed float”.

Il fixing giornaliero

È lo strumento più comune che la People Bank of Cina ha per influenzare la valuta. La banca centrale fissa un tasso di riferimento ogni giorno di negoziazione alle 9:15, ora di Pechino, intorno al quale lo yuan può muoversi del 2% in entrambe le direzioni. Il tasso tiene conto di fattori tra cui la chiusura ufficiale del giorno precedente alle 16:30, il movimento dello yuan rispetto a un paniere di valute e le variazioni di altri importanti tassi di cambio.

I ribassi dello yuan alla chiusura consentono alla banca centrale di fissare un tasso di riferimento più debole senza destabilizzare i mercati. Un modo per cogliere il segnale politico dietro il fixing è confrontarlo con le aspettative del mercato.

La Cina ha iniziato a consentire allo yuan di scambiare entro lo 0,3% del fixing rispetto al dollaro nel gennaio 2006, ampliandolo allo 0,5% nel maggio dell’anno successivo, all’1% nell’aprile 2012 e al 2% nel marzo 2014.

Nell’agosto 2015 la Cina ha svalutato lo yuan onshore nella sua più drammatica riforma dei cambi degli ultimi dieci anni.

In che modo la Cina controlla lo yuan: la svalutazione dello yuan del 2015

In che modo la PBOC può guidare il fixing rate?

Nel 2017, la PBOC ha introdotto un “fattore anticiclico” nelle formule che le banche commerciali utilizzano per calcolare e contribuire al tasso di riferimento giornaliero di Pechino. La mossa è stata fatta per evitare un fix eccessivamente debole. Il componente è stato rimosso e poi reinstallato nel 2018. Nell’ottobre 2020 i prestatori hanno smesso di utilizzare questo fattore.

La speculazione sulla reintroduzione di uno strumento a sostegno dello yuan è emersa quest’anno quando il divario tra i tassi di fissazione e le previsioni si è ampliato a livelli che non possono essere spiegati da calcoli basati su un modello regolare di fixing.

In che modo la Cina controlla lo yuan: il fixing dello yuan

Il coefficiente di riserva obbligatoria

Uno degli strumenti più importanti che la PBOC possiede per controllare lo yuan è il cosiddetto coefficiente di riserva in valuta estera (foreign exchange reserve requirement ratio). Esso stabilisce la quantità di riserve che le banche devono detenere.

La variazione del coefficiente consente alla banca centrale di regolare la liquidità in valuta estera nel sistema bancario. In particolare, la riduzione del rapporto facilita l’offerta di valuta estera, sostenendo lo yuan.

La PBOC ha aumentato il coefficiente due volte nel 2021, compreso un aumento al 7% dal 5% a maggio di quell’anno e un altro al 9% dal 7% a dicembre, prima di un taglio all’8% nell’aprile 2022. Prima di tali modifiche, il rapporto non si muoveva dal 2007.

Altre misure con cui la Cina controlla lo yuan

I funzionari cinesi non sono contrari a far aumentare o diminuire la loro valuta quando è necessario. La linea standard della PBOC sulla valuta è che lo yuan sarà mantenuto sostanzialmente stabile a livelli di equilibrio ragionevoli. Tuttavia, nel gennaio 2022, quando lo yuan era al suo massimo dal 2018, il vice governatore della PBOC ha affermato che “i fattori di mercato e politici aiutano a correggere qualsiasi deviazione a breve termine dal suo livello di equilibrio.

Inoltre, per guidare le aspettative del mercato, la PBOC tende a citare le dichiarazioni del China Foreign Exchange Committee, un’organizzazione industriale fondata da partecipanti chiave del mercato onshore sotto la guida delle autorità di regolamentazione. Alcune delle indicazioni del comitato possono essere mirate a negoziazioni specifiche.

Nel novembre 2021, i prestatori sono stati invitati a rivedere il volume degli scambi di proprietà per migliorare la gestione del rischio, una mossa seguita da un calo significativo del volume degli scambi spot dollaro-yuan onshore.

Aumentare il costo delle scommesse contro lo yuan offshore è stata una delle tattiche migliori quando la Cina voleva frenare i ribassi dello yuan, come nel 2016 e nel 2018. La PBOC raccoglie liquidità in modo che i trader debbano pagare tassi di interesse più elevati per prendere in prestito lo yuan. Ciò può essere ottenuto facendo in modo che le banche acquistino la valuta o rifiutino di prestare ad altre banche.

La PBOC può anche aumentare l’emissione di banconote a Hong Kong. Per il mercato onshore, la PBOC disponeva di strumenti aggiuntivi per aumentare i costi per scommettere contro lo yuan. Durante la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti nel 2018, quando lo yuan è sceso verso i 7 per dollaro, la banca centrale ha imposto un requisito di riserva di rischio del 20% per la negoziazione di contratti a termine per raffreddare gli acquisti di valuta estera. La regola è durata due anni fino a quando la PBOC non l’ha cancellata nel 2020.

I controlli sui capitali

Il controllo del flusso di fondi in entrata e in uscita dal paese è uno degli strumenti più semplici con cui la Cina controlla lo yuan. La Cina si è mossa per limitare i deflussi sulla scia della svalutazione dello yuan nel 2015, imponendo restrizioni su qualsiasi cosa. Al contrario, il governo ha incoraggiato gli afflussi durante il 2021 avviando nuovi canali con Hong Kong per consentire agli investitori della terraferma di sfruttare il mercato obbligazionario offshore e i prodotti di gestione patrimoniale.

Quando la Federal Reserve ha iniziato a inasprire la politica monetaria quest’anno, alle società statali cinesi è stato chiesto di procedere con maggiore cautela nel rivedere i nuovi piani di spesa e investimento all’estero. La banca centrale può anche modificare i limiti dell’indebitamento o del prestito all’estero per le istituzioni finanziarie e le società come è successo all’inizio del 2021.

Le riserve in valuta estera

Le riserve estere della Cina sono tra le più grandi del mondo, superando i 3 trilioni di dollari.

In che modo la Cina controlla lo yuan: le riserve estere della Cina

I responsabili politici hanno venduto miliardi di dollari all’indomani della svalutazione del 2015 per sostenere lo yuan. Le riserve sono influenzate dal valore del dollaro. In particolare, la forza del dollaro può portare a un calo delle riserve dichiarate della Cina. Questi cali non sono necessariamente il risultato di un intervento. Piuttosto, la diminuzione può essere dovuta al fatto che gli asset non denominati in dollari tendono a deprezzarsi.

ARTICOLI CORRELATI:

Il deprezzamento dello yuan: quali sono le cause?

I fondamentali per un dollaro forte

Economia cinese: tra i lockdown e la crisi immobiliare

Il currency peg: come funziona il tasso di cambio fisso?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy