L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

L’inflazione core in Eurozona rallenta per la prima volta da giugno

L’inflazione core in Eurozona è diminuita per la prima volta in 10 mesi, sostenendo l’ipotesi che la Banca centrale europea rallenti la più aggressiva campagna di rialzo dei tassi di interesse della sua storia alla fine di questa settimana.

I prezzi al consumo, esclusi cibo ed energia, sono aumentati del 5,6% rispetto a un anno fa ad aprile, in calo rispetto all’aumento record del 5,7% di marzo. Nel frattempo, il CPI headline è salito al 7%, leggermente più in alto del 6,9% previsto dagli analisti e ancora molto al di sopra dell’obiettivo della banca centrale. L’accelerazione è stata trainata da un confronto annuale meno favorevole per i costi dell’energia e dall’aumento dei prezzi dei servizi.

inflazione core eurozona aprile

Con l’inflazione core in calo e un’indagine sui prestiti bancari che mostra un inasprimento degli standard creditizi superiore a quanto previsto dagli istituti di credito, le argomentazioni per mantenere il ritmo di mezzo punto degli ultimi incontri si sono indebolite.

Gli economisti e gli investitori ritengono che i politici opteranno per un aumento dei tassi più piccolo, avendo già attuato 350 punti base di inasprimento dalla scorsa estate. Il mercato monetario vede una probabilità del 20% che si materializzi un aumento di 50 punti base, in calo rispetto a oltre il 30% della scorsa settimana. Attualmente, il tasso sui depositi si trova al 3%.

Troppo presto per dichiarare vittoria

Con l’indicatore principale dei prezzi in calo rispetto al suo picco a due cifre grazie all’inversione dei costi energetici, la BCE ha individuato l’inflazione sottostante come fattore chiave nel suo processo decisionale.

La misura è stata guidata in gran parte dalla forte domanda di servizi dopo che i consumatori sono emersi dalla pandemia con una domanda repressa e pile di risparmi. Ma i funzionari hanno anche iniziato a esaminare più da vicino il ruolo dei salari.

Il membro del comitato esecutivo Isabel Schnabel ha avvertito che la persistenza delle pressioni sottostanti e lo slancio dei costi alimentari indicano che è troppo presto per dichiarare la vittoria sull’inflazione. I funzionari non hanno solo bisogno di vedere un’inversione, ma un declino sostenuto.

Le turbolenze iniziate con il crollo della Silicon Valley Bank a marzo, tuttavia, potrebbero aver svolto parte del lavoro della BCE, limitando il flusso di prestiti a un’economia che è riuscita solo per poco a evitare una recessione invernale.

Le banche europee frenano il credito

Le banche europee hanno frenato i prestiti più del previsto dopo che i costi di indebitamento sono aumentati e le turbolenze hanno attanagliato il settore finanziario. Gli standard di credito si sono inaspriti in modo sostanziale nel primo trimestre, secondo il Bank Lending Survey della BCE, pubblicato martedì. Il sondaggio è il primo a offrire indicazioni concrete sugli effetti a catena del fallimento della Silicon Valley Bank e della successiva acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS.

banche europee frenano credito

La stretta sui prestiti alle imprese e sull’acquisto di abitazioni è stata più forte di quanto previsto dalle banche nel trimestre precedente e indica un persistente indebolimento della dinamica dei prestiti.

Anche il calo della domanda netta da parte delle imprese è stato più ampio del previsto e il più grande dalla crisi finanziaria globale.

Separatamente, i dati hanno mostrato che la crescita di M3 – una misura del denaro circolante nell’economia – è diminuita a marzo ed è stata la più lenta dall’ottobre 2014.

Le condizioni di prestito più rigide sono state guidate dalla percezione dei rischi da parte delle banche, secondo il rapporto. Anche gli aumenti dei tassi della BCE hanno avuto un ruolo. Le banche si aspettano un ulteriore, anche se più moderato, inasprimento nel secondo trimestre.

“Per i mercati monetari e i titoli di debito, il deterioramento inverte il miglioramento dell’accesso a questi mercati registrato alla fine dello scorso anno, forse riflettendo le turbolenze del mercato di marzo 2023, il livello complessivo inferiore di liquidità in eccesso e la maggiore disponibilità di garanzie”, ha affermato il rapporto.

L’Eurozona ha evitato una recessione invernale

L’area dell’euro ha evitato una recessione invernale crescendo all’inizio del 2023, nonostante l’inflazione rimanga una minaccia. L’economia delle 20 nazioni è cresciuta dello 0,1% nel primo trimestre.

Francia e Italia si sono riprese dalle letture negative degli ultimi mesi dello scorso anno. La Spagna ha acquisito slancio mentre la Germania ha ristagnato.

La crescita, seppur modesta, è una notizia incoraggiante che mostra che l’economia dell’UE continua a mostrare resilienza in un contesto globale difficile.

ARTICOLI CORRELATI:

I Prezzi delle Case in Eurozona registrano il calo più grande dal 2008

E’ improbabile che la BCE segnali un altro grande aumento dei tassi dopo il crollo di SVB

La BCE dichiara un aumento di 50 pb e segnala lo stesso per marzo

Eurozona: PMI manifatturiero di febbraio resta debole

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.