L’avvertimento della Bank of England: una recessione è inevitabile!

L’avvertimento della Bank of England a seguito dell’aumento dei tassi d’interesse di 50 punti base è stato degno di nota. Le prospettive della banca centrale sono a dir poco cupe. Le pressioni inflazionistiche nel Regno Unito e nel resto d’Europa si sono intensificate in modo significativo. Ciò riflette in gran parte l’aumento vertiginoso dei prezzi del gas a causa delle continue interruzioni delle forniture da parte della Russia.

L’aumento dei costi energetici aggrava il calo dei redditi reali delle famiglie britanniche amplificando gli effetti dell’inflazione. La Bank of England prevede che il CPI aumenterà del 13% nel quarto trimestre, rispetto ad una stima del 9,4% nel suo rapporto di maggio, e che rimarrà a livelli molto elevati per gran parte del 2023.

La crescita del PIL nel Regno Unito sta rallentando. L’ultimo aumento dei prezzi del gas ha portato a un altro significativo deterioramento delle prospettive di attività economica. Si prevede che il Regno Unito entrerà in recessione a partire dal quarto trimestre di quest’anno e che il reddito reale delle famiglie al netto delle imposte continuerà a diminuire nei prossimi due anni. Di conseguenza, la crescita dei consumi diventerà negativa.

Il grafico seguente di Société Générale SA mostra come sono cambiate le previsioni della Bank of England da maggio. La trasformazione delle sue aspettative di inflazione negli ultimi 18 mesi è stata notevole.

Bank of England previsioni

Il cambiamento di paradigma è ancora più eclatante quando si confrontano le previsioni attuali con le tendenze prima della crisi finanziaria globale. Se le previsioni della Bank of England si riveleranno corrette, il prodotto interno lordo britannico nel 2025 sarà un terzo in meno di quanto ci si poteva aspettare se avesse mantenuto il suo trend di crescita pre-crisi.

Bank of England previsioni PIL

L’onestà con cui la Bank of England ha ammesso che sarà necessaria una recessione per affrontare un’inflazione così severa è sorprendente. Le prospettive di inflazione sono così terribili che la BoE ritiene di non avere altra scelta che prevedere una recessione economica. Chissà se anche i suoi omologhi arriveranno a questo punto.

I problemi del Regno Unito

I problemi del Regno Unito con la carenza di manodopera sono più grandi degli altri paesi sviluppati. Ciò è probabilmente dovuto alla Brexit, che ha reso meno attraente per i lavoratori stranieri cercare lavoro nel Paese.

L’indagine regolare sui datori di lavoro che si lamentano della carenza di manodopera, condotta dalla Confederation of British Industry, suggerisce che la carenza di manodopera nazionale è acuta e che potrebbe portare a una maggiore inflazione.

inflazione Regno Unito

Essendo un’economia relativamente aperta rispetto agli Stati Uniti, con le importazioni che ammontano al 28% del PIL, il Regno Unito è anche più incline a subire gli effetti di una valuta più debole.

La Bank of England ha anche un problema con la domanda ostinatamente forte di obbligazioni britanniche (i gilt), in parte a causa di riforme che hanno costretto i fondi pensione britannici ad acquistare obbligazioni per coprire le loro passività. Ciò rende difficile spingere i tassi a livelli che deprimono la domanda.

Prima della crisi finanziaria, i rendimenti reali dei gilt e del Tesoro erano pressoché uguali. Dal 2013 (l’anno del Taper Tantrum) hanno cominciato a divergere. Il divario si è ampliato dopo il referendum sulla Brexit nel 2016.

Mentre i rendimenti del decennale statunitense sono ora leggermente negativi, i rendimenti reali dei gilt sono due punti percentuali sotto lo zero. Ciò rende più difficile restringere le condizioni finanziarie.

Le dichiarazioni del governatore della Bank of England

Il governatore della Bank of England ha ribadito che le prospettive cupe sono guidate principalmente dall’aumento dei prezzi del gas naturale dopo la guerra in Ucraina. Bailey ha espresso le sue preoccupazioni sulla rigidità del mercato del lavoro. Ha notato anche che la forza lavoro si è ridotta dallo scoppio della pandemia, principalmente perché i lavoratori più anziani hanno abbandonato il lavoro.

Parlando del tasso di cambio, il governatore ha affermato che il calo della sterlina non rappresenta una crisi valutaria al momento. La valuta del Regno Unito è scesa di oltre il 10% rispetto al dollaro finora quest’anno, aumentando il costo delle importazioni.

Secondo la sua opinione, il calo della sterlina è stato guidato principalmente dalla forza del dollaro. Una misura della sterlina su un paniere di valute ponderato per il commercio ha resistito molto meglio.

L’aumento dei tassi della Bank of England

La BoE ha lanciato il suo più grande aumento dei tassi d’interesse in 27 anni. L’aumento di mezzo punto ha portato il tasso di riferimento all’1,75%, ed è stato sostenuto da otto dei nove responsabili politici. I membri hanno mantenuto l’impegno ad agire di nuovo con forza in futuro, se necessario.

Dopo la decisione, una sezione chiave della curva dei rendimenti del Regno Unito si è invertita, segnalando che gli investitori sono preoccupati per la crescita economica. Il rendimento dei titoli di Stato a 10 anni è sceso brevemente al di sotto del rendimento a due anni per la prima volta dal 2019.

I mercati monetari scontano una probabilità di circa l’80% che la BOE proceda con un altro aumento di 50 punti base alla riunione di settembre.

ARTICOLI CORRELATI:

Gli effetti della recessione sulla tua vita

Gli Stati Uniti e la recessione tecnica

Riunione del FOMC di Luglio

La BCE ha aumentato i tassi di 50 punti base a sorpresa

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.