Gli Stati Uniti e la recessione tecnica

Gli Stati Uniti sono in recessione tecnica. La stima preliminare del Dipartimento del Commercio ha mostrato che il PIL è sceso a un tasso annualizzato dello 0,9%. La lettura preliminare ha seguito il calo dell’1,6% del primo trimestre.

Il rallentamento è stato guidato dalla diminuzione dei consumi personali, che rappresentano la fetta più grande dell’economia statunitense. La spesa dei consumatori è aumentata dell’1%, decelerando rispetto al periodo precedente. Mentre la spesa per i servizi è accelerata a un tasso annualizzato del 4,1%, quella per i beni si è ridotta del 4,4%.

L’economia ha rapidamente perso momentum per colpa dell’inflazione più alta in una generazione e del rapido inasprimento delle condizioni finanziarie.

Oltre al rallentamento della spesa delle famiglie, il rapporto ha mostrato anche un calo degli investimenti delle imprese, delle spese governative e dell’edilizia abitativa. Anche le scorte hanno pesato sul PIL, mentre un disavanzo commerciale più contenuto ha contribuito positivamente alla lettura.

Gli investimenti residenziali sono crollati a un ritmo annualizzato del 14%, il calo più grande dall’inizio della pandemia. Il dato mostra come l’aumento dei costi finanziari e la rapida inflazione stiano rallentando il mercato immobiliare.

Gli Stati Uniti e la recessione tecnica

Gli Stati Uniti e la recessione tecnica

Mentre la regola mainstream per definire le recessioni prevede due cali trimestrali consecutivi del PIL, la determinazione ufficiale è effettuata dal Business Cycle Dating Committee dell National Bureau of Economic Research. In ogni caso, il fatto che gli Stati Uniti rientrino nella classificazione di recessione tecnica, aumenta il rischio che l’economia cada in una vera e propria recessione nei prossimi 12 mesi.

Cosa pensano i CEO dell’economia degli Stati Uniti?

Dai CEO delle aziende statunitensi arrivano avvertimenti sempre più rumorosi. Prime tra tutte, le aziende retailer come Walmart hanno affermato che l’inflazione sta influenzando i comportamenti dei consumatori, che sono stati costretti a limitare le spese per articoli discrezionali per colpa dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari e del carburante.

Per mantenere i margini, molte aziende hanno dovuto tagliare i costi. Una parte di loro ha scelto di ridurre il personale, annunciando licenziamenti. Martedì, Shopify Inc. ha annunciato di aver tagliato il 10% della sua forza lavoro. Alphabet Inc., la società madre di Google, ha rallentato i suoi sforzi di reclutamento. L’amministratore delegato Sundar Pichai ha dichiarato ai dipendenti questo mese che l’azienda rallenterà il ritmo delle assunzioni per il resto dell’anno e darà la priorità al talento ingegneristico e tecnico.

Anche Apple sta pianificando di rallentare le assunzioni e le spese in alcune divisioni per far fronte a una potenziale crisi economica.

Ad aprile, Amazon ha dichiarato di dover ridurre il personale. L’azienda è passata dall’essere a corto di personale ad avere dipendenti in eccesso.

Secondo Mark Zuckerberg, CEO di Meta Platforms, l’economia degli Stati Uniti è già entrata in una recessione economica che impatterà ampiamente sul business della pubblicità digitale e quindi sulle entrate della società.

Cosa pensa l’amministrazione Biden?

Il presidente è d’accordo con la valutazione del presidente della Federal Reserve Jerome Powell che ha affermato di non credere che gli Stati Uniti siano in recessione visto che la creazione di nuovi posti di lavoro viaggia a livelli ancora alti.

Secondo Biden, la recessione di cui tanto si parla non è reale. Appoggiando il presidente, il segretario al Tesoro Janet Yellen ha dichiarato di non osservare un significativo rallentamento della crescita. Secondo la definizione classica del NBER, una recessione consiste in un indebolimento diffuso dell’economia per più di pochi mesi. Per la Yellen, non è quello che stiamo vedendo in questo momento.

I funzionari dell’amministrazione Biden si sono aggrappati al fatto che la spesa dei consumatori, nonostante abbia registrato un rallentamento rispetto al +1,8% del primo trimestre, non si è contratta.

Cosa pensano i consumatori?

Mentre gli esperti discutono sulle probabilità e i politici danno le loro argomentazioni, la maggior parte delle persone pensa che gli Stati Uniti siano già in recessione. Secondo il sondaggio online di MagnifyMoney, condotto tra il 10 e il 14 giugno e che ha coinvolto 2.082 intervistati, il 70% degli americani pensa di avere a che fare con una recessione.

Gli Stati Uniti e la recessione tecnica

Secondo i consumatori, il più grande segnale di allarme, indicato dall’88% degli intervistati, è l’inflazione elevata. Gli intervistati hanno anche riferito di aver visto segni di una flessione economica nei prezzi delle abitazioni e degli affitti. Altri segnali arrivano dall’aumento dei tassi di interesse, dal calo del mercato azionario e dei consumi.

L’aumento dei prezzi, soprattutto di beni e servizi fondamentali per la vita quotidiana, come la benzina e le bollette, ha davvero un enorme impatto sul modo in cui le persone percepiscono l’economia. Inoltre, la crescita dei salari non sta tenendo il passo con l’inflazione. Non sorprende che il sentiment abbia raggiunto minimi record.

Gli Stati Uniti e la recessione tecnica: il sentiment dei consumatori

Il modo in cui la gente si sente e la confidenza che hanno nella loro situazione attuale e futura sono fondamentali per le decisioni di acquisto che prendono. Ricordiamoci che circa il 70% del PIL degli Stati Uniti è rappresentato dalla spesa dei consumatori. Biden può affermare quello che vuole ma alla fine saranno i dati che avranno ragione e confermeranno o meno la recessione tecnica degli Stati Uniti.


ARTICOLI CORRELATI:

Biden minimizza la recessione tecnica

La definizione di recessione: è già iniziata?

Come interpretare il segnale di recessione dell’inversione della curva dei rendimenti

Le probabilità di recessione stanno aumentando

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.