La Fed ha innescato un nuovo mercato rialzista?

Siamo all’inizio di un nuovo mercato rialzista innescato dalla Fed o stiamo solo assistendo a un rally del mercato ribassista? Dopo una delle prime metà dell’anno peggiori della storia, la performance di luglio è stata notevole. Il giorno della Fed sembra aver agito da catalizzatore alla spinta al rialzo.

I partecipanti al mercato sembrano anticipare un cambio di politica della Federal Reserve per via dei dati macroeconomici in peggioramento. Se questo accadesse davvero potrebbe sostenere un mercato rialzista. Ma è veramente possibile che la Fed ponga fine ai rialzi dei tassi d’interesse nei prossimi mesi?

Le dichiarazioni di Powell

La scorsa settimana, alla conferenza stampa, Powell ha affermato che la Fed dipenderà dai dati per le sue decisioni riguardo al percorso di inasprimento, sottolineando inoltre che non solo si aspetta un rallentamento dell’attività economica, ma che questo è un risultato desiderato affinché la banca centrale raggiunga il suo obiettivo di riportare l’inflazione sotto controllo.

Secondo Powell, i funzionari della Fed potrebbero aumentare i tassi di altri 75 punti base al prossimo incontro, a seconda dei dati che usciranno da qui al 20-21 settembre.

L’affermazione che meno farebbe pensare che un cambiamento della politica della Fed sia vicino è stata quella secondo cui fare troppo poco in termini di inasprimento sarebbe di gran lunga peggiore rispetto a fare troppo. E’ chiaro che la priorità della Fed non è la crescita economica.

Cosa pensano gli altri funzionari della Fed?

I funzionari della Federal Reserve hanno effettivamente respinto la narrativa dei mercati finanziari secondo cui la banca centrale è vicina a un pivot della politica per evitare di sprofondare l’economia. Ieri, quattro presidenti di banche distrettuali della Fed hanno evidenziato che non vi è ancora alcun segno di rallentamento dell’inflazione.

Il presidente della Fed di San Francisco Mary Daly ha affermato che i funzionari sono risoluti e completamente uniti nell’obiettivo di far scendere l’inflazione intorno all’obiettivo di inflazione del 2%.

Mester ha detto al Washington Post durante un evento in live streaming che vuole vedere “prove molto convincenti” che gli aumenti dei prezzi mensili si stanno moderando prima di poter affermare che il ciclo di inasprimento della banca centrale statunitense sta raggiungendo il suo obiettivo.

Evans, parlando con i giornalisti, ha affermato che i responsabili politici sono “probabilmente a un paio di rapporti di distanza” dal vedere il tipo di miglioramento dei dati sull’inflazione che rafforzerebbe l’idea di essere sulla strada giusta con l’inasprimento monetario. Evans pensa che un percorso verso un tasso del 3,5% entro la fine dell’anno attraverso un aumento di mezzo punto alla riunione di settembre e aumenti di un quarto di punto alle riunioni di novembre e dicembre sia ancora ragionevole. Se l’inflazione non mostrerà segni di miglioramento, il FOMC potrebbe dover rivedere al rialzo il percorso degli aumenti.

I dati recenti

Dopo il giorno del FOMC, i dati hanno mostrato che il prodotto interno lordo statunitense si è contratto per il secondo trimestre consecutivo, confermando la recessione tecnica predetta dal GDPNow della Fed di Atlanta.

nuovo mercato rialzista

Il PMI manifatturiero di S&P Global è sceso a 52,2 a luglio da 52,7 di giugno, il livello più basso da luglio 2020. La diminuzione dei nuovi ordini in entrata è stata accompagnata da un indebolimento della crescita del personale ai minimi degli ultimi sei mesi. Il settore dei servizi è sprofondato in contrazione, con la lettura del PMI a 47, da 52.7 di giugno.

nuovo mercato rialzista?

La traiettoria a lungo termine de Leading Indicator Index del Conference Board ha subito un forte rallentamento il mese scorso.

Viene automatico chiedersi se tutti questi dati siano già stati scontati e che cosa potrebbe accadere se continuassero a peggiorare. Avremo un mercato rialzista se gli Stati Uniti sprofonderanno in una recessione ufficiale?

La stagione degli earnings

Per le 264 società dell’S&P 500 che hanno riportato gli utili del secondo trimestre finora, la crescita media è del -1,5%. Settori come l’energia +(355%), gli industriali (+40%) e l’assistenza sanitaria (+19%) distorcono leggermente i dati.

Dato il calo del 20% dei prezzi del petrolio dal picco di metà giugno, è improbabile che il settore energetico ripeta queste performance. Forse ancora più preoccupante è che le società del settore tecnologico abbiano riportato complessivamente una crescita degli utili negativa per la prima volta dall’inizio degli anni 2000.

Gli analisti stanno rivedendo le loro stime sulla crescita degli utili e i downgrade superano di gran lunga gli upgrade. Questo non farebbe pensare all’inizio di un nuovo mercato rialzista.

Siamo sicuri che la Fed sia vicina ad allentare?

Gli investitori azionari sono stati impegnati ad analizzare i dati del PMI per confermare la narrativa del pivot della Fed. Tuttavia, per la banca centrale questi dati non sembrano essere così importanti. Non c’è nessuna correlazione chiara tra le letture del PMI e i tassi della Fed, indipendentemente dal ritardo coinvolto.

nuovo mercato rialzista?

Powell ha ripetutamente fatto riferimento alle proiezioni di giugno dei funzionari della Fed, che mostrano che il tasso sui fondi federali raggiungerà il 3,8% nel 2023, oltre 50 punti base in più rispetto a quanto si aspettano attualmente i mercati finanziari.

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, maggiore è l’eccesso di domanda di lavoro, maggiore deve essere l’inasprimento della Fed. L’ultima lettura dell’indice del costo del lavoro sottolinea quanto sia ancora rigida la situazione. I salari per i lavoratori del settore privato sono aumentati del 5,7% rispetto all’anno precedente.

Inoltre, i funzionari della Fed ritengono che il tasso di disoccupazione coerente con la stabilità dei prezzi sia significativamente più alto di quanto non fosse durante l’ultima espansione economica. Ciò significa che sarà necessario sacrificare più posti di lavoro per tenere sotto controllo l’inflazione.


ARTICOLI CORRELATI:

Abbiamo già visto il bottom del mercato?

I giorni migliori per la crescita degli utili sono ormai dietro di noi

L’effetto di un dollaro forte sui profitti delle aziende

Tutto quello che devi sapere sui mercati ribassisti

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.