L’effetto di un dollaro forte sui profitti delle aziende

La preoccupazione degli investitori non si limita ai timori di recessione e all’inflazione. Anche il dollaro forte e il suo effetto sui profitti delle aziende sta portando mal di testa a chi investe sul mercato azionario. La forza del dollaro sembra inarrestabile. Questa settimana un indice del dollaro di Bloomberg ha raggiunto un livello record.

indice dollaro spot bloomberg

Un dollaro forte fa si che le esportazioni statunitensi diventino più costose, in modo da ridurre i profitti provenienti dall’estero delle aziende quando vengono convertiti in dollari. Inoltre, la forza del dollaro rende i loro prodotti meno competitivi poiché i prezzi aumentano in termini di valuta locale, riducendo la domanda. Tutto ciò rappresenta un altro rischio per le valutazioni azionarie, che si sono già drasticamente ridotte quest’anno. Molte delle aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione registrano la maggior parte delle loro entrate dall’estero.

Questa settimana sono iniziati gli earning di Q2. Gli investitori osserveranno molto da vicino i segnali provenienti dalle società e le loro prospettive per il futuro. Le proiezioni delle aziende sui profitti, soprattutto quelle che traggono una notevole percentuale dei loro guadagni dall’estero, dipenderà da quello che si aspettano dal dollaro.

Si stima che la volatilità del tasso di cambio sia costata alle società nordamericane ben 4,56 miliardi di dollari nel quarto trimestre dello scorso anno. Da allora il dollaro ha solo guadagnato forza, avanzando del 12% rispetto all’euro e di oltre il 17% rispetto allo yen.

Perché il dollaro è forte?

Dopo anni di mercati valutari globali relativamente sereni, la volatilità dei tassi di cambio è tornata a ruggire mentre le banche centrali di tutto il mondo cercano di frenare l’inflazione. Il dollaro ha registrato il suo migliore inizio anno dal 2010. Nell’ultimi 12 mesi ha esteso i suoi guadagni a oltre il 22% rispetto allo yen e al 15% rispetto all’euro.

La forza del dollaro riflette il crescente divario tra la politica monetaria negli Stati Uniti e quella in Europa e in Giappone. A seguito dell’uscita del rapporto sull’inflazione statunitense di giugno, la speculazione secondo cui la Fed potrebbe aumentare i tassi di un intero punto percentuale fino al 2,75% nella riunione di questo mese ha preso piede. Al contrario, la Banca centrale europea inizierà ad aumentare i tassi solo questo mese, mentre la Bank of Japan li sta ancora mantenendo in territorio negativo.

Wall Street pensa che la forza del dollaro continuerà. I catalizzatori rimangono in funzione. La valuta trae vantaggio in periodi di rallentamento economico. Secondo gli investitori è solo questione di tempo prima che una Federal Reserve aggressiva o una recessione globale spinga il dollaro al rialzo.

Il posizionamento rimane rialzista ma non si trova a livelli estremi, secondo i dati raccolti dalla Commodity Futures and Trading Commission. Un indicatore delle posizioni nette dei non commercial sui future dei principali peers mostra circa $ 16 miliardi di posizioni rialziste rispetto a quasi $ 36 miliardi a metà 2019.

Gli avvertimenti delle aziende

Le revisioni degli utili basate sulle fluttuazioni dei cambi sono spesso respinte dagli investitori, che sono più interessati alla performance operativa delle aziende. Tuttavia è chiaro che la forza del dollaro sta avendo il suo effetto sui profitti aziendali.

Circa il 35% delle aziende statunitensi ha un’esposizione sufficiente all’estero da far sì che un dollaro più forte danneggi materialmente gli utili per azione. Questa percentuale include molte delle più grandi società tecnologiche del paese, che hanno operazioni globali complesse e possono generare più di un terzo delle loro vendite al di fuori degli Stati Uniti.

Secondo Bloomberg, il termine “foreign exchange” sta aumentando nelle earning call delle aziende al ritmo più veloce degli ultimi tre anni. La parola “hedging” è stata menzionata più che in ogni trimestre dal 2016.

forex menzioni utili aziendali

Microsoft ha previsto un colpo di $ 460 milioni alle entrate del quarto trimestre dovuto alle fluttuazioni valutarie. Un portavoce di Biogen ha rifiutato di aggiungere commenti a seguito della earning call in cui i dirigenti hanno notato che il dollaro più forte comporterebbe una diminuzione delle entrate di circa $ 120 milioni.

Costco, il mese scorso ha affermato che la debolezza della valuta estera rispetto al dollaro ha intaccato le vendite del terzo trimestre di oltre l’1%.

Secondo Credit Suisse Group AG, ogni aumento dell’8-10% del dollaro provoca mediamente una diminuzione di circa l’1% sui profitti delle società statunitensi. D’altra parte, un paniere di Credit Suisse di società statunitensi che traggono vantaggio dall’apprezzamento del dollaro, quelle con vendite interne e costi in valuta estera, ha sovraperformato un indicatore di società che tendono a soffrire di circa il 5,7% quest’anno fino a metà maggio.

Mentre si parla molto dell’effetto di un dollaro forte sui profitti delle aziende e quindi sui prezzi delle azioni, gli osservatori del mercato stanno iniziando ad avvertire anche degli impatti sul debito societario. Le aziende con ricavi esteri alti e di qualità creditizia inferiore sono vulnerabili data la valutazione sfavorevole.

ARTICOLI CORRELATI:

La forza del dollaro potrà continuare?

La parità tra euro e dollaro: perché l’euro è debole?

La debolezza dello yen: quali sono i livelli chiave

Euro verso la parità con il dollaro

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy