La forza del dollaro potrà continuare?

La forza del dollaro è cominciata quando era chiaro che la Federal Reserve avrebbe dovuto iniziare ad inasprire la politica monetaria per via dell’inflazione. La narrativa dell’inflazione “transitoria” è svanita già nel febbraio 2021. Non è un caso che quel mese molti titoli speculativi abbiano raggiunto il picco e che il dollaro abbia cominciato ad acquisire forza.

A febbraio 2021, ci volevano $ 1,20 per acquistare € 1. Adesso le due valute hanno raggiunto la parità per la prima volta dal 2002. L’euro non è di certo l’unica valuta che ha perso valore nei confronti del dollaro. Il tasso di cambio USD/JPY, ad esempio, è sempre più vicino alla soglia dei 140, un livello che non si vede da 24 anni.

La Federal Reserve mantiene un’indice del dollaro che include le valute dei 22 maggiori partner commerciali degli Stati Uniti. Questa misura non include solo l’euro e lo yen, ma anche il renminbi cinese, il peso messicano, il dollaro di Hong Kong, il dollaro canadese, il real brasiliano, il baht thailandese, ecc.

Per questo indice del dollaro, le valute sono ponderate in base al volume degli scambi con gli Stati Uniti. Esiste anche una versione aggiustata all’inflazione dell’indice. Il cosiddetto “Real Broad Dollar Index”, che risale al 2006, alla fine di giugno ha raggiunto un livello record.

la forza del dollaro potrà continuare?

L’impatto del dollaro americano sull’inflazione

La forza del dollaro ha avuto un impatto significativo sull’inflazione. Gli USA hanno registrato un enorme deficit commerciale con il resto del mondo. Il deficit ha raggiunto un massimo storico in Q1 di quest’anno.

Nonostante i prezzi di importazione siano aumentati, il dollaro forte è servito ad attenuarli. In Eurozona e in Giappone, è successo l’esatto contrario per colpa delle valute deboli.

Viene quindi da chiedersi a quanto sarebbe arrivata l’inflazione se il dollaro non forse riuscito a contenere i prezzi di importazione.

Gli Stati Uniti producono molte materie prime, tra cui petrolio, prodotti petroliferi e gas naturale, nonché prodotti alimentari, metalli, ecc. Importano un’enorme quantità di beni di consumo, componenti, prodotti elettronici, industriali, elettrodomestici, ecc. Ecco che gli Stati Uniti ottengono un enorme deficit commerciale.

deficit commerciale USA

L’impatto dell’inflazione sulle valute

Sul commercio di valute c’è un’enorme quantità di speculazione in corso, anche attraverso derivati e coperture. Oltre all’azione di mercato c’è anche l’azione dell’inflazione. Questa variabile riduce il potere d’acquisto della valuta.

Il tasso di cambio e il potere d’acquisto non si muovono necessariamente nella stessa direzione a breve termine. Il potere d’acquisto del dollaro negli Stati Uniti è stato senz’altro colpito dall’inflazione. Ma allora perché il dollaro si è rafforzato nei confronti delle altre valute?

L’inflazione in Eurozona rimane all’incirca allo stesso livello di quella degli Stati Uniti mentre in Giappone è sensibilmente inferiore. La chiave di lettura sta nella divergenza tra le politiche monetarie di questi paesi.

La politica della BCE e della BOJ

L’inasprimento monetario è generalmente favorevole alla valuta. Al momento, sia la Banca centrale europea che la Bank of Japan mantengono ancora tassi di interesse negativi. Tutti gli altri principali partner commerciali degli Stati Uniti, ad eccezione della Cina, hanno già intrapreso aumenti dei tassi, in alcuni casi anche sovradimensionati.

La BCE darà il via alla stretta con il primo rialzo dei tassi a fine mese e un aumento più ampio a settembre. Ci sono alcuni membri della BCE che parlano di un aggressivo rialzo dei tassi a settembre.

La Bank of Japan per ora ha promesso di non inasprire la politica ma ciò potrebbe cambiare. Il Giappone sta già registrando un grande deficit commerciale, in parte dovuto al crollo dello yen, che rende le importazioni molto più costose. Il paese è un grande importatore di materie prime energetiche, generi alimentari, materiali, componenti e beni di consumo.

La BOJ potrebbe alla fine essere costretta a seguire le orme dei suoi peers.

Cosa aspettarsi dal dollaro?

Il forte inasprimento in altri paesi ad un certo punto inizierà ad avere un impatto sui tassi di cambio, e il dollaro potrebbe quindi perdere il suo vigore.

Storicamente, quando il dollaro è stato scambiato a livelli precariamente alti contro altre valute principali, è stato respinto. Questo non vuol dire che il dollaro non farà nuovi massimi.

la forza del dollaro potrà continuare?

Non ci sarebbe nulla di strano se il dollaro continuasse a rafforzarsi. Il suo ruolo di valuta di riserva fa si che ci sia continua domanda globale di dollari, che si trasforma in una vera e propria corsa al dollaro quando la situazione economico/finanziaria peggiora. Le caratteristiche di bene rifugio potrebbero continuare a sostenere la forza del dollaro ancora per un po’ di tempo.

Se invece il dollaro si indebolirà potrebbe alimentare l’inflazione attraverso i prezzi all’importazione, in particolare prodotti finiti e componenti di alto valore.

Il tasso di cambio ha un effetto ritardato sui prezzi delle merci importate. Molti di questi prezzi sono negoziati in dollari con mesi di anticipo, quindi un dollaro più debole alimenterebbe solo gradualmente l’inflazione dei prezzi al consumo.

ARTICOLI CORRELATI:

La parità tra euro e dollaro: perché l’euro è debole?

Inflazione statunitense al 9,1%

La teoria del sorriso del dollaro 🙂

Gli effetti di un dollaro forte su economia e finanza

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.