Euro verso la parità con il dollaro

L’euro non è stato così conveniente rispetto al dollaro da quasi due decenni, ma può diventare ancora più economico. Con un tasso di cambio a 1.05, l’euro si sta avviando verso la parità con il dollaro. Il rischio finale è che i flussi di gas russo vengano improvvisamente bloccati, facendo precipitare l’Europa in recessione. La situazione è imprevedibile e gli investitori non possono scommettere con sicurezza su un rimbalzo dell’euro. Il cambio debole rispecchia un’economia stretta tra l’inflazione e il rischio recessione. L’Eurozona resta in balia di eventi esterni e difficilmente governabili dai singoli governi e dalla stessa BCE.

La storia del tasso di cambio EUR/USD

Nei primi anni di vita, la valuta comune è stata sotto la parità con il dollaro. Tra inizio 2000 e fine 2002, l’euro ha toccato un minimo di 0,83 per dollaro. In quel periodo il rischio proveniva dalla possibilità che il nuovo progetto della moneta unica andasse in pezzi.

Successivamente, man mano che l’adozione dell’euro negli scambi internazionali è cresciuta, il cross EUR/USD è salito fino a toccare il suo massimo storico nell’estate del 2008. Poco prima del fallimento di Lehman Brothers, il cambio euro-dollaro ha sfiorato l’1,60. Persino quando la fine dell’euro fu realmente vicina nel 2012, il tasso di cambio era sopra l’1,20.

euro verso la parità con il dollaro

La situazione attuale

Attualmente, l’Euro Area sta affrontando una minaccia esterna. L’inflazione importata è un problema collettivo e la sua risoluzione deve avvenire congiuntamente.

Usando la misura della parità del potere d’acquisto, il Fondo Monetario Internazionale stima il tasso di cambio a 1,45 per dollaro. La valuta comune è quindi considerata sottovalutata.

La debolezza dell’euro è anche in parte dovuta ad aspetti puramente tecnici. In primo luogo, la divergenza tra la politica monetaria della BCE e della Fed sta spingendo i differenziali dei tassi d’interesse e rafforzando il dollaro. La Fed ha già aumentato i tassi di 75 punti base e ha segnalato un percorso di aumenti futuri molto più aggressivo della BCE.

Dall’altra parte, la Banca centrale europea è ancora incerta sull’opportunità di aumentare finalmente il tasso sui depositi prima della pausa estiva. In secondo luogo, le aspettative di crescita degli Stati Uniti sono più alte rispetto a quelle dell’Euro Area.

Le ultime proiezioni di crescita del Fondo Monetario Internazionale

Cosa succede se l’euro raggiunge la parità con il dollaro?

Se l’euro dovesse avviarsi verso la parità con il dollaro, torneremo molto indietro negli anni, ma ciò non implicherebbe affatto la fine della valuta comune. La parità è una soglia che non ha nulla a che fare con lo stato critico di una valuta. Un breve periodo al di sotto della parità non danneggerà l’economia e le esportazioni.

Sicuramente non è un buon momento per l’euro. Fino a quando le prospettive mondiali non cambieranno e il conflitto in Ucraina rappresenterà una minaccia, l’euro è sicuramente in una situazione difficile, ma non è vicino alla morte.

ARTICOLI CORRELATI:

Gli effetti di un dollaro forte su economia e finanza

Il deprezzamento dello yuan: quali sono le cause?

Crollo dello yen: come avviene l’intervento del Giappone?

Il rally del rublo russo: dovresti fidarti?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.
Cookie Policy