Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

L’indice di inflazione preferito dalla Fed non dà alcun motivo per tagliare presto i tassi

L’indice di inflazione preferito dalla Fed è aumentato a gennaio al ritmo più veloce in quasi un anno. Il cosiddetto indice dei prezzi delle spese per consumi personali principali (core PCE), che esclude cibo ed energia, è aumentato dello 0,4% da dicembre. Rispetto a un anno fa, è aumentato del 2,8%. Su base annualizzata a sei mesi, l’indice si è attestato al 2,5%, rimbalzando sopra l’obiettivo del 2% della Fed dopo averlo raggiunto nei due mesi precedenti. Gli incrementi continuano a spiegare l’approccio paziente della Fed per iniziare a tagliare i tassi di interesse.

I politici prestano molta attenzione all’inflazione dei servizi supercore, che esclude l’edilizia abitativa e l’energia, che tende ad essere più vischiosa. Questa misura è aumentata dello 0,6% rispetto a un mese fa, il massimo da marzo 2022. I costi per la gestione del portafoglio e gli alloggi hanno guidato l’aumento.

La spesa al consumo corretta per l’inflazione è diminuita per la prima volta in cinque mesi dopo una robusta stagione di acquisti natalizi. La spesa per beni è rallentata al ritmo più veloce in oltre un anno. Il rallentamento è stato guidato dal maggiore calo degli acquisti di autoveicoli dalla metà del 2021.

La spesa per i servizi ha continuato a crescere, riflettendo un forte aumento nel settore immobiliare e nei servizi pubblici, nonché nei servizi finanziari e nell’assistenza sanitaria. Il reddito disponibile reale, il principale sostegno della spesa dei consumatori, è cambiato di poco.

Salari e stipendi sono aumentati dello 0,4%. Senza aggiustare i prezzi all’inflazione, i redditi sono aumentati al ritmo più veloce in un anno, riflettendo un aumento dei pagamenti della previdenza sociale. Il tasso di risparmio è aumentato.

Cosa dicono i politici?

Alcuni politici sembrano aver preso con prudenza i numeri. Il presidente della Fed di Chicago Austan Goolsbee ha espresso cautela nell’interpretare i dati sull’inflazione di un singolo mese.

Il presidente della Fed di Atlanta Raphael Bostic ha ribadito la sua opinione secondo cui la Fed potrebbe probabilmente iniziare a tagliare i tassi quest’estate. In un discorso ad una conferenza bancaria della Fed di Atlanta ha detto: “Gli ultimi dati sull’inflazione hanno dimostrato che questa non sarà una marcia inesorabile che porterà immediatamente al 2%, ma che piuttosto ci saranno degli ostacoli lungo il percorso”.

I funzionari politici hanno ripetutamente affermato di dover ancora raggiungere un livello di fiducia riguardo al rallentamento sostenibile dell’inflazione. I numeri del rapporto di giovedì sull’indice di inflazione preferito dalla Fed rafforzano questa visione nel breve termine.

E’ troppo presto per iniziare a tagliare i tassi di interesse. La Fed continuerà a monitorare i dati in arrivo per le prossime decisioni politiche. Questo è l’ultimo rapporto sull’indice preferito dalla Fed a cui i funzionari avranno accesso prima della riunione del 19-20 marzo. Il presidente Jerome Powell e i suoi colleghi hanno effettivamente escluso un taglio dei tassi in quella riunione.

Gli investitori ora propendono per giugno come il momento più probabile per l’inizio dell’allentamento. Il mercato ormai ha capito che la Fed probabilmente non taglierà più di tre volte quest’anno.

Per la Fed tagliare è più difficile di quanto sembri, e impossibile senza prove chiare che l’inflazione sia tornata verso il suo obiettivo. Altri fattori sono contrari ai tagli. La banca centrale vuole evitare l’imbarazzo di tagliare troppo presto e vedere l’inflazione aumentare di nuovo come accadde negli anni ’70. Più le elezioni presidenziali si avvicinano, maggiore è il pericolo che qualsiasi taglio venga denunciato come una mossa politica per aiutare il presidente Joe Biden.

ARTICOLI CORRELATI:

CPI USA di gennaio sorprende i mercati

Svolta accomodante della Fed: la lotta all’inflazione è stata vinta?

I mercati festeggiano il rallentamento dell’inflazione

Quanto è difficile misurare l’inflazione?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.