I “Magnifici Sette” del Mercato Azionario: le Lezioni del Passato

Nel contesto degli investimenti, ci sono gruppi selezionati di aziende, con prospettive apparentemente garantite, che ciclicamente attirano l’attenzione del mercato. Storicamente, abbiamo visto come queste “mode” di investimento abbiano suscitato grandi aspettative, seguite spesso da risultati meno brillanti di quelli previsti. Un esempio famoso è

Scopri

Guida agli Investimenti in ETF per Investitori Italiani

Un Exchange Traded Fund (ETF) è un fondo d’investimento negoziato in borsa che replica l’andamento di un indice di riferimento, come l’S&P 500 o il FTSE MIB. A differenza dei fondi comuni di investimento tradizionali, gli ETF possono essere comprati e venduti come le azioni

Scopri

La migliore copertura contro l’inflazione

Con l’inflazione ai massimi in 40 anni, preservare la propria ricchezza è importante. Le azioni sono state a lungo percepite come la migliore copertura contro l’inflazione. Ma se gli ultimi 123 anni di dati sono una guida, l‘inflazione ha avuto un impatto negativo sia sulle obbligazioni che sulle azioni.

Basta guardare al 2022: entrambe le classi di attività sono diminuite a causa di un inasprimento aggressivo della politica monetaria, catapultando il tradizionale portafoglio 60/40 nella sua peggiore performance di sempre. La correlazione tra azioni e obbligazioni è stata per lo più negativa per oltre due decenni fino al 2021, rendendo i due asset una copertura reciproca.

Il grafico seguente mostra i rendimenti di azioni e obbligazioni in diversi ambienti inflazionistici. I numeri coprono una serie di paesi per i 123 anni a partire dal 1900:

performance azioni obbligazioni inflazione

La correlazione degli asset con l’inflazione

Secondo i dati sui rendimenti che risalgono al 1871, le materie prime sono da considerare la migliore copertura contro l’inflazione. L’impennata dei prezzi delle materie prime, in particolare quelle legate all’energia, è stata una delle cause principali del forte aumento dell’inflazione nel 2021 e nel 2022.

I futures sulle materie prime, raggruppati insieme come asset class, fungono da efficace “diversificatore” nei portafogli. Questo perché sono correlati negativamente con le obbligazioni e scarsamente correlati con le azioni. Obbligazioni, azioni e immobili tendono ad essere correlati negativamente con l’inflazione. Nel corso dei 152 anni esaminati, solo le materie prime avevano una correlazione positiva, rendendole la migliore copertura contro l’inflazione.

correlazione asset inflazione

Questi numeri sembrano inconfutabili e dimostrano che se sei preoccupato per l’inflazione, dovresti detenere alcune materie prime. E in effetti, il settore è abbastanza diversificato da consentire anche coperture contro diversi tipi di inflazione. I futures di materie prime energetiche si comportano bene durante l’inflazione spinta dai costi energetici, i metalli industriali durante l’inflazione da domanda e i metalli preziosi, in particolare l’oro, quando viene messa in discussione la credibilità delle banche centrali.

I ritorni delle materie prime durante le recessioni

Oltre a tutto ciò, i rendimenti a lungo termine dei futures sulle materie prime sono stati buoni, anche se le azioni hanno registrato performance notevolmente migliori. Ma niente è semplice. Le materie prime sono spesso soggette a lunghi e profondi ribassi. E poiché sono correlate all’inflazione, tendono a sottoperformare nei periodi di disinflazione.

Il grafico seguente mostra i rendimenti in eccesso che ci si può aspettare da un paniere di materie prime in diversi scenari economici. Mentre le materie prime sono un’ottima copertura contro l’inflazione, non sono assolutamente una copertura contro la recessione.

ritorni materie prime inflazione recessione

Il comportamento degli ultimi 20 anni dell’ampio indice dei futures delle materie prime spiega perché questa classe di attività è completamente fuori moda.

indice materie prime

È possibile che l’afflusso nell’asset, spesso indicato come la sua “finanziarizzazione”, abbia amplificato il boom del 2008 e il successivo crollo. La correlazione tra le materie prime e gli altri asset è aumentata durante la crisi finanziaria.

Il fatto che le correlazioni siano aumentate improvvisamente ha significato che i futures sulle materie prime non sono riusciti a fornire una copertura nel momento in cui gli investitori ne avevano più bisogno.

Sembrerebbe del tutto errato concludere che il premio per il rischio dei futures sia scomparso semplicemente a causa del calo delle materie prime dovuto alla crisi finanziaria globale. Il periodo post-crisi è stato un periodo di bassa inflazione, un ambiente difficile per le materie prime.

Le materie prime spot producono rendimenti molto bassi sulla base dei dati dal 1900, con una perdita media annua dello 0,5%. Infatti, il 72% delle materie prime analizzate non è riuscito a battere l’inflazione. Tuttavia, un portafoglio ugualmente ponderato delle stesse materie prime spot ha offerto un rendimento annualizzato molto più elevato del 2%.

In conclusione

I futures sulle materie prime non offrono il pranzo totalmente gratuito che molti credevano prima dell’implosione del 2008. Tuttavia, offrono una copertura straordinariamente valida contro l’inflazione. L’ultimo decennio ha dimostrato che possono accadere cose brutte ai rendimenti quando l’inflazione è bassa, ma se pensi che l’inflazione rimarrà alta, le ragioni per detenere materie prime in un portafoglio sono molto forti.

ARTICOLI CORRELATI:

Diversificare con le materie prime

I rischi dei mercati delle materie prime

Le performance degli asset in regimi di inflazione diversi

Le performance del mercato azionario in base ai rendimenti delle obbligazioni

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.