Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

NYCB: Moody’s taglia il rating a “spazzatura” e il titolo crolla

Moody’s Investors Service ha tagliato il credit rating della New York Community Bancorp (NYCB) a “spazzatura”. Meno di una settimana fa la banca regionale ha allarmato gli investitori. I risultati trimestrali hanno mostrato accantonamenti per coprire i prestiti legati agli immobili commerciali in difficoltà. L’azienda ha anche annunciato una riduzione del suo dividendo trimestrale. Il crollo della NYCB si è esteso dopo la notizia del taglio del rating di Moody’s. Le perdite hanno cancellato 4,5 miliardi di dollari dalla sua capitalizzazione di mercato in una settimana.

Nel suo rapporto, Moody’s ha scritto che la NYCB si trova ad affrontare rischi finanziari “sfaccettati” e sfide di governance. Il rating della società si trova ora di due livelli sotto l’investment grade a Ba2. La società di rating ha affermato che potrebbe tagliarlo ulteriormente se le condizioni dovessero peggiorare.

Fitch Ratings classifica la NYCB a BBB-, il rating investment grade più basso, dopo averlo abbassato di un livello la scorsa settimana. S&P Global Ratings non valuta più la società dopo aver ritirato il suo rating su richiesta della banca nel 2023.

Le mosse della scorsa settimana sono dovute in parte a regole di capitale più rigide. A seguito dell’acquisizione dell’istituto di credito fallito Signature Bank, il patrimonio della NYCB ha superato la soglia dei 100 miliardi di dollari. Adesso le normative le impongono di detenere più capitale.

Lunedì scorso, Bloomberg ha riferito che due dirigenti che supervisionavano il rischio e la revisione contabile se ne sono andati negli ultimi mesi. Ciò non è piaciuto a Moody’s che ha scritto: “la leadership delle funzioni di rischio e di audit sono la seconda e terza linea di difesa di una banca”.

Cosa può succedere a NYCB dopo il taglio del rating?

La NYCB ha affermato che il taglio del rating non avrà un impatto materiale sui suoi accordi contrattuali. I rating sui depositi della banca da parte di Moody’s e delle altre società di rating rimangono investment grade.

“Abbiamo intrapreso azioni decisive per rafforzare il nostro bilancio e rafforzare i nostri processi di gestione del rischio durante il quarto trimestre”, ha affermato l’amministratore delegato Thomas Cangemi in una dichiarazione.

Secondo informazioni finanziarie aggiornate e non certificate al 5 febbraio, la liquidità totale della banca è pari a 37,3 miliardi di dollari e supera i depositi non assicurati. Il rapporto di copertura è del 163% e i depositi assicurati e garantiti rappresentano il 72% dei depositi totali.

Moody’s ha affermato che intende concentrarsi sulle prospettive del portafoglio immobiliare commerciale, sugli utili, sulla capitalizzazione e sull’utilizzo dei finanziamenti all’ingrosso mentre valuta se tagliare nuovamente il rating della società.

La banca potrebbe essere declassata se la sua performance creditizia si indebolisse, l’uso dei finanziamenti sul mercato si espandesse rispetto ai depositi, non riuscisse a rafforzare il capitale o subisse una perdita di fiducia dei depositanti.

Secondo gli analisti di Bloomberg, la NYCB potrebbe essere costretta a vendere dai 4 ai 6 miliardi di dollari di debito per riuscire a rispettare le normative; il taglio del rating potrebbe rendere tutto più difficile.

Il titolo è crollato del 60%

Dopo il taglio del rating di Moody’s, le azioni della NYCB sono scese del 22%, chiudendo al livello più basso dal 1997. Il titolo è crollato di circa il 60% dalla pubblicazione degli utili il 31 gennaio.

L’interesse per le opzioni ribassiste sul titolo è aumentato ancora di più rispetto al culmine della svendita della scorsa settimana, quando il volume delle put scambiate ha superato di poco quello delle call. Martedì, il rapporto era di due a uno.

I titoli bancari regionali in generale sono stati messi sotto pressione a seguito dei risultati della NYCB a causa delle preoccupazioni per l’esposizione agli immobili commerciali in difficoltà. L’indice KBW delle banche regionali è sceso di circa il 12% da inizio anno.

Alcuni analisti rimangono costruttivi, come Mark Fitzgibbon di Piper Sandler che afferma che il crollo rappresenta un’opportunità per gli investitori con un appetito per un nome scontato e una storia con potenziale di svolta. Fitzgibbon non crede che la banca stia riscontrando una significativa pressione sui depositi.

L’analista di Wedbush David Chiaverini, invece, cita una prospettiva desolante per i prestiti immobiliari multifamiliari di New York ad affitto regolamentato. E’ stato sorpreso dal fatto che la società abbia dovuto accantonare così tanto.

ARTICOLI CORRELATI:

Il crollo della New York Community Bancorp ha a che fare con la crisi degli immobili commerciali

L’imminente crisi del settore immobiliare commerciale

Bolla immobiliare: ecco quali sono le città in cui il mercato immobiliare è più a rischio

Il rallentamento del mercato immobiliare

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.