Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

Perché la Cina sta evitando di usare il “bazooka” degli stimoli per rilanciare l’economia?

Il governo cinese è sempre più a rischio di mancare il suo obiettivo di crescita di circa il 5% per quest’anno. Dopo una serie di dati deludenti e il peggioramento della crisi immobiliare, Pechino ha adottato una serie di misure per rilanciare la propria economia. Ma la Cina non ha ancora tirato fuori un pacchetto di stimoli “bazooka” come ha fatto durante la crisi finanziaria globale o quando la pandemia ha colpito nel 2020. Gran parte della riluttanza risiede nella spinta delle autorità a controllare la crescita del debito nel paese, soprattutto a livello locale, e nel desiderio di ridurre l’influenza del settore immobiliare sull’economia. Il governo di Xi Jinping ha anche una certa avversione a distribuire denaro direttamente ai consumatori come i governi occidentali.

L’economia cinese è in difficoltà

Il settore immobiliare cinese è in crisi dal 2021, dopo che Pechino ha stretto il credito ai grandi sviluppatori e ha detto alle banche di rallentare l’emissione di mutui. L’edilizia abitativa, insieme alle industrie correlate come l’acciaio, rappresenta circa il 20% del prodotto interno lordo cinese. Come risultato di queste restrizioni, le vendite di case sono crollate e gli investimenti immobiliari si sono contratti.

I governi locali hanno meno soldi perché fanno affidamento sulle entrate derivanti dalla vendita di case e di terreni. Nel frattempo, le esportazioni hanno registrato un calo a doppia cifra, la crescita dei redditi è rallentata e la disoccupazione è ancora piuttosto elevata, soprattutto quella giovanile. Con la fiducia in calo, la ripresa dei consumi e stata deludente. Le vendite al dettaglio sono al di sotto del trend di crescita pre-pandemia.

spesa consumatori cina vendite dettaglio

Cosa ha fatto la Cina finora?

Lo scorso anno i politici hanno iniziato ad allentare le restrizioni sui finanziamenti per gli sviluppatori immobiliari e ad abbassare i costi dei mutui. Recentemente i funzionari sono dovuti intervenire con ulteriori misure, trovandosi di fronte ai rischi di un circolo vizioso in cui la diminuzione del flusso di cassa lascia gli sviluppatori incapaci di completare le proprietà, danneggiando l’appetito degli acquirenti e causando ulteriori cali delle vendite e dei prezzi.

crollo vendite case sviluppatori immobiliari Cina

La Cina sta consentendo alle grandi città di abbassare i requisiti di acconto sulle case e adottando misure per incoraggiare l’acquisto di seconde proprietà. Pechino ha inoltre adottato misure per aumentare i finanziamenti dei governi locali rifinanziando il loro debito esistente a tassi più bassi per sostenere la spesa e gli investimenti nelle infrastrutture. Sul fronte della politica monetaria, la banca centrale ha tagliato i tassi di interesse due volte quest’anno e ha adottato misure più forti per sostenere lo yuan.

Cosa potrebbe fare di più?

Il governo centrale ha venduto titoli del Tesoro speciali quando è scoppiata la pandemia nel 2020 e durante la crisi finanziaria globale. La maggior parte degli economisti ritiene che ci sia spazio per farlo ancora. Tali finanziamenti potrebbero poi essere utilizzati per una serie di diverse opzioni di spesa pubblica.

Gli operatori di mercato hanno utilizzato il termine “bazooka” per riferirsi agli stimoli su larga scala del governo centrale che utilizzano fondi da spendere direttamente nell’economia. Alcuni economisti sperano in misure paragonabili allo stimolo di 4 trilioni di yuan (551 miliardi di dollari) annunciato nel 2008, che all’epoca equivaleva a circa il 10% del PIL. Un altro esempio di pacchetto di stimoli “bazooka” è stato quello da 3 trilioni di yuan utilizzato dalla Cina per incrementare le vendite immobiliari dopo il crollo del 2014-2015.

Gli economisti hanno suggerito che il denaro del governo centrale potrebbe essere impiegato in modi che la Cina non ha mai tentato prima, ovvero fornendo reddito direttamente alle famiglie o alle imprese, come hanno fatto gli Stati Uniti e l’Europa durante la pandemia, o acquistando alloggi per aumentare i prezzi.

Perché la Cina è riluttante ad utilizzare il “bazooka” degli stimoli?

Sebbene molti indicatori ultimamente abbiano deluso, la crescita non sta crollando e ci sono ancora buone possibilità di raggiungere l’obiettivo di circa il 5% per l’anno, a condizione che la crisi immobiliare non peggiori. I funzionari sono anche contenti che i settori industriali avanzati, come i veicoli elettrici, stiano andando bene.

Il presidente Xi sta perseguendo una crescita “di qualità”. Il governo vuole smettere di fare affidamento sul settore immobiliare come motore di crescita a breve termine. Allo stesso tempo, vuole limitare l’accumulo di debito pubblico locale, cercando di evitare gli eccessi del passato.

Pechino non ha necessariamente fiducia che i governi locali distribuiscano il denaro in modo efficiente o senza corruzione. In passato, Xi ha messo in guardia contro l’erogazione di contanti direttamente ai consumatori. Le autorità cinesi vedono l’occupazione come il modo migliore per stimolare i consumi e credono che il modo migliore per farlo sia sostenere il settore aziendale con tagli fiscali mirati.

Cosa significa il rallentamento della Cina per il resto del mondo?

Essendo la seconda economia più grande del mondo, un rallentamento del PIL della Cina avrebbe un impatto su quasi tutti i paesi. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, quando il tasso di crescita della Cina accelera di 1 punto percentuale, il PIL degli altri paesi aumenta di circa 0,3 punti percentuali.

Paesi come l’Australia e il Cile, che esportano materie prime come il minerale di ferro e il rame, sono solitamente i più colpiti.

La Cina è anche un grande acquirente di petrolio dal Medio Oriente e di prodotti tecnologici dai suoi vicini dell’Asia orientale. Le imprese straniere che operano in Cina sono vulnerabili al rallentamento della crescita dei ricavi.

Per gli Stati Uniti, che rimangono il principale partner commerciale della Cina, un rallentamento della seconda economia mondiale può aiutare a ridurre l’inflazione.

ARTICOLI CORRELATI:

E’ giusto parlare di “Giapponesizzazione” della Cina?

La Cina aumenta il sostegno allo yuan con un taglio del rapporto di riserva FX

La Cina aumenta il sostegno al mercato azionario

La crisi immobiliare porterà a una crisi finanziaria più ampia in Cina?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.