Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

La valutazione del Bitcoin può essere difficile in quanto si tratta di una classe di attività distinta rispetto alle normali azioni. Gli approcci di valutazione tradizionali, come i multipli PE e l’analisi basata sugli utili, potrebbero non applicarsi direttamente al Bitcoin. Di conseguenza, investitori e

Scopri

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Il crollo di Adani Group, scaturito dalle accuse di frode di Hindenburg Research, è entrato nella sua quarta sessione. Nonostante la dimostrazione di sostegno da parte di un investitore chiave, le perdite hanno raggiunto i 74 miliardi di dollari. Le azioni della maggior parte delle

Scopri

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Tesla ha registrato profitti migliori del previsto nell’ultimo trimestre, anche se ha fornito segnali contrastanti sulle prospettive di crescita delle consegne di veicoli. Gli utili del quarto trimestre di Tesla battono le stime, attestandosi a $ 24,3 miliardi. I margini lordi del settore automobilistico, tuttavia,

Scopri

NYSE: interruzione del trading dopo un problema tecnico

Un’interruzione del trading per alcuni titoli quotati sul NYSE ha fatto venire i brividi a Wall Street poiché dozzine di società ad alta capitalizzazione sembravano cancellare miliardi di dollari di valore di mercato senza una ragione apparente. Il trading è stato interrotto nei primi 30

Scopri
Investire sugli Oscar 2023

Investire sui vincitori agli Oscar 2023

Negli ultimi 10 anni, un investitore che avesse investito nella società pubblica che possedeva il distributore del film vincitore il mese prima della premiazione e avesse venduto un mese dopo, avrebbe avuto un guadagno medio del 7,6%.
Tuttavia, indovinare quale film vincerà è difficile e spesso non c’è modo di investire nella distribuzione del film.
Anche se gli investitori scelgono il film giusto, non c’è garanzia di successo: il 40% delle volte la società pubblica che ha distribuito il film vincitore è rimasta indietro rispetto all’S&P 500.

Scopri

Le proteste in Cina mettono in pausa il rally delle azioni

Gli investitori stanno valutando attentamente il percorso di riapertura della Cina tra l’aumento dei casi Covid e le mosse del governo per reprimere le proteste.

L’Hang Seng China Enterprises ha oscillato tra guadagni e perdite dopo un rialzo di circa il 6% nella sessione di martedì. L’indice è salito di oltre il 25% a novembre e si trova sulla buona strada per raggiungere il suo mese migliore dalla fine del 2003.

performance azioni cinesi novembre 2022

Le azioni cinesi quotate negli Stati Uniti si stanno dirigendo verso il loro mese migliore di sempre, con il Nasdaq Golden Dragon Index in rialzo del 30%. Ciò rappresenta una drammatica inversione di tendenza rispetto al crollo del 25% di ottobre. L’indice è salito del 5,1% martedì, dopo che Pechino ha promesso di accelerare le vaccinazioni degli anziani, un passo visto come fondamentale per consentire la riapertura della nazione.

performance mensile record azioni cinesi in USA riapertura

Il sentiment nei confronti degli asset cinesi è migliorato questo mese poiché Pechino ha allentato parte delle restrizioni legate al Covid. Il pivot ha alimentato le speranze che la Cina stia gettando le basi per un’eventuale uscita dalla politica Covid Zero, spingendo i trader a scommettere sul rally delle azioni cinesi. Tuttavia, il picco delle infezioni e le proteste a livello nazionale suggeriscono che il percorso verso la riapertura sarà difficile. Il consenso rimane deciso sul fatto che la riapertura, sebbene non lineare, sia destinata a prendere forma.

Con la tempistica della riapertura della Cina altamente incerta, l’umore è diventato più cauto poiché il massimo organo del Partito Comunista responsabile della polizia e della pubblica sicurezza ha promesso di reprimere le proteste cinesi.

Il dilemma politico di Xi

Le proteste scoppiate contro la strategia Covid Zero della Cina rappresentano una delle sfide più significative degli ultimi decenni per il governo del Partito Comunista. La risposta di Xi Jinping potrebbe finire per essere altrettanto fondamentale per il futuro del Paese.

Dalla capitale all’estremo occidentale di Kashgar, i residenti cinesi frustrati dai lockdown e dalle campagne di test di massa sono scesi in piazza negli ultimi giorni. A Shanghai, colpita da un’estenuante repressione del Covid durata due mesi all’inizio di quest’anno, la folla ha chiesto a Xi di dimettersi, sfidando il rischio di una lunga pena detentiva.

L’allentamento delle proteste presenta a Xi forse il suo più grande dilemma politico dopo un decennio al potere. Una rapida uscita dal Covid Zero potrebbe alimentare un’ondata di morti, minando gli sforzi di Xi per considerare la risposta alla pandemia della Cina superiore a quella dell’Occidente. La repressione delle proteste, d’altra parte, potrebbe creare simpatia pubblica per una causa che ha già dimostrato sostegno a livello nazionale.

Il malcontento è cresciuto man mano che la proliferazione di vaccini e varianti relativamente lievi ha spinto gran parte del mondo ad abbandonare le restrizioni.

La repressione delle proteste

Il principale organo delle forze dell’ordine si è impegnato a reprimere le proteste cinesi. Il capo della sicurezza Chen Wenqing ha utilizzato una riunione della Commissione centrale per gli affari politici e legali del Partito Comunista per sollecitare le forze dell’ordine ad adottare misure forti per salvaguardare la sicurezza nazionale e la stabilità sociale, secondo una dichiarazione. “Gli atti illegali e criminali che interrompono l’ordine sociale” non saranno tollerati, ha detto la commissione durante la riunione, che si è tenuta lunedì e non è stata divulgata fino alla fine di martedì.

Sebbene la dichiarazione non facesse riferimento alle proteste diffuse contro la strategia Covid Zero della Cina lo scorso fine settimana, la tempistica suggeriva che fosse arrivata in risposta al raro sfogo di critiche.

La forte presenza della polizia sembra impedire ulteriori manifestazioni, con piani ancora condivisi nei gruppi di social media e app di messaggistica crittografate.

Perché le attuali proteste in Cina sono eccezionali?

Le proteste non sono così rare in Cina. Tuttavia, tendono ad essere locali e si concentrano su questioni di sostentamento, come salari non pagati, condizioni di lavoro precarie o difficoltà nel settore immobiliare, come abbiamo visto con la recente rabbia per i complessi residenziali incompiuti che hanno portato al boicottaggio dei mutui.

Le proteste di tipo politico, sebbene esistano sia online che offline, sono molto più insolite e tendono a non guadagnare slancio a livello nazionale, in gran parte perché il coordinamento è estremamente impegnativo, la censura è molto attiva e i rischi sono elevati, come in qualsiasi sistema autocratico.

Sebbene sia difficile ottenere un quadro completo da singoli account e filmati online, lo slancio che trasforma il malcontento in una forza politica da non sottovalutare ha chiaramente preso piede.

La frustrazione è andata crescendo da tempo. Adesso, la politica che Pechino sperava avrebbe evitato il caos e i disordini limitando i casi è diventata il catalizzatore. Il Covid ha creato un risentimento condiviso e ha riunito tutti i tipi di gruppi, dagli operai agli studenti e alle minoranze represse.

L’autoritarismo cinese si ritrova a lottare con un’impennata di casi che sta facendo fatica a controllare. Il conteggio totale dei casi in Cina rimane elevato, con la National Health Commission che ha segnalato 37.477 infezioni lunedì.

Anche se Xi disperde la folla e soffoca i social media con la censura, il malcontento non scomparirà.

ARTICOLI CORRELATI:

Allentamento Covid Zero: il rally delle azioni cinesi può continuare?

Uscita dal Covid Zero della Cina: pura speculazione o c’è un fondo di verità?

Rally azioni cinesi: scommesse su riapertura e uscita dal Covid zero

Il crollo delle azioni cinesi dopo il Congresso del Partito Comunista: il nuovo termine di Xi Jinping preoccupa gli investitori

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.