Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Psicologia del trading: i bias cognitivi nei mercati finanziari

Il mondo del trading è complicato non solo per via della natura complessa dei mercati finanziari, ma anche per colpa dell’intricato funzionamento della mente umana. Come trader, siamo capaci di analizzare i dati e di prendere decisioni sulla base delle nostre interpretazioni. Tuttavia, sotto la superficie della razionalità si nasconde una complessa rete di bias cognitivi che possono offuscare il nostro giudizio e portarci fuori strada. In questo post approfondiamo la psicologia del trading, mettendo in luce in particolare l’influenza dei pregiudizi sulle nostre percezioni, decisioni e azioni nei mercati finanziari.

Che tu sia un professionista o un trader alle prime armi, comprendere e mitigare questi pregiudizi è fondamentale per massimizzare i tuoi rendimenti. I bias cognitivi sono modelli sistematici di deviazione dalla razionalità derivanti dalla necessità del nostro cervello di elaborare le informazioni in modo efficiente e prendere decisioni rapide nell’incertezza. Sebbene queste scorciatoie mentali possano esserci state utili nel corso della nostra evoluzione, possono portare a risultati non ottimali nel mondo complesso e dinamico dei mercati finanziari.

Nel trading, i bias cognitivi si manifestano in varie forme, influenzando tutto, dalla valutazione del rischio alle decisioni di investimento. Tuttavia, armati di conoscenza e consapevolezza, possiamo imparare a riconoscerli e a mitigarne gli effetti. Andiamo subito a vedere quali sono i bias cognitivi più comuni che possono influenzare il nostro trading.

Bias di conferma

Il bias di conferma è un bias cognitivo in cui gli individui tendono a cercare, interpretare e ricordare le informazioni in un modo che conferma le loro credenze o ipotesi preesistenti ignorando prove contraddittorie. In altre parole, le persone spesso preferiscono informazioni che supportano quello che già pensano, e possono inconsciamente ignorare o sminuire le informazioni che mettono in discussione tali convinzioni.

Il bias di conferma può avere implicazioni significative. Immagina un trader che crede fermamente che un determinato titolo sia sottovalutato e destinato a crescere. Il trader potrebbe cercare attivamente articoli, notizie, rapporti di analisti o commenti che supportino questa convinzione, minimizzando o ignorando le informazioni che suggeriscono il contrario.

Questa tendenza a elaborare selettivamente le informazioni può portare i trader a prendere decisioni distorte e a trascurare i potenziali rischi.

Attenuare il bias di conferma richiede uno sforzo cosciente e consapevolezza di sé. I trader dovrebbero cercare attivamente prospettive diverse, mettere in discussione le proprie ipotesi e valutare criticamente le informazioni a loro disposizione.

Bias di eccessiva sicurezza

Il bias di eccessiva sicurezza si riferisce alla tendenza degli individui a sopravvalutare le proprie capacità, conoscenze o giudizi. Ciò li porta ad assumersi più rischi del dovuto o a credere di essere meno suscettibili al fallimento di quanto non siano in realtà.

I trader che hanno troppa fiducia in loro stessi possono diventare eccessivamente sicuri della propria capacità di prevedere i movimenti del mercato o di identificare opportunità redditizie, portandoli a fare troppe operazioni o ad assumere comportamenti speculativi.

Inoltre, la distorsione da eccessiva fiducia può contribuire a un fenomeno noto come illusione del controllo, in cui i trader credono di avere più controllo sui risultati di quanto non abbiano in realtà. Ciò può portarli ad adottare comportamenti come il market timing, spesso controproducenti.

Per mitigare i pregiudizi legati all’eccessiva sicurezza è necessaria una combinazione di autoconsapevolezza e umiltà.

Recency bias

Il recency bias è un bias cognitivo in cui gli individui danno più peso a eventi o informazioni recenti quando prendono decisioni, sottovalutando o trascurando in modo sproporzionato dati più vecchi o storici. In sostanza, le persone tendono a porre maggiore enfasi su ciò che è accaduto più di recente, ritenendolo più rilevante o significativo rispetto agli eventi passati.

I trader potrebbero, ad esempio, essere maggiormente influenzati dalle recenti tendenze di mercato o dai movimenti dei prezzi, ritenendo che la traiettoria attuale continuerà in futuro. Oppure potrebbero valutare la performance degli asset basandosi esclusivamente sui rendimenti recenti, senza considerare la performance a lungo termine o gli aspetti fondamentali.

Per mitigare gli effetti del recency bias è necessario un approccio disciplinato e sistematico al processo decisionale. I trader dovrebbero sforzarsi di incorporare una prospettiva a lungo termine nella loro analisi, considerando i dati storici, i cicli di mercato e i fattori fondamentali insieme agli sviluppi più recenti.

Bias di familiarità

Il bias di familiarità è un bias cognitivo che porta gli individui a fare trading o investire su asset con cui hanno familiarità, indipendentemente dal fatto che tali investimenti offrano le migliori opportunità di profitto. Questo pregiudizio deriva da una tendenza naturale a sentirsi a proprio agio con cose familiari o ben note.

Ad esempio, i trader possono preferire azioni di società che conoscono o che appartengono al proprio settore o regione, perdendo opportunità di investimento potenzialmente redditizie in mercati di nicchia o mercati che semplicemente non conoscono. Gli investitori potrebbero trascurare l’importanza della diversificazione nei loro portafogli, concentrandosi invece su asset con cui si sentono comodi. Ciò può comportare una mancanza di diversificazione tra settori, classi di attività o regioni geografiche, aumentando il rischio complessivo del portafoglio.

Per mitigare il bias di familiarità è necessario considerare attivamente una vasta gamma di opportunità di investimento, nuovi mercati o classi di attività.

Bias da reazione eccessiva

Il bias da reazione eccessiva è un bias cognitivo che porta gli individui a reagire in modo sproporzionato a nuove informazioni o eventi, inducendoli a sovrastimare il significato o l’impatto di tali eventi sui risultati futuri. In altre parole, le persone tendono a reagire in modo eccessivo alle notizie o agli sviluppi dei mercati finanziari, portando a movimenti esagerati dei prezzi che non riflettono necessariamente i fondamentali sottostanti.

I trader possono reagire impulsivamente alle notizie, ai rapporti sugli utili o al rilascio di dati economici, provocando in risposta un’oscillazione selvaggia dei prezzi. Una reazione eccessiva può comportare un’errata valutazione degli asset.

Il bias da reazione eccessiva può contribuire alla formazione di bolle o crolli del mercato, poiché gli investitori reagiscono in modo eccessivo a notizie positive o negative, spingendo i prezzi a livelli insostenibili. Alla fine, il sentiment del mercato potrebbe oscillare nella direzione opposta quando gli investitori si renderanno conto che i prezzi si sono discostati troppo dai fondamentali sottostanti.

Per mitigare il bias da reazione eccessiva è necessario concentrarsi sui fondamentali a lungo termine piuttosto che sulle fluttuazioni a breve termine.

ARTICOLI CORRELATI:

Gli errori di investimento più comuni

Investire in small cap dei mercati emergenti

Le abitudini degli investitori intelligenti

Come investire nei trend del futuro

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.