Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

La risposta della Russia al price cap del G7

La Russia ha fornito la sua risposta al price cap del G7, firmando un decreto che vieta la fornitura di greggio e prodotti petroliferi dal 1° febbraio per cinque mesi alle nazioni che vi aderiscono.

Le maggiori potenze del G7, l’Unione Europea e l’Australia hanno concordato questo mese un prezzo massimo di 60 dollari al barile per il greggio russo trasportato via mare. Il tetto massimo è vicino al prezzo attuale di mercato del petrolio russo, ma è ben al di sotto del prezzo a cui la Russia è stata in grado di vendere il suo greggio quest’anno.

“Sono vietate le consegne di petrolio e prodotti petroliferi russi a soggetti e privati ​​stranieri, a condizione che nei contratti di tali forniture sia previsto direttamente o indirettamente l’utilizzo di un meccanismo di fissazione del prezzo massimo”, si legge nel decreto, riferendosi in particolare agli Stati Uniti e altri Stati esteri che hanno imposto il price cap. “Il divieto stabilito si applica a tutte le fasi della fornitura fino all’acquirente finale”. Il decreto include una clausola che consente a Putin di annullare il divieto in casi speciali.

Le linee guida generali evitano misure estreme che il mercato temeva avrebbero ulteriormente sconvolto il commercio, come la designazione di un prezzo minimo per il suo greggio o il divieto a determinati paesi di acquistare petrolio russo.

Gli effetti del price cap

La Russia è il secondo più grande esportatore di petrolio al mondo dopo l’Arabia Saudita e quindi un’interruzione delle sue vendite potrebbe avere gravi conseguenze per le forniture energetiche globali.

Il limite di prezzo significa che chiunque desideri accedere a una serie di servizi occidentali, come l’assicurazione, ora può farlo solo se paga $ 60 o meno. La mossa ha lo scopo di ridurre le entrate che il Cremlino sta usando per finanziare la guerra in Ucraina e allo stesso tempo mantenere i flussi di greggio nel mercato globale.

La scorsa settimana Putin ha affermato che l’attuale soglia non causerà perdite per l’economia, il bilancio o l’industria energetica della Russia poiché la nazione sta attualmente vendendo il suo greggio a livelli simili. Detto questo, il grado Urals di punta della nazione viene scambiato ben al di sotto dei benchmark internazionali.

prezzo petrolio russo discount

La produzione di petrolio della Russia potrebbe diminuire di 500.000-700.000 barili al giorno all’inizio del prossimo anno, pari a circa il 5-6% dell’attuale produzione nazionale, secondo quanto dichiarato dal vice primo ministro Alexander Novak.

“Cercheremo di trovare un terreno comune con le nostre controparti per prevenire tali rischi”, ha detto Novak. “Ma in questo momento preferiamo correre il rischio di un taglio della produzione piuttosto che attenerci alla politica di vendita in linea con il tetto massimo”.

La produzione giornaliera della Russia è stata in media di 10,9 milioni di barili il mese scorso, la più alta in otto mesi, mentre quella per l’intero anno probabilmente arriverà fino a 535 milioni di tonnellate.

La Russia lascia aperte le sue opzioni per una risposta più dura al price cap

A prima vista, la risposta della Russia al price cap del G-7 sul prezzo del petrolio russo sembrava in linea con i suoi precedenti impegni e non ha fatto nulla per interrompere l’offerta globale di greggio. Ma il Cremlino ha lasciato spazio a una presa di posizione più dura.

Il decreto si applica ai contratti di fornitura che utilizzano “direttamente o indirettamente” il meccanismo, un linguaggio che può essere interpretato in modo ampio. Si applica anche agli accordi esistenti, se contengono riferimenti al tetto, secondo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Putin ha ordinato al suo gabinetto dei ministri di preparare atti legali volti ad attuare il divieto e di stabilire la procedura di monitoraggio dell’attuazione.

Dato che la restrizione sulle esportazioni di greggio russo inizierà il 1° febbraio e la pausa delle vacanze invernali della Russia durerà fino al 9 gennaio, il governo ha alcune settimane per prendere in considerazione ulteriori misure di ritorsione. Il gabinetto dei ministri dovrà anche determinare una data per l’inizio del divieto dei prodotti petroliferi e l’elenco di tali prodotti.

La Russia osserverà gli sviluppi del mercato petrolifero globale nel primo trimestre del 2023 per vedere l’impatto del tetto massimo prima di decidere se adottare ulteriori misure di ritorsione, come un prezzo minimo.

L’impatto sul bilancio della Russia

Qualunque cosa decida di fare, per avere un impatto la Russia potrebbe dover soppesare il taglio della propria produzione rispetto al potenziale di entrate extra derivanti dall’aumento dei prezzi.

La risposta della Russia al price cap e al divieto delle importazioni sarà in gran parte simbolica, in mezzo alla sua dipendenza dai petrodollari per finanziare le importazioni e quindi tenere sotto controllo l’inflazione.

Tagliare la produzione di greggio della nazione potrebbe rendere il sistema fiscale russo molto più fragile. Nel 2023, le entrate del petrolio e del gas dovrebbero raggiungere circa un terzo delle entrate del bilancio russo.

Il ministro delle finanze Anton Siluanov ha dichiarato che il deficit di bilancio della Russia potrebbe essere più ampio del previsto 2% del PIL nel 2023, con il tetto del prezzo del petrolio che comprime i proventi delle esportazioni.

Vale anche la pena ricordare che le compagnie di navigazione e commerciali devono già affrontare molti problemi per spedire petrolio russo a causa delle sanzioni occidentali e ci sono già stati segnali di un impatto sulle esportazioni della nazione.

ARTICOLI CORRELATI:

Price cap sul petrolio russo: l’UE considera un intervallo tra 65-70 $

Il tetto al prezzo del petrolio russo del G7

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

Le alternative dell’Europa al gas russo

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.