Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

La valutazione del Bitcoin può essere difficile in quanto si tratta di una classe di attività distinta rispetto alle normali azioni. Gli approcci di valutazione tradizionali, come i multipli PE e l’analisi basata sugli utili, potrebbero non applicarsi direttamente al Bitcoin. Di conseguenza, investitori e

Scopri

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Il crollo di Adani Group, scaturito dalle accuse di frode di Hindenburg Research, è entrato nella sua quarta sessione. Nonostante la dimostrazione di sostegno da parte di un investitore chiave, le perdite hanno raggiunto i 74 miliardi di dollari. Le azioni della maggior parte delle

Scopri

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Tesla ha registrato profitti migliori del previsto nell’ultimo trimestre, anche se ha fornito segnali contrastanti sulle prospettive di crescita delle consegne di veicoli. Gli utili del quarto trimestre di Tesla battono le stime, attestandosi a $ 24,3 miliardi. I margini lordi del settore automobilistico, tuttavia,

Scopri

NYSE: interruzione del trading dopo un problema tecnico

Un’interruzione del trading per alcuni titoli quotati sul NYSE ha fatto venire i brividi a Wall Street poiché dozzine di società ad alta capitalizzazione sembravano cancellare miliardi di dollari di valore di mercato senza una ragione apparente. Il trading è stato interrotto nei primi 30

Scopri
Investire sugli Oscar 2023

Investire sui vincitori agli Oscar 2023

Negli ultimi 10 anni, un investitore che avesse investito nella società pubblica che possedeva il distributore del film vincitore il mese prima della premiazione e avesse venduto un mese dopo, avrebbe avuto un guadagno medio del 7,6%.
Tuttavia, indovinare quale film vincerà è difficile e spesso non c’è modo di investire nella distribuzione del film.
Anche se gli investitori scelgono il film giusto, non c’è garanzia di successo: il 40% delle volte la società pubblica che ha distribuito il film vincitore è rimasta indietro rispetto all’S&P 500.

Scopri

Perché trovare un tetto massimo del prezzo del petrolio russo si sta rivelando così difficile?

L’Unione Europea sta cercando di concludere l’accordo per porre un tetto massimo del prezzo del petrolio russo a 60 dollari al barile prima della scadenza di lunedì, ma la Polonia e le nazioni baltiche continuano a spingere per inasprire il pacchetto di sanzioni prima di firmare, rendendo difficile la chiusura dell’accordo.

Coloro che vogliono che il petrolio continui a fluire spingono per un limite più elevato, mentre quelli che sono pronti a soffocare la vasta offerta di petrolio russo stanno spingendo per un limite inferiore.

Tra i paesi al di fuori dell’UE desiderosi di vedere il petrolio russo continuare a fluire ci sono gli Stati Uniti, che hanno spinto l’idea del tetto massimo come un modo per ammorbidire le sanzioni dell’UE. Washington temeva che le sanzioni dell’UE fossero così severe da portare all’aumento dei prezzi globali del petrolio. Il tetto è un piano del Gruppo dei Sette, ma l’UE deve trovare una posizione comune prima che il G7 possa andare avanti.

Il blocco è pronto a creare un meccanismo che consenta revisioni del limite di prezzo ogni due mesi, con un piano per assicurarsi che qualsiasi reimpostazione del limite lo lasci almeno del 5% al ​​di sotto dei tassi medi di mercato. Ogni revisione prenderà in considerazione una varietà di fattori, comprese le variazioni dei prezzi di mercato e le condizioni fiscali ed economiche della Russia.

La divisione del blocco rende difficile l’accordo sul tetto massimo del prezzo del petrolio russo

La Polonia e i paesi baltici chiedono progressi più decisi su un nuovo pacchetto di sanzioni dell’UE. La chiarezza su tali misure è prevista nei prossimi giorni e questa settimana il braccio esecutivo dell’UE ha anche presentato proposte per affrontare l’elusione delle sanzioni.

La Grecia e altre nazioni marittime hanno spinto per un prezzo più alto, per mantenere il commercio di petrolio russo. Avevano cercato separatamente garanzie che l’industria marittima non sarebbe stata discriminata dai concorrenti internazionali a causa del limite.

Il prezzo del petrolio russo è al di sotto del tetto massimo proposto

A rendere ancora più difficile trovare un accordo per un tetto massimo del prezzo del petrolio russo è il fatto che il limite proposto è superiore ai prezzi a cui la maggior parte del greggio russo sta scambiando.

Il grado di punta del paese, noto come Urals, è precipitato questo mese a soli $ 45 al barile nei principali terminali di esportazione occidentali della nazione nel Baltico e nel Mar Nero. Si tratta di circa $ 30 in meno rispetto al Brent. Questo è uno dei motivi per cui alcune nazioni europee vogliono che la soglia del limite di prezzo sia inferiore a quella attualmente proposta.

accordo tetto massimo petrolio russo

Non è ancora chiaro come reagirà il Cremlino al limite di $ 60, ma giovedì il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha dichiarato di ritenere irrilevante il livello del prezzo massimo. Dato che il limite è superiore ai tassi di mercato, Mosca potrebbe affermare di poter continuare a vendere petrolio come al solito.

L’Urals costituisce solo una parte delle vendite in Russia, che ha altri gradi di petrolio che vengono scambiati a prezzi diversi. Tuttavia, l’Urals è di gran lunga il principale grado di esportazione della Russia, con flussi che quest’anno si aggirano intorno a 1,76 milioni di barili al giorno. Ciò rappresenta circa il 60% delle esportazioni marittime del paese.

Le spedizioni dai porti asiatici del Paese ammontano a circa 750.000 barili al giorno, pari al 26% del totale. Il resto è una combinazione di greggio leggero siberiano e qualità spedite dal porto artico di Murmansk, che richiede il trasporto a lunga distanza. I prezzi asiatici sono notevolmente più alti – circa 20 dollari al barile in più – per il grado ESPO.

Lo spread tra Urals e ESPO

ESPO (che sta per le iniziali dell’oleodotto che porta il greggio dalla Siberia al Pacifico) è meno solforoso e più leggero dell’Urals, caratteristica che lo rende tipicamente più ambito dalle raffinerie.

Tradizionalmente, l’Urals si dirigeva a ovest verso gli acquirenti europei ma ora si sta dirigendo verso est. L’inizio della guerra in Ucraina ha fatto in modo che il prezzo dell’Urals diminuisse in modo da attirare gli acquirenti in Asia.

Il recente aumento delle tariffe di trasporto, in parte causato dalla domanda aggiuntiva di trasporto a lunga distanza, ha ampliato il discount dell’Urals. I costi di spedizione in Asia dall’Europa sono attualmente circa tre volte la media del 2021, il che significa che l’Urals deve avere un prezzo notevolmente scontato per competere con i gradi locali verso l’Asia. ESPO, al contrario, è sempre stato spedito agli acquirenti senza problemi, soprattutto alla Cina.

Le regole del price cap

I paesi del G-7 mirano a mettere in atto il tetto massimo prima di lunedì, quando dovrebbero entrare in vigore sanzioni più ampie dell’UE. Il piano vieterebbe le spedizioni e i servizi necessari per trasportare il petrolio russo, come l’intermediazione, l’assistenza finanziaria e l’assicurazione, a meno che i carichi non vengano acquistati al di sotto del limite.

Al di sotto del limite, gli acquirenti potranno accedere all’assicurazione e alla riassicurazione standard del settore per navi cisterna da società britanniche ed europee, un prerequisito per il commercio. Potranno anche utilizzare la gigantesca flotta di petroliere greche a condizione che siano in grado di dimostrare di non aver pagato oltre il livello massimo concordato.

Ciò significa che se il limite è basso, c’è una maggiore possibilità che la Russia possa semplicemente rifiutarsi di vendere, limitando così l’offerta. Mosca ha ripetutamente affermato che non venderà a nessuno che aderisca al tetto massimo del prezzo del petrolio russo.

I grandi acquirenti come la Cina e l’India non hanno aderito al cap, ma se la soglia è fissata al di sopra dei prezzi di mercato, gli acquirenti e i venditori possono ignorare il limite e qualificarsi per i servizi assicurativi e di spedizione di cui hanno bisogno.

ARTICOLI CORRELATI:

Price cap sul petrolio russo: l’UE considera un intervallo tra 65-70 $

Il tetto al prezzo del petrolio russo del G7

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

Le alternative dell’Europa al gas russo

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.