Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Ecco la startup che ha riportato gli Stati Uniti sulla Luna

Missione compiuta: gli Stati Uniti sono tornati sulla Luna. Ieri il lander Odysseus di una startup con sede a Houston è atterrato sulla superficie dell’affascinante corpo celeste. La navicella della Intuitive Machines è il primo veicolo spaziale privato ad atterrare intatto sulla superficie lunare. Odysseus

Scopri

Unicredit emette con successo un obbligazione senior da 1 miliardo

UniCredit ha emesso con successo un’obbligazione senior non preferred da 1 miliardo di euro che rende quasi il 4,5% con scadenza 6 anni e possibilità di rimborso anticipato dopo 5 anni.

L’emissione è avvenuta in seguito a un processo di book building che ha raccolto domanda per oltre 2,1 miliardi di euro da parte di più di 150 investitori internazionali.

L’obbligazione scade il 16 febbraio 2029 e in apertura di collocamento è partita da 185 punti sopra il tasso midswap a 6 anni per poi scendere a fine mattinata a 160 punti. Il prezzo di emissione è di 99,842 per un rendimento della cedola del 4,45%.

L’obbligazione prevede la possibilità di una sola opzione call da parte dell’emittente al quinto anno, al fine di massimizzare l’efficienza dal punto di vista regolamentare. Dopo 5 anni, se l’obbligazione non verrà richiamata le cedole per i periodi successivi fino alla scadenza verranno fissate sulla base dell’Euribor a 3 mesi più lo spread iniziale di 160 punti base.

Il bond ha un taglio minimo di 150.000 euro (Isin XS2588885025) e sarà quotato alla borsa del Lussemburgo ma sotto legge italiana.

UniCredit ha sottolineato che l’allocazione finale ha visto la prevalenza di fondi (67%), banche e private banks (20%), hedge funds (7%) assicurazioni (3%), istituzioni e banche centrali (3%), con la seguente ripartizione geografica: Italia (27%), Francia (22%), UK (16%), Germania/Austria (13%), Benelux (9%), paesi nordici (5%), Spagna/Portogallo (4%) e Svizzera (1%). L’emissione è parte del Funding Plan per il 2023 e conferma ancora una volta la capacità di UniCredit di accedere al mercato in diversi formati.

Unicredit ha colto il momento giusto sfruttando le rosee condizioni del mercato primario europeo e il rally delle proprie azioni.

Unicredit emette obbligazione senior 1 miliardo

L’obbligazione, documentata nell’ambito del programma Euro Medium Term Notes dell’emittente, si classificherà come il debito Senior Non-Preferred in essere dell’emittente. I rating attesi sono i seguenti: Baa3 (Moody’s) / BBB- (S&P) / BBB- (Fitch), al limite del livello investment grade.

I rischi dell’obbligazione di Unicredit

Poiché questo è un momento magico per l’istituto guidato da Andrea Orcel, le richieste hanno più che raddoppiato l’offerta, arrivando a 2,1 miliardi. Ecco che l’obbligazione di Unicredit ha potuto spuntare un rendimento alla scadenza più basso delle previsioni iniziali.

Rispetto a un BTp a 5 anni, il premio si restringe a circa l’1%. Tuttavia, va considerata la diversa tassazione: i rendimenti dei titoli di Stato sono soggetti all’aliquota del 12,50%, anziché del 26%. Oltre a Unicredit, ad occuparsi dell’operazione sono state Citi, Deutsche Bank, Mediobanca, NatWest Markets, Santander e Société Générale.

L’obbligazione di Unicredit è di una tipologia particolare. Senior Non Preferred significa che, in caso di “bail-in“, parteciperebbe alle perdite della banca e quindi il suo capitale sarebbe intaccato. Tuttavia, ciò avverrebbe dopo le azioni e le obbligazioni subordinate.

Presenta, quindi, rischi significativamente maggiori rispetto a un’obbligazione senior ordinaria. Ma con ottimi rapporti di patrimonializzazione alla fine del 2022, la robustezza della banca sembra scongiurare un simile pericolo da qui ai prossimi anni. Unicredit ha un common equity tier 1 al 14,9%, un tier 1 al 18,65% e un total capital ratio al 21,42%, seconda solo a Intesa.

Proprio perché il bond Unicredit appena emesso appartiene ad una tipologia relativamente rischiosa, non è alla portata di tutti. Lo si comprende dal taglio minimo di 150.000 euro, che confina l’investimento alla sfera istituzionale.

Sottoscrivendo l’obbligazione l’investitore si espone al rischio sui tassi d’interesse. Nel caso in cui l’Euribor a 3 mesi tra 5 anni fosse inferiore a quello odierno, il rendimento risulterebbe più basso. D’altra parte, se l’emittente rimborsasse il titolo alla data prevista per la call, l’investitore perderebbe la cedola relativa all’ultimo anno.

ARTICOLI CORRELATI:

Google annuncia Bard, il rivale di ChatGPT

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Credit Suisse a rischio default: i CDS raggiungono i massimi storici mentre le azioni crollano

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.