Come Investire in Arte: Strategie Innovative e Consigli Pratici

Investire in arte non è solo un modo per arricchire il proprio spazio con bellezza e cultura, ma può anche rappresentare una strategia di investimento interessante e potenzialmente redditizia. Tuttavia, come ogni investimento, comporta rischi e richiede conoscenza e preparazione. Nel 2023, il valore complessivo

Scopri

Come Eseguire il Carry Trade e Massimizzare i Profitti

Il carry trade è un argomento di grande rilevanza nel mondo della finanza. Questo strumento di investimento, se ben compreso e gestito, può offrire opportunità significative. Tuttavia, è essenziale essere consapevoli dei rischi che comporta. In questo post, esamineremo il funzionamento del carry trade, le

Scopri

Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Credit Suisse a rischio default: i CDS raggiungono i massimi storici mentre le azioni crollano

L’indicatore del rischio default di Credit Suisse è salito al massimo storico mentre le sue azioni hanno toccato un nuovo minimo record. Solo quest’anno, le azioni della banca hanno perso circa il 60% e sono sulla buona strada per il calo annuale più grande nella storia dell’azienda.

credit suisse prezzo azioni minimo record rischio default

La capitalizzazione di mercato di Credit Suisse è scesa a circa 9,5 miliardi di franchi svizzeri, il che significa che qualsiasi vendita di azioni sarebbe altamente diluitiva per gli azionisti. Il valore di mercato era superiore a 30 miliardi di franchi fino a marzo 2021.

Credit Suisse capitalizzazione mercato

Il prezzo dei credit default swap (CDS) a cinque anni ha raggiunto il livello più alto di sempre a 293 punti base, da circa 55 punti base all’inizio dell’anno. Sebbene i livelli dei CDS siano ancora lontani dall’essere in difficoltà, nell’attuale contesto indicano un deterioramento della percezione dell’affidabilità creditizia della banca. Attualmente, c’è una probabilità di circa il 23% che la banca vada in default sulle sue obbligazioni entro 5 anni.

I problemi di credibilità dell’azienda sono iniziati già da tempo. Nel 2020, il CEO Tidjane Thiam è stato accusato di aver fatto spiare un altro manager. Un anno dopo, il presidente del Cda Antonio Horta-Osorio si è dimesso dopo essere stato accusato di non aver rispettato la quarantena imposta dal Covid. L’istituto è addirittura finito in un processo per droga che vedeva coinvolto un ex dipendente della banca.

Gli episodi più recenti riguardano il fallimento di due fondi di investimento, Archegos e Greensill. Con il primo, Credit Suisse ha realizzato una perdita di 5 miliardi di dollari mentre con il secondo ha perso 4,8 miliardi di dollari.

La strategia di Credit Suisse

Credit Suisse sta attualmente finalizzando piani che vedranno cambiamenti radicali nella sua banca di investimento e tagli di migliaia di posti di lavoro. L’azienda ha affermato che sta lavorando su possibili vendite di asset mentre cerca modi per ridurre i costi e ripristinare la redditività nell’ambito di un piano strategico che sarà annunciato alla fine di ottobre.

Sebbene Credit Suisse non abbia fornito dettagli sui disinvestimenti, Bloomberg ha riferito che i dirigenti stanno valutando la vendita delle sue operazioni di gestione patrimoniale in America Latina escluso il Brasile. L’azienda sta anche valutando accordi per vendere il suo gruppo di prodotti cartolarizzati e sta considerando di rilanciare il marchio First Boston.

L’azienda ha parlato con potenziali acquirenti per il suo gruppo di prodotti cartolarizzati, un’attività commerciale con $ 75 miliardi di attività. L’unità acquista e vende titoli garantiti da pool di mutui e altre attività, come prestiti automobilistici e debiti di carte di credito. Apollo Global Management Inc. e BNP Paribas SA sono tra gli investitori che hanno mostrato interesse ad acquisire almeno una parte di questa unità di business.

Se perseguito, un rebranding di First Boston aumenterebbe la speculazione secondo cui Credit Suisse potrebbe eventualmente scorporare o separare l’unità di investment banking, anche se le persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che non ci sono piani immediati per scindere la divisione.

La nota del CEO di Credit Suisse

L’amministratore delegato Ulrich Koerner ha pubblicato una nota per cercare di calmare i dipendenti e i mercati durante il fine settimana. Tuttavia, le dichiarazioni hanno avuto l’effetto opposto. Pur pubblicizzando i livelli di capitale e la liquidità della banca, l’amministratore delegato ha riconosciuto che l’azienda sta affrontando un momento critico.

Koerner ha detto ai dipendenti di non confondere l’andamento quotidiano del prezzo delle azioni con la forte base di capitale e la posizione di liquidità dell’azienda.

Pur ammettendo che c’è molta incertezza e speculazione sia all’interno che all’esterno della banca, il CEO ha affermato che invierà un aggiornamento regolare al personale fino al termine della sua revisione strategica il 27 ottobre.

Koerner ha inoltre chiesto al personale di rimanere disciplinato e vicino ai clienti nonostante tutta l’attenzione dei media che la banca sta ricevendo.

Il paragone con Deutsche Bank

Gli analisti della KBW hanno fatto confronti con la crisi di fiducia che ha scosso Deutsche Bank AG sei anni fa. La banca tedesca ha dovuto affrontare preoccupazioni a breve termine sul costo di un accordo per porre fine a un’indagine statunitense relativa ai titoli garantiti da ipoteca. In quel periodo, Deutsche Bank ha visto salire i suoi credit default swap e il suo credit rating è stato declassato.

Lo stress si è attenuato nel corso di diversi mesi quando l’azienda tedesca ha raccolto circa 8 miliardi di euro di nuovo capitale e ha annunciato un rinnovamento della strategia. Tuttavia, quello che la banca ha definito un “circolo vizioso” di calo delle entrate e aumento dei costi di finanziamento ha richiesto anni per invertire.

Ci sono differenze tra le due situazioni. Credit Suisse non deve affrontare nessun problema sulla scala del regolamento di 7,2 miliardi di dollari di Deutsche Bank e il suo coefficiente di capitale chiave del 13,5% è superiore al 10,8% che l’azienda tedesca aveva sei anni fa.

Lo stress che Deutsche Bank ha dovuto affrontare nel 2016 ha portato alla dinamica insolita in cui il costo dell’assicurazione contro le perdite sul debito a un anno ha superato quello della protezione a cinque anni. Gli swap a un anno di Credit Suisse sono ancora notevolmente più convenienti di quelli a cinque anni.

ARTICOLI CORRELATI:

Il mercato di cui nessuno parla è forse il più importante: il Repo Market

Cosa è successo nel Repo Market a Settembre del 2019?

Il mercato più importante di tutti: la differenza tra il Bilateral e il Tri-party Repo

Gli haircut e la prociclicità del Repo Market

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.