Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

Usare il tasso di disoccupazione come segnale di recessione

Lo scorso venerdì i dati sull’occupazione statunitense hanno mostrato che il tasso di disoccupazione è salito al 3,9% nel mese di ottobre, il massimo in due anni. Pur essendo una lettura storicamente bassa, è al di sopra del minimo del 3,4% toccato all’inizio dell’anno. Ciò ha fatto scattare l’allarme tra i profeti di sventura. La famosa regola di Sahm sta per essere innescata. Si tratta di un indicatore di recessione estremamente accurato che prende il nome da Claudia Sahm, ex-economista della Federal Reserve. La regola di Sahm si è innescata all’inizio di ogni recessione a partire dal 1970. Vediamo di che cosa si tratta nel dettaglio e perché oggi utilizzare il tasso di disoccupazione come segnale di recessione potrebbe essere sbagliato.

La regola di Sahm

Incrementi relativamente modesti del tasso di disoccupazione, anche a partire da livelli bassi, segnalano tipicamente una recessione. Secondo la regola di Sahm, se la media trimestrale del tasso di disoccupazione è di mezzo punto percentuale o più al di sopra del minimo dei 12 mesi precedenti, l’economia entra in recessione. Si usa la media trimestrale perché spesso il tasso mensile oscilla troppo.

Il punto in cui ci troviamo ora non è sufficiente per formulare tale appello, ma è preoccupante. Il valore attuale è di 0,33 punti percentuali, quindi è altamente improbabile che ci troviamo in una recessione, almeno per ora.

tasso disoccupazione segnale recessione

Anche se il tasso di disoccupazione rimane ben al di sotto della media storica è comunque aumentato e minaccia di innescare un circolo vizioso di ulteriore disoccupazione che porta ad una recessione. Quando i lavoratori perdono lo stipendio, tagliano le spese, e quando le aziende perdono clienti, hanno bisogno di meno lavoratori, e così via. Attualmente i segnali sono contrastanti: il tasso di assunzioni è sceso al di sotto dei livelli pre-pandemia, mentre il tasso di licenziamento rimane basso. E quest’anno la crescita della spesa al consumo è stata forte.

Tuttavia, l’aumento del tasso di disoccupazione è un fenomeno che merita di essere osservato attentamente. Una volta avviato, il circolo vizioso si auto-rinforza e accelera. Anche nelle recessioni più lievi, come quella del 2001, il tasso di disoccupazione aumenta di due punti percentuali rispetto al minimo pre-recessione. In media aumenta di quasi quattro punti percentuali. Oggi ciò implicherebbe un tasso di disoccupazione superiore al 5% e almeno tre milioni di persone in più senza lavoro.

tasso disoccupazione USA ottobre

Il segnale di recessione dato dal tasso di disoccupazione potrebbe non essere accurato

Gli indicatori di recessione economica come la regola Sahm sono regolarità empiriche basate sul passato, non leggi della natura. La pandemia è stata estremamente dirompente e il riequilibrio dell’economia è stato lento e disordinato. Ciò vale tanto per l’inflazione e le catene di approvvigionamento quanto per il mercato del lavoro.

Il tasso di disoccupazione è salito fino a quasi il 15% in due mesi nella primavera del 2020, per poi crollare al 3,4% solo tre anni dopo. Ricordiamo che ci è voluto un decennio dall’inizio della Grande Recessione nel 2008 perché la disoccupazione raggiungesse livelli così bassi. La storia del mercato del lavoro dall’inizio della pandemia è complessa, con la domanda e l’offerta di lavoro che si muove bruscamente e spesso a velocità diverse.

Dopo più di due anni di grave carenza di manodopera, i lavoratori stanno ancora tornando a un ritmo leggermente più veloce rispetto ai nuovi posti di lavoro creati. La partecipazione alla forza lavoro delle donne in età avanzata è ai massimi storici dopo un calo enorme nel 2020. I lavoratori con disabilità e gli uomini di colore hanno ottenuto risultati storici. Dopo l’interruzione dovuta alla pandemia, gli immigrati con visto lavorativo stanno di nuovo entrando nel Paese. La crescente offerta di lavoratori è positiva per il riequilibrio del mercato del lavoro, anche se inizialmente si manifesta con tassi di disoccupazione leggermente più elevati.

Se così fosse, il segnale di recessione basato sul tasso di disoccupazione della regola di Sahm questa volta potrebbe non essere così accurato. Nel percorso di ritorno alla normalità del mercato del lavoro, la disoccupazione potrebbe superare il 4% per un certo periodo. Ciò innescherebbe la regola di Sahm ma non una recessione.

L’attuale ciclo economico è molto diverso da quelli passati

La regola di Sahm non sarebbe il primo indicatore di recessione a non funzionare in questo ciclo economico. L’anno scorso, il PIL reale è diminuito per due trimestri consecutivi senza che il National Bureau of Economic Research dichiarasse una recessione. Ciò non si verificava dal 1947, almeno negli Stati Uniti. I cali sono stati guidati da una forte diminuzione delle esportazioni nette e da ampie oscillazioni nelle scorte, entrambi coerenti con le interruzioni delle catene di approvvigionamento globali.

Se il recente aumento della disoccupazione dovesse continuare, questa volta potrebbe essere diverso in modi meno ottimistici. In genere, durante una recessione, il Congresso, indipendentemente dal partito al potere, aumenta i sussidi di disoccupazione e altre reti di sicurezza sociale. Ma una risposta simile oggi è meno probabile, visti gli elevati tassi di inflazione e le tensioni sul deficit del bilancio federale.

ARTICOLI CORRELATI:

La regola di Sahm: cos’è e perché questa volta potrebbe non funzionare?

La relazione tra disoccupazione e recessione

La Fed non può domare l’inflazione senza causare una recessione, afferma uno studio

Le tipologie di disoccupazione

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.