Black Friday 2022: tra eccesso di scorte e promozioni

Il tuo affare del Black Friday nel 2022 sarà molto probabilmente una rimanenza della primavera. Visto che i rivenditori hanno troppe scorte, le offerte non mancheranno e saranno accolte con favore da molti acquirenti a corto di denaro.

Nel 2021, i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento hanno lasciato i negozi in difficoltà per riempire gli scaffali vuoti. Le offerte del Black Friday erano bloccate nel Pacifico.

Mentre gli ordini si facevano lentamente strada dall’Asia nella prima parte di quest’anno, i consumatori hanno iniziato a frenare la spesa a causa dell’aumento dell’inflazione, acquistando solo le cose di cui avevano bisogno. All’improvviso, la carenza di beni durevoli, come elettrodomestici e articoli per la casa, si è trasformata in un eccesso che doveva essere fortemente scontato.

Una semplice analisi della differenza tra le vendite e la crescita delle scorte di alcuni dei rivenditori statunitensi più grandi mostra che la montagna di merci invendute si è ridotta dal primo trimestre ma non è stata ancora eliminata.

Black Friday 2022: eccesso scorte

Macy’s Inc. ha gestito bene il suo inventario durante tutto l’anno mentre le scorte di Kohl’s Corp. rimangono in eccesso rispetto allo scorso anno. L’inventario di Target Corp. nel terzo trimestre è aumentato del 50% rispetto allo stesso periodo di tre anni fa. Le scorte di Walmart, sebbene siano state significativamente ridotte, rimangono elevate rispetto ai livelli pre-pandemia.

Dove si concentreranno le promozioni?

I rivenditori nel settore della vendita di beni non essenziali sono particolarmente inclini a offrire forti sconti durante il Black Friday 2022. Target è stata particolarmente aggressiva nella promozione di mobili per la casa, elettronica e giocattoli. L’amministratore delegato Brian Cornell la scorsa settimana ha dichiarato che l’azienda ha dovuto affrontare un inaspettato tasso di margine lordo contrario a causa di vendite promozionali superiori al previsto, poiché gli ospiti si sono allontanati dagli acquisti a prezzo pieno.

Questo fine settimana vedrà sconti online record per categorie tra cui elettronica e giocattoli, secondo Adobe Analytics. La maggior parte delle 60 catene più grandi negli Stati Uniti e in Europa hanno promosso molte più offerte rispetto allo scorso anno. Nel 2021, i deals sono stati per lo più in calo rispetto al 2020. Quest’anno, le offerte torneranno ai livelli del 2019.

Data l’entità delle scorte in eccesso, le offerte del Black Friday 2022 comprenderanno lo stock della stagione in corso e gli articoli in circolazione dalla primavera.

rapporto scorte vendite

Poiché gli americani concentrano la loro spesa su generi alimentari e altri beni di prima necessità, avranno bisogno di tali occasioni per prendere in considerazione l’acquisto di beni discrezionali.

Il Black Friday in Europa

Il quadro in Europa è più complesso. Il Black Friday è diventato un appuntamento fisso oltreoceano negli ultimi dieci anni ma è probabilmente il più grande atto di autolesionismo nella storia della vendita al dettaglio, poiché tutto ciò che fa per la maggior parte delle catene è anticipare le vendite che sarebbero avvenute in seguito a prezzi più alti. Il denaro alla cassa può aumentare, ma i profitti vengono sacrificati.

PwC prevede che i consumatori del Regno Unito spenderanno 7,5 miliardi di sterline (8,9 miliardi di dollari) questo Black Friday, 500 milioni di sterline in più rispetto allo scorso anno. Anche se i britannici affrontano l’aumento dei costi dell’energia, l’inflazione alimentare e l’aumento dei tassi ipotecari, la domanda finora sta reggendo.

Mentre molti sconti sembrano essere stati pianificati, altri sembrano più istintivi. Ad esempio, Marks & Spencer Group Plc, tradizionalmente un punto di riferimento per il settore della vendita al dettaglio nel Regno Unito, offre ora il 20% di sconto su tutti i cappotti, giacche e stivali.

Le preoccupazioni dei rivenditori

Per gli acquirenti europei, schiacciati dall’aumento dei prezzi dell’energia, la guerra in Ucraina sta pesando sulla fiducia.

europa consumer sentiment

L’attuale panorama economico sta preoccupando i retailer europei. Secondo un sondaggio di Ankorstore condotto su 570 rivenditori indipendenti provenienti da Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, la crisi economica avrà un notevole impatto sui consumi. L’80% dei rivenditori intervistati ha dichiarato di aver percepito una riduzione del potere d’acquisto dei consumatori, il 46% ha parlato invece dell’aumento dei prezzi dell’energia e il 43% della concorrenza delle catene della gdo e dei siti ecommerce.

Indipendentemente dal Paese di provenienza, non cambiano le strategie per affrontare il periodo di crisi: il 63% degli intervistati cercherà di ridurre il consumo di energia, il 54% investirà nella pubblicità tramite i canali social e il 47% limiterà le scorte.

Su entrambe le sponde dell’Atlantico, c’è una situazione di stallo tra negozi e acquirenti. I budget dei consumatori sono sotto pressione mentre i rivenditori hanno troppe scorte. Le vendite al dettaglio di ottobre sono state resilienti, senza dubbio aiutate dai primi sconti del Black Friday all’inizio del mese, ma aziende come Target, Macy’s e Kohls hanno registrato un rallentamento della spesa verso la fine del mese.

In questo contesto, i rivenditori devono mantenere i nervi saldi, attenersi il più possibile alle promozioni pianificate piuttosto che offrire sconti più profondi per stimolare le vendite o scaricare scorte indesiderate. Dopotutto, questa sarà la prima stagione delle vacanze in tre anni in cui le economie saranno completamente aperte.

ARTICOLI CORRELATI:

In che modo le elezioni di medio termine impattano il tuo portafoglio?

Dovesti credere al Rally di Natale?

I giorni migliori per la crescita degli utili sono ormai dietro di noi

Amazon Prime Day: come impatta sul prezzo?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy