Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 28

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

La stagione degli earnings è stata inaugurata come al solito dalle grandi banche. I risultati deludenti di JP Morgan e Morgan Stanley sono stati in gran parte compensati da Citigroup. Il titolo è salito del 13% e ha aiutato a cancellare parte delle perdite settimanale del settore finanziario.

I titoli energetici sono stati i peggiori, con i timori della recessione che superano quelli sulle limitazioni dell’offerta. Il settore è il peggiore dall’inizio del mese ma rimane ancora in testa su base year-to-date.

Le performance settoriali YTD dalla piattaforma Quantaste

Complessivamente, tutti i settori dell’S&P 500 hanno chiuso in rosso, ad eccezione dei consumer staples con un modesto +0.05%.

Nonostante le azioni siano state comprate durante la sessione di venerdì, gli indici azionari hanno perso terreno nella settimana appena conclusa. Il Nasdaq ha guidato il ribasso mentre il Dow Jones ha avuto le perdite più contenute. Il VIX è sceso per la quinta settimana consecutiva, chiudendo sotto i 25. La scadenza di 1.9 trilioni di opzioni venerdì questa volta non ha agito da catalizzatore al ribasso delle azioni.

Mercato obbligazionario e inversione della curva

L’indice di volatilità dei Treasury statunitensi è sceso nella settimana appena conclusa. Il MOVE index aveva continuato a salire, in netta divergenza con il VIX. Il gap tra i due indici di volatilità rimane piuttosto ampio.

I rendimenti delle obbligazioni a breve termine, quelli più influenzate dalla politica della Fed, sono saliti mentre i rendimenti delle obbligazioni a più lunga scadenza sono scesi con decisione, guidati dal rendimento a 30 anni che è sceso di 15 punti base.

L’appiattimento della curva è sempre più evidente e alcune parti sono addirittura invertite. Lo spread tra il rendimento a 10 anni e quello a 2, quello più osservato dagli investitori per determinare la salute dell’economia, ha raggiunto il livello più basso dal 2000.

Da notare è anche il rapido appiattimento dello spread tra i 10 anni e i 3 mesi, uno dei preferiti della Fed. Powell aveva sottolineato che il fatto che questo spread fosse in fase di steepening non suggerisse imminenti pericoli per l’economia. Secondo il presidente della Fed, questo spread è molto più affidabile degli altri nel prevedere le recessioni. Adesso sta scendendo drasticamente.

Secondo il sondaggio preliminare dell’University of Michigan, le aspettative di inflazione dei consumatori sono leggermente diminuite. Ciò è stato sufficiente a raffreddare le aspettative su un aumento di 100 punti base a luglio. La probabilità di un aumento di tale entità si è ridotta al 20%, molto al di sotto della probabilità del 70% vista all’inizio della settimana.

Gli speaker della Fed

Nel corso della settimana hanno parlato diversi membri della Fed. Bullard ha affermato che il recente rapporto sull’inflazione significa che la Fed dovrebbe puntare a un tasso del 3,75-4,00% entro la fine dell’anno. Ha inoltre notato che la Fed potrebbe fare di più sui tassi, distribuendo gli aumenti sui restanti incontri dell’anno. Ha aggiunto che l’inflazione si sta rivelando più ampia e persistente ma che ha le potenzialità per scendere abbastanza rapidamente nei prossimi 18 mesi se la Fed gioca bene le sue carte.

Bostic ha detto che l’aumento di 75 punti base ha rappresentato una grande mossa e che la Fed vuole essere ordinata. Ha avvertito che un movimento troppo drammatico potrebbe minare gli aspetti positivi dell’economia e aumentare l’incertezza. Daly non è preoccupata per gli aumenti dei tassi e ha chiarito che la Fed non ha intenzione di portare i tassi a “massimi estremi”.

La forza del dollaro e la parità con l’euro

Il dollaro è salito per la sesta settimana delle ultime sette, raggiungendo il livello più alto dal 2002. Sulla base di un indice della Fed, che misura il suo valore rispetto alle valute più importanti nel commercio internazionale, il dollaro si trova vicino al picco del panico del Covid.

Il Trade Weighted Dollar Index

Dall’altra parte, l’euro è sceso e ha raggiunto la parità con il dollaro. L’incertezza politica dell’Italia e il rischio di frammentazione non ha di certo aiutato a frenare le perdite. La BCE aumenterà i tassi di 25 punti base questo giovedì e molti si aspettano chiarimenti sul nuovo strumento anti crisi che, secondo la Lagarde, dovrebbe servire a contenere gli spread dei paesi periferici.

Materie prime e crypto

Le materie prime sono scese per la quinta settimana consecutiva. Il Bloomberg Commodity Index è tornato ai livelli pre-invasione.

L’oro è tornato al di sotto di $ 1700, il minimo da agosto 2021. Il prezzo sta tornando nella parte bassa del range di trading in cui ha scambiato dall’inizio del 2020.

I prezzi del petrolio sono scesi per la quarta settimana delle ultime 5, chiudendo sotto i 100$. Questo fine settimana Biden ha visitato l’Arabia Saudita ma l’incontro con il principe non ha portato a un vero accordo per un aumento della produzione.

Il rame ha registrato il suo peggior calo settimanale in un anno ed è sceso sotto i $ 7.000 per la prima volta dal 2020 a causa delle crescenti preoccupazioni sulla recessione.

In controtendenza, il natural gas è risalito sopra i 7 $.


Bitcoin ha avuto un’altra settimana in rosso, mentre un rimbalzo di fine settimana ha portato Ethereum in verde. Quest’anno però è stata una vera e propria carneficina sul mercato delle crypto.

Le performance YTD delle crypto dalla piattaforma Quantaste
ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 27

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 26

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 25

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.