Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 33

cosa muovere mercati finanziari settimana 33
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Per i sostenitori del rally estivo, la sessione di venerdì ha portato notizie fredde. Dati provenienti da Wall Street hanno mostrato che gli hedge fund si stavano avvicinando di nuovo ai loro short. Un paniere che segue i titoli preferiti degli short sellers è scivolato di oltre il 6%, portando il suo calo settimanale al massimo da marzo 2020.

Gli argomenti rialzisti includono utili solidi e schemi grafici che suggeriscono che i guadagni potrebbero durare. Al contrario, per chi sostiene la tesi ribassista c’è il fatto che il rally azionario si mette contro l’obiettivo della Fed attraverso l’allentamento delle condizioni finanziarie. Anche la probabilità di una recessione rimane centrale. Dal sondaggio sui gestori globali di denaro si capisce che la recessione fa parte ormai del consenso.

probabilità recessione USA
La percentuale di gestori di fondi che pensa che la recessione arriverà nei prossimi 12 mesi è salita al 58%

Gli investitori hanno ignorato gli avvertimenti dei funzionari della Fed, che hanno sottolineato di non essere affatto intenzionati a mettere in pausa il ciclo di inasprimento a breve.

La presidente della Fed di San Francisco Mary Daly ha affermato che la banca centrale dovrebbe aumentare i tassi di interesse sopra il 3% entro la fine dell’anno. Anche altri due membri del FOMC, James Bullard di St. Louis e Esther George di Kansas City, sono rimasti fermi sulla necessità di aumentare i tassi. Thomas Barkin di Richmond ha fatto eco alle loro affermazioni, notando però il rischio che gli sforzi possano causare una recessione.

I trader adesso sono focalizzati sul Jackson Hole del 25-27 agosto. Molti si aspettano affermazioni hawkish dal presidente Powell. C’è stato un grande cambiamento nel sentiment e forse un po’ troppo compiacimento.

Il calo delle azioni della settimana appena conclusa ha seguito un rally che ha spinto l’S&P 500 in rialzo di oltre il 15% rispetto al minimo di giugno. L’indice ha trovato resistenza in prossimità della media a 200 periodi.

S&P 500 media mobile 200 periodi

Uno dei driver che ha contribuito maggiormente alla forza del rally sta mostrando segni di esaurimento: lo short covering. Gli sforzi dei venditori allo scoperto per sciogliere le scommesse ribassiste hanno generato un’ondata di acquisti che hanno alimentato la salita del mercato azionario.

Gli hedge fund che fanno scommesse azionarie sia rialziste che ribassiste hanno praticamente smesso di acquistare azioni da dare indietro ai prestatori, dopo aver raggiunto il ritmo di short covering più veloce in più di due anni, secondo i dati dell’unità prime broker di JPMorgan.

short covering giugno 2022

I dati di Goldman hanno mostrato che le vendite allo scoperto superano gli acquisti di un rapporto di 3 a 1. Le vendite nette hanno raggiunto il massimo in tre settimane.

Ci sono ancora molte posizioni ribassiste, secondo i dati di Morgan Stanley. Mentre da giugno sono stati coperti 50 miliardi di dollari, l’importo netto degli short aggiunti rimane elevato, attestandosi a 165 miliardi di dollari quest’anno. Quindi lo short covering potrebbe non essere ancora terminato.

La forza del dollaro

I discorsi hawkish degli speaker della Fed hanno risvegliato il dollaro, che ha registrato un guadagno settimanale del 2,3%, il più grande da aprile 2020. Di conseguenza, le principali valute si sono indebolite. L’euro è di nuovo vicino alla parità.

euro dollaro parità

Il cable ha registrato la sua peggiore performance settimanale da settembre 2020. La sterlina è scesa al livello più basso rispetto all’euro in quasi un mese.

La lettura a due cifre dell’inflazione nel Regno Unito ha spronato i trader del mercato monetario a scommettere che la Bank of England raddoppierà i tassi d’interesse al 3,75% entro marzo dall’1,75% attuale.

In teoria, l’aumento dei tassi dovrebbe agire come un vento favorevole per le valute. Tuttavia, le scarse prospettive di crescita del Regno Unito, la pressione inflazionistica e l’incertezza sul percorso della politica sotto un nuovo leader stanno indebolendo la sterlina.

sterlina contro dollaro minimo 2020
Il death cross sul grafico settimanale del future del pound

Il dollaro in ripresa ha soffocato il nascente rally dello yen, proprio quando gli speculatori avevano rinunciato a scommettere contro la valuta giapponese. Secondo gli ultimi dati della Commodity Futures Trading Commission, gli investitori con leva hanno ridotto le loro scommesse ribassiste sullo yen al minimo da marzo 2021. Il dollaro è balzato di quasi il 3% rispetto allo yen la scorsa settimana, aiutato da un’impennata dei rendimenti dei Treasury.

dollaro contro yen

Il petrolio è vicino al contango

Il petrolio ha chiuso la settimana in ribasso. Nonostante gli scambi instabili, è riuscito a tenere i 90 $.

Alcune informazioni interessanti emergono dal mercato dei futures. Il calendar spread tra il contratto con la consegna a un mese e quello a 3 mesi si sta comprimendo velocemente ed è ora vicino al contango.

cosa fa muovere i mercati settimana 33: contango petrolio

Sembrerebbe quindi che la corsa per cercare di accaparrarsi i barili di petrolio il prima possibile stia per giungere al termine.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 32

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 31

Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 30

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy