Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

Inflazione a doppia cifra in Regno Unito

L’inflazione a doppia cifra nel Regno Unito aggiunge pressione alla Bank of England. L’indice dei prezzi al consumo ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 40 anni, aumentando del 10,1% a luglio rispetto all’anno precedente. A giugno il CPI era aumentato del 9,4%.

L’aumento dei prezzi dei generi alimentari ha fornito il contributo maggiore, in particolare quello di prodotti da forno, latticini, carne e verdure. Anche l’aumento dei prezzi di alcuni beni di prima necessità ha spinto l’inflazione a luglio.

L’inflazione core, che esclude energia, cibo, alcol e tabacco, è aumentata al 6,2% rispetto a un anno fa, più del 5,9% stimato dagli economisti.

La BOE prevede che l’inflazione supererà il 13% a ottobre, quando il prezzo massimo dell’energia verrà ripristinato e il governatore Andrew Bailey ha segnalato che è pronto ad aumentare ulteriormente i tassi d’interesse.

inflazione doppia cifra Regno Unito
L’inflazione a doppia cifra del Regno Unito e le sue componenti

I contendenti che cercano di sostituire Boris Johnson come primo ministro promettono ulteriori aiuti alle famiglie per affrontare l’aumento dei prezzi.

Dati separati hanno mostrato che le pressioni sui prezzi dei gasdotti si sono allentate, con i prezzi del carburante e delle materie prime in aumento solo dello 0,1% a luglio, il più piccolo aumento mensile da dicembre. Ciò è dovuto principalmente al calo dei prezzi del greggio durante il mese.

Tuttavia, i prezzi degli input rimangono solo leggermente al di sotto del record registrato a giugno. I prezzi alla produzione sono aumentati dell’1,6% su base mensile e del 17,1% rispetto all’anno precedente, il più grande aumento annuale dal 1977.

inflazione prezzi produzione Regno Unito

Anche un’altra misura dell’inflazione utilizzata per stabilire i pagamenti sui titoli di Stato indicizzati ha registrato un aumento a doppia cifra. Il Retail Price Index è aumentato del 12,3% rispetto a un anno fa, l’aumento più grande dal 1981.

Bailey ha incolpato la Russia per l’aumento dell’inflazione, accusandola di soffocare le forniture di gas naturale, aumentando il costo dell’elettricità in tutta Europa. I futures sul gas incorporati nelle previsioni della BOE questo mese erano quasi il doppio rispetto a maggio e sono aumentati ulteriormente nell’ultima settimana.

I salari reali e la crisi del costo della vita

L’inflazione a doppia cifra sta davvero mettendo a dura prova i salari reali, anche con una forte crescita dei salari nominali. Ciò è destinato a peggiorare con l’aumento delle bollette energetiche in arrivo a ottobre. I salari reali aggiustati all’inflazione sono scesi del 3% in tre mesi, il ritmo più veloce dall’inizio della raccolta dei dati nel 2001.

salari Regno Unito

Ci sono prove che la crisi del costo della vita stia iniziando a ridurre la domanda di lavoratori. L’occupazione è aumentata di 160.000 unità nel secondo trimestre, il 46% in meno rispetto ai tre mesi fino a maggio. I posti di lavoro vacanti sono diminuiti di 19.800 a 1,27 milioni.

Per ora, la maggior parte delle misure del mercato del lavoro è rimasta rigida. Il numero delle buste paga è salito di 73.000 a luglio, quasi il triplo del previsto. I guadagni settimanali medi inclusi i bonus sono aumentati del 5,1% nel secondo trimestre e la disoccupazione è storicamente bassa.

Il governatore della Bank of England è preoccupato che la tensione nel mercato del lavoro stia alimentando una pressione al rialzo sui salari. Più avanti, le prospettive sono meno brillanti, con la BOE che prevede che la disoccupazione salirà a oltre il 6% con l’aggravarsi della crisi del costo della vita.

Il rischio recessione

Gli economisti stanno diventando sempre più pessimisti sull’economia del Regno Unito. Adesso il rischio di una recessione è considerato molto più alto. Secondo un sondaggio di Bloomberg, la probabilità di una recessione nei prossimi 12 mesi è del 75%, in forte aumento rispetto al 44% di inizio luglio e superiore a qualsiasi altro periodo da settembre 2020.

probabilità recessione Regno Unito

La Bank of England prevede che il Regno Unito entrerà in recessione a partire dal quarto trimestre di quest’anno e che il reddito reale delle famiglie al netto delle imposte continuerà a diminuire nei prossimi due anni. Di conseguenza, la crescita dei consumi diventerà negativa.

L’onestà con cui la Bank of England ha ammesso che sarà necessaria una recessione per affrontare un’inflazione così elevata ha sorpreso molti. Le prospettive di inflazione sono così terribili che la banca centrale ritiene di non avere altra scelta che prevedere una recessione economica.

Le aspettative sui tassi d’interesse

A seguito dell’uscita dei dati sull’inflazione, i mercati monetari hanno scommesso che la Bank of England raddoppierà i tassi d’interesse entro febbraio.

All’inizio di questo mese i funzionari hanno aumentato i tassi d’interesse al massimo in più di 25 anni all’1,75%, e gli operatori scommettono su ulteriori 175 punti base di inasprimento per tenere sotto controllo l’inflazione. Per la prima volta in un mese è previsto un aumento di mezzo punto a settembre.

ARTICOLI CORRELATI:

Inflazione nel Regno Unito al massimo degli ultimi 40 anni

L’avvertimento della Bank of England: una recessione è inevitabile!

Banche centrali: come stanno influenzando i mercati finanziari?

La strada per il ritorno dell’inflazione al 2% non è spianata

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.